GORGO

Evoca1 – New Mural at Art Basel 2014

Tra gli ospiti di questa edizione dell’Art Basel 2014, non poteva certo mancare Evoca1, l’interprete Domenicano ha infatti da poco terminato di dipingere questa nuova parete portando in dote tutto il suo personale immaginario.

Dopo il bell’intervento realizzato a Providence qualche giorno fa e curato dalla Inoperable Gallery di Vienna (Covered), l’artista si è quindi spostato a Miami dove ha avuto modo di realizzare un nuovo intervento su questa grande parete nella zona di Wynwood.

Per noi è quindi l’opportunità per tornare ad approfondire il lavoro di Evoca1, un nuovo bagno emotivo all’interno delle particolari dinamiche tematiche e delle intense visioni pittoriche. Come spesso abbiamo avuto il piacere di constatare, l’approccio stilistico dell’artista con base proprio a Miami, è direttamente connesso con la particolare volontà dello stesso di veicolare un dialogo emotivo, sensibile e capace di entrare in contatto con chi osserva. In questo senso le produzioni dell’autore Domenicano sviluppano una personale riflessione sul particolare rapporto che intercorre tra la natura e l’essere umano. In questo senso l’artista va a sviluppare una personale lettura tematica capace di mettere l’accento in particolare sul rapporto tra l’uomo e gli animali. L’interprete attraverso il proprio lavoro indaga quindi una delle più antiche dinamiche ponendo l’uomo spesso all’interno di situazioni surreali, al limite dalla morte, e rivendicando al tempo stesso la naturale coesistenza che da sempre intercorre tra le varie specie del pianeta.

Come il suo nome suggerrisce, l’artista sviluppa queste tematiche attraverso un piglio altamente evocativo, le opere quindi si muovono per mezzo di una pittura intensa, carica di elementi viscerali, con una quindi propensione al dettaglio incredibile. La grande realisticità che accompagna le figure rappresentate viene sviluppata in funzione di immagini in cui sia gli uomini che gli animali rappresentati sembrano essere invasi da un continuo senso di movimento ed al tempo contrapposti da differenti scelti cromatici. Osservando infatti le produzioni del Domenica vediamo come i differenti protagonisti delle sue pitture vengono raffigurati attraverso divergenti stimoli cromatici, con tinte profonde e colori terreni da una parte, il bianco ed il nero e le relative sfumature dall’altro. L’idea è quindi di una contrapposizione anche visiva capace di stimolare chi osserva stuzzicando a prendere una propria posizione, al tempo stesso proprio il dialogo tra le specie alimenta emozioni e sensazioni differenti in quella che diviene presto una personale riflessione su se stessi e sul proprio giusto posto al mondo.

Evoca1 per questa sua ultima fatica realizza un nuova ed intensa pittura, questa volta a confronto vediamo alcuni tori mentre dalla parte opposto il corpo stanco di un torero lentamente si accascia a terra, quasi in attesa della propria morte.

Ad accompagnare il nostro testo una bella serie di scatti con tutti i dettagli di quest’ultima fatica, dateci un occhiata e se vi siete persi qualcosa nella nostra apposita sezione potete dare un occhiata alle pareti di cui fin qui vi abbiamo parlato.

Pics by Jaime Gonzalez

Evoca1 – New Mural at Art Basel 2014

Tra gli ospiti di questa edizione dell’Art Basel 2014, non poteva certo mancare Evoca1, l’interprete Domenicano ha infatti da poco terminato di dipingere questa nuova parete portando in dote tutto il suo personale immaginario.

Dopo il bell’intervento realizzato a Providence qualche giorno fa e curato dalla Inoperable Gallery di Vienna (Covered), l’artista si è quindi spostato a Miami dove ha avuto modo di realizzare un nuovo intervento su questa grande parete nella zona di Wynwood.

Per noi è quindi l’opportunità per tornare ad approfondire il lavoro di Evoca1, un nuovo bagno emotivo all’interno delle particolari dinamiche tematiche e delle intense visioni pittoriche. Come spesso abbiamo avuto il piacere di constatare, l’approccio stilistico dell’artista con base proprio a Miami, è direttamente connesso con la particolare volontà dello stesso di veicolare un dialogo emotivo, sensibile e capace di entrare in contatto con chi osserva. In questo senso le produzioni dell’autore Domenicano sviluppano una personale riflessione sul particolare rapporto che intercorre tra la natura e l’essere umano. In questo senso l’artista va a sviluppare una personale lettura tematica capace di mettere l’accento in particolare sul rapporto tra l’uomo e gli animali. L’interprete attraverso il proprio lavoro indaga quindi una delle più antiche dinamiche ponendo l’uomo spesso all’interno di situazioni surreali, al limite dalla morte, e rivendicando al tempo stesso la naturale coesistenza che da sempre intercorre tra le varie specie del pianeta.

Come il suo nome suggerrisce, l’artista sviluppa queste tematiche attraverso un piglio altamente evocativo, le opere quindi si muovono per mezzo di una pittura intensa, carica di elementi viscerali, con una quindi propensione al dettaglio incredibile. La grande realisticità che accompagna le figure rappresentate viene sviluppata in funzione di immagini in cui sia gli uomini che gli animali rappresentati sembrano essere invasi da un continuo senso di movimento ed al tempo contrapposti da differenti scelti cromatici. Osservando infatti le produzioni del Domenica vediamo come i differenti protagonisti delle sue pitture vengono raffigurati attraverso divergenti stimoli cromatici, con tinte profonde e colori terreni da una parte, il bianco ed il nero e le relative sfumature dall’altro. L’idea è quindi di una contrapposizione anche visiva capace di stimolare chi osserva stuzzicando a prendere una propria posizione, al tempo stesso proprio il dialogo tra le specie alimenta emozioni e sensazioni differenti in quella che diviene presto una personale riflessione su se stessi e sul proprio giusto posto al mondo.

Evoca1 per questa sua ultima fatica realizza un nuova ed intensa pittura, questa volta a confronto vediamo alcuni tori mentre dalla parte opposto il corpo stanco di un torero lentamente si accascia a terra, quasi in attesa della propria morte.

Ad accompagnare il nostro testo una bella serie di scatti con tutti i dettagli di quest’ultima fatica, dateci un occhiata e se vi siete persi qualcosa nella nostra apposita sezione potete dare un occhiata alle pareti di cui fin qui vi abbiamo parlato.

Pics by Jaime Gonzalez