GORGO

Wesr – A Series of New Pieces in Greece

A distanza di tempo torniamo ad approfondire il lavoro di Wesr, l’interprete Peruviano nei giorni scorsi si è infatti spostato in Grecia, dove all’interno di un vecchio edificio abbandonato ha avuto modo di realizzare una nuova serie di interventi.

Questa nuova infornata di lavori, ci offre l’opportunità di tornare ad immergerci all’interno del particolare approccio pittorico dell’artista Peruviano con base a Berlino, con un serie di lavori caratterizzati dal consueto piglio evocativo.

Partendo da una personale estrazione dal mondo dei graffiti, l’autore ha saputo sviluppare un personale percorso dove la figura dell’uomo, in particolare del volto umano, rappresenta senza dubbio il fulcro ed il centro di tutta la sua produzione. Osservando le produzioni dell’interprete, appare chiaro come nell’idea dello stesso risiede la volontà di tracciare, attraverso i volti, i corpi sinuosi dei suoi characters, uno spettro emotivo di volta in volta differente. Lavorando in funzione degli spazi a disposizione, e lasciandosi influenzare da quelle che sono le personale percezioni del momento, le opere di Wesr raccolgono uno spirito metafisico, andando ad impattare gli spazi attraverso una cadenza onirica. L’impatto con le visioni dell’artista risulta quindi fortemente catalizzato da un sentimento emotivo. La pittura squisitamente rapida, veloce e scandita da una intensa gestualità, si miscela ad impulsi e fascinazioni personali. L’autore viene fortemente influenzato dalle tradizioni etniche del suo paese, dall’estetica delle illustrazioni grafiche giapponesi , arrivando infine a raccogliere l’eredità dell’arte indigena Peruviana.

Le opere proposte vanno a tracciare delle vere e proprie maschere mettendoci a confronto con esseri e figure mistiche. Si tratta di una spirito pittorico volto a tratteggiare una personale raffigurazione di sentimenti, stati d’animo, dei pensieri e degli impulsi emotivi che scandiscono la vita dell’uomo durante la sua quotidianità. I personaggi proposti, spesso stimolati da una forte caratterizzazione cromatica, impattano quindi chi osserva attraverso stimoli ed impulsi particolarmente catartici.

Raccogliendo quindi tutto il suo particolare approccio pittorico, Wesr va a realizzare una nuova serie di volti e personaggi. A caratterizzare questa ondata di ‘emersioni’ troviamo un uso intensivo del nero, spesso a contrasto con tonalità particolarmente accese ma sopratutto la sensazione che l’interprete abbia quasi voluto dare forma e sostanza, attraverso i corpi dei suoi personaggi, alle storie, i vissuti e le memorie di questo luogo.

Come consuetudine in calce al nostro testo potete trovare una bella e ricca serie di scatti con tutti i dettagli di quest’ultima serie di lavori, tra cui spicca la collaborazione con Simek, dateci un occhiata!

Thanks to The Artist for The Pics

Wesr – A Series of New Pieces in Greece

A distanza di tempo torniamo ad approfondire il lavoro di Wesr, l’interprete Peruviano nei giorni scorsi si è infatti spostato in Grecia, dove all’interno di un vecchio edificio abbandonato ha avuto modo di realizzare una nuova serie di interventi.

Questa nuova infornata di lavori, ci offre l’opportunità di tornare ad immergerci all’interno del particolare approccio pittorico dell’artista Peruviano con base a Berlino, con un serie di lavori caratterizzati dal consueto piglio evocativo.

Partendo da una personale estrazione dal mondo dei graffiti, l’autore ha saputo sviluppare un personale percorso dove la figura dell’uomo, in particolare del volto umano, rappresenta senza dubbio il fulcro ed il centro di tutta la sua produzione. Osservando le produzioni dell’interprete, appare chiaro come nell’idea dello stesso risiede la volontà di tracciare, attraverso i volti, i corpi sinuosi dei suoi characters, uno spettro emotivo di volta in volta differente. Lavorando in funzione degli spazi a disposizione, e lasciandosi influenzare da quelle che sono le personale percezioni del momento, le opere di Wesr raccolgono uno spirito metafisico, andando ad impattare gli spazi attraverso una cadenza onirica. L’impatto con le visioni dell’artista risulta quindi fortemente catalizzato da un sentimento emotivo. La pittura squisitamente rapida, veloce e scandita da una intensa gestualità, si miscela ad impulsi e fascinazioni personali. L’autore viene fortemente influenzato dalle tradizioni etniche del suo paese, dall’estetica delle illustrazioni grafiche giapponesi , arrivando infine a raccogliere l’eredità dell’arte indigena Peruviana.

Le opere proposte vanno a tracciare delle vere e proprie maschere mettendoci a confronto con esseri e figure mistiche. Si tratta di una spirito pittorico volto a tratteggiare una personale raffigurazione di sentimenti, stati d’animo, dei pensieri e degli impulsi emotivi che scandiscono la vita dell’uomo durante la sua quotidianità. I personaggi proposti, spesso stimolati da una forte caratterizzazione cromatica, impattano quindi chi osserva attraverso stimoli ed impulsi particolarmente catartici.

Raccogliendo quindi tutto il suo particolare approccio pittorico, Wesr va a realizzare una nuova serie di volti e personaggi. A caratterizzare questa ondata di ‘emersioni’ troviamo un uso intensivo del nero, spesso a contrasto con tonalità particolarmente accese ma sopratutto la sensazione che l’interprete abbia quasi voluto dare forma e sostanza, attraverso i corpi dei suoi personaggi, alle storie, i vissuti e le memorie di questo luogo.

Come consuetudine in calce al nostro testo potete trovare una bella e ricca serie di scatti con tutti i dettagli di quest’ultima serie di lavori, tra cui spicca la collaborazione con Simek, dateci un occhiata!

Thanks to The Artist for The Pics