GORGO

Wais One – New Mural for HKwalls 2015

Prosegue il nostro viaggio tra le meraviglie del HKwalls Festival 2015, tra gli ospiti internazionali ritroviamo anche Wais One che per la rassegna ha nei giorni scorsi terminato di dipingere questa lunga parete ad Hong Kong.

Quest’ultima fatica dell’artista Russo è l’opportunità per tornare ad immergerci all’interno delle differenti sfaccettature di un percorso quanto mai legato al mondo dei graffiti. Come per molti altri autori, l’estrazione di Wais One proviene direttamente la personale approccio come writer, successivamente confluito in una peculiare elaborazione astratta. Punto focale è però la volontà di continuare a sperimentare attraverso i graffiti e con essi, portare avanti parallelamente un personale percorso come autore astratto. Gravitando quindi costantemente tra questi due universi, l’artista ha saputo spingere entrambe le sue declinazioni verso una elaborazione cromatica particolarmente accentuata ed in grado di interagire con le lettere e con gli elementi proposti, attraverso un forte senso di movimento.

Il moto sembra essere un punto fondamentale nell’esperienza visiva e nell’approccio con gli interventi dell’artista. Ciascuno dei pezzi e dei puzzle composti, porta con se una commutazione in funzione di uno sviluppo mobile direttamente legato con la superfice e con lo spazio a disposizione. A catalizzare gli elementi troviamo una radicata presenza tonale. In questo senso le forme, prive di outlines vanno letteralmente ad intersecarsi su più livelli, fino a raggiungere un intreccio tonale multistrato capace di percorrere e proseguire la sua corsa nello spazio a disposizione, cambiando costantemente e camaleonticamente aspetto, lasciando invariata la forma.

Con a disposizione una superfice verticale di tutto rispetto, Wais One va a commutare lo spazio a disposizione in funzione del suo particolare approccio stilistico. Continuando a lavorare con tonalità chiare, l’autore va

a costruire una nuova immagine composita in cui i differenti elementi vanno a sovrapporsi su più livelli. Giocando quindi ancora una volta con le differenti prerogative cromatiche di ciascuna delle figure proposte, ecco emerge il consueto ed impattante puzzle tonale. Il risultato finale è un opera ricchissima di dettagli, scandita dalla irregolarità degli elementi proposti, ed in grado di mutare profondamente l’aspetto del paesaggio circostante.

In calce al nostro testo una bella serie di scatti con tutti i dettagli di quest’ultima fatica ed alcune immagini durante le fasi di realizzazione, dateci un occhiata! Siamo certi che anche voi come noi non mancherete di apprezzare.

Pics by HKwalls

Wais One – New Mural for HKwalls 2015

Prosegue il nostro viaggio tra le meraviglie del HKwalls Festival 2015, tra gli ospiti internazionali ritroviamo anche Wais One che per la rassegna ha nei giorni scorsi terminato di dipingere questa lunga parete ad Hong Kong.

Quest’ultima fatica dell’artista Russo è l’opportunità per tornare ad immergerci all’interno delle differenti sfaccettature di un percorso quanto mai legato al mondo dei graffiti. Come per molti altri autori, l’estrazione di Wais One proviene direttamente la personale approccio come writer, successivamente confluito in una peculiare elaborazione astratta. Punto focale è però la volontà di continuare a sperimentare attraverso i graffiti e con essi, portare avanti parallelamente un personale percorso come autore astratto. Gravitando quindi costantemente tra questi due universi, l’artista ha saputo spingere entrambe le sue declinazioni verso una elaborazione cromatica particolarmente accentuata ed in grado di interagire con le lettere e con gli elementi proposti, attraverso un forte senso di movimento.

Il moto sembra essere un punto fondamentale nell’esperienza visiva e nell’approccio con gli interventi dell’artista. Ciascuno dei pezzi e dei puzzle composti, porta con se una commutazione in funzione di uno sviluppo mobile direttamente legato con la superfice e con lo spazio a disposizione. A catalizzare gli elementi troviamo una radicata presenza tonale. In questo senso le forme, prive di outlines vanno letteralmente ad intersecarsi su più livelli, fino a raggiungere un intreccio tonale multistrato capace di percorrere e proseguire la sua corsa nello spazio a disposizione, cambiando costantemente e camaleonticamente aspetto, lasciando invariata la forma.

Con a disposizione una superfice verticale di tutto rispetto, Wais One va a commutare lo spazio a disposizione in funzione del suo particolare approccio stilistico. Continuando a lavorare con tonalità chiare, l’autore va

a costruire una nuova immagine composita in cui i differenti elementi vanno a sovrapporsi su più livelli. Giocando quindi ancora una volta con le differenti prerogative cromatiche di ciascuna delle figure proposte, ecco emerge il consueto ed impattante puzzle tonale. Il risultato finale è un opera ricchissima di dettagli, scandita dalla irregolarità degli elementi proposti, ed in grado di mutare profondamente l’aspetto del paesaggio circostante.

In calce al nostro testo una bella serie di scatti con tutti i dettagli di quest’ultima fatica ed alcune immagini durante le fasi di realizzazione, dateci un occhiata! Siamo certi che anche voi come noi non mancherete di apprezzare.

Pics by HKwalls