fbpx
GORGO

Vhils – New Piece for Avant-Garde Urbano Festival

Anche quest’anno apre i battenti uno dei festival più rappresentativi di tutta la penisola iberica, l’Avant-Garde Urbano Festival grazie ad una scelta sempre mirata del parco artisti con il tempo si è ritagliato il suo giusto posto tra le rassegne europee, quest’anno per le strade di Tudela si muoveranno, DALeast, Faith47, Ron English, i consueti quattro nomi che si chiudono con Vhils di cui possiamo finalmente ammirare l’ultima creazione.

Dopo l’esperienza al NUART Festival di quest’anno Vhils si sposta nella cittadina spagnola dove prosegue il suo personalissimo approccio su parete con un nuovo pezzo che raccoglie quelle che sono le sue famose cifre stilistiche. Ancora una volta l’artista portoghese si cimenta in un nuovo ritratto, nonostante quindi gli intermezzi di quest’anno con alcuni singolari lavori a carattere astratto e le opere in mostra dove l’interprete sperimentava la sua tecnica attraverso differenti medium, che ci hanno parecchio incuriosito, Vhils continua a portare avanti il suo personale tocco, scavando quindi sulla parete fino a far emergere i tratti del viso, l’immagine scelta è quella di un vecchio scatto di cento anni ritrovato negli archivi della cittadina spagnola.

Nonostante la ripetizione ossessiva e compulsiva delle riproduzioni facciali, che non nascondiamo ci abbiano un po’ stancato, il risultato finale ci regala come sempre un bel impatto scenico, siamo convinti in una svolta nelle tematiche trattate da Alexandre Farto, perciò non ci resta che attendere nel frattempo potete osservare da vicino le immagini di questa nuova creazione in aggiunta a qualche scatto del making of nella consueta galleria dopo il salto, dateci un occhiata e restate sintonizzati per nuovi aggiornamenti dal Festival.

Pics by DosYDos

Vhils – New Piece for Avant-Garde Urbano Festival

Anche quest’anno apre i battenti uno dei festival più rappresentativi di tutta la penisola iberica, l’Avant-Garde Urbano Festival grazie ad una scelta sempre mirata del parco artisti con il tempo si è ritagliato il suo giusto posto tra le rassegne europee, quest’anno per le strade di Tudela si muoveranno, DALeast, Faith47, Ron English, i consueti quattro nomi che si chiudono con Vhils di cui possiamo finalmente ammirare l’ultima creazione.

Dopo l’esperienza al NUART Festival di quest’anno Vhils si sposta nella cittadina spagnola dove prosegue il suo personalissimo approccio su parete con un nuovo pezzo che raccoglie quelle che sono le sue famose cifre stilistiche. Ancora una volta l’artista portoghese si cimenta in un nuovo ritratto, nonostante quindi gli intermezzi di quest’anno con alcuni singolari lavori a carattere astratto e le opere in mostra dove l’interprete sperimentava la sua tecnica attraverso differenti medium, che ci hanno parecchio incuriosito, Vhils continua a portare avanti il suo personale tocco, scavando quindi sulla parete fino a far emergere i tratti del viso, l’immagine scelta è quella di un vecchio scatto di cento anni ritrovato negli archivi della cittadina spagnola.

Nonostante la ripetizione ossessiva e compulsiva delle riproduzioni facciali, che non nascondiamo ci abbiano un po’ stancato, il risultato finale ci regala come sempre un bel impatto scenico, siamo convinti in una svolta nelle tematiche trattate da Alexandre Farto, perciò non ci resta che attendere nel frattempo potete osservare da vicino le immagini di questa nuova creazione in aggiunta a qualche scatto del making of nella consueta galleria dopo il salto, dateci un occhiata e restate sintonizzati per nuovi aggiornamenti dal Festival.

Pics by DosYDos