GORGO

Vhils – New Mural at the NUART Festival 2013

Anche Vhils è tra gli ospiti di questa nuova edizione del NUART Festival, il grande artista portoghese arriva a Stavanger con tutto il suo team per mettere mano a questa porzione di parete, scalpelli e trapano quindi ancora una volta al servizio dell’arte.

Proseguendo quello che è il suo campo di sperimentazione maggiormente impattante, Vhils si approccia con la parete facendola diventare elemento stesso dei suoi lavori, non troviamo infatti una pittura od una installazione, il muro stesso offre tutto ciò di cui si ha bisogno, Alexandre Farto attraverso le proprie abilità manuale ne scava le viscere fino a far uscire l’immagine desiderata. Appaiono così i suoi canonici volti, decisamente dettagliati, quasi ad un livello fotografico ed interamente formati dalla calce e dal cemento delle pareti. I soggetti scelti sono gente comune, anche se non sono mancate piccole gite fuori percorso con i volti di importanti personaggi storici attuali e non, persone normali che trovano la propria quiete sulle pareti a disposizione. Negli ultimi tempi Vhils sta tentando di portare questa sua modalità di lavoro anche su altri medium, lo abbiamo visto interagire con la carte e sopratutto con il polistirolo raggiungendo vette considerevoli, ma sopratutto lo street artist portoghese sta tentando una nuova strada per i suoi lavori, cercando di unire quelle che sono le sue prerogative lavorative a nuove ed interessanti tematiche con differenti situazioni che possano spostarsi totalmente od in parte dalla ripetitività dei volti segnati. Notiamo quindi che per la rassegna norvegese Vhils decide di elaborare unicamente la parte più alta del viso della donna anziana riprodotto, una novità che apprezziamo ma che non ci convince pienamente, sebbene infatti i lavori risultino sempre molto affascinanti siamo decisamente curiosi di scoprire di più e quale sarà il suo step successivo, nel frattempo gli scatti con l’opera nel dettaglio vi attendo in galleria.

Pics by Henrik Haven

Vhils – New Mural at the NUART Festival 2013

Anche Vhils è tra gli ospiti di questa nuova edizione del NUART Festival, il grande artista portoghese arriva a Stavanger con tutto il suo team per mettere mano a questa porzione di parete, scalpelli e trapano quindi ancora una volta al servizio dell’arte.

Proseguendo quello che è il suo campo di sperimentazione maggiormente impattante, Vhils si approccia con la parete facendola diventare elemento stesso dei suoi lavori, non troviamo infatti una pittura od una installazione, il muro stesso offre tutto ciò di cui si ha bisogno, Alexandre Farto attraverso le proprie abilità manuale ne scava le viscere fino a far uscire l’immagine desiderata. Appaiono così i suoi canonici volti, decisamente dettagliati, quasi ad un livello fotografico ed interamente formati dalla calce e dal cemento delle pareti. I soggetti scelti sono gente comune, anche se non sono mancate piccole gite fuori percorso con i volti di importanti personaggi storici attuali e non, persone normali che trovano la propria quiete sulle pareti a disposizione. Negli ultimi tempi Vhils sta tentando di portare questa sua modalità di lavoro anche su altri medium, lo abbiamo visto interagire con la carte e sopratutto con il polistirolo raggiungendo vette considerevoli, ma sopratutto lo street artist portoghese sta tentando una nuova strada per i suoi lavori, cercando di unire quelle che sono le sue prerogative lavorative a nuove ed interessanti tematiche con differenti situazioni che possano spostarsi totalmente od in parte dalla ripetitività dei volti segnati. Notiamo quindi che per la rassegna norvegese Vhils decide di elaborare unicamente la parte più alta del viso della donna anziana riprodotto, una novità che apprezziamo ma che non ci convince pienamente, sebbene infatti i lavori risultino sempre molto affascinanti siamo decisamente curiosi di scoprire di più e quale sarà il suo step successivo, nel frattempo gli scatti con l’opera nel dettaglio vi attendo in galleria.

Pics by Henrik Haven