GORGO

Skount – New Mural in Almagro, Spain

Ci spostiamo ad Almagro in Spagna, qui a distanza di tempo torniamo con piacere ad approfondire il lavoro di Skount, l’interprete ha infatti da poco terminato di realizzare questa pittura porta in dote una riflessione sulla figura di Diego de Almagro.

E’ l’opportunità per tornare ad immergerci all’interno del particolare immaginario dell’autore Spagnolo attraverso un intervento che vede lo stesso sviluppare un nuovo tipo di riflessione.

Il ritorno dell’interprete Spagnolo segna ancora una volta l’avvicendarsi di una tematica e di un tratto particolare per mezzo dei quali l’artista muove riflessioni e dinamiche differente in quello che è un percorso artistico che non si sottrae dal dialogare con medium ed approcci diversi. Dal figurativo all’astratto, senza dimenticare le splendide installazioni alle quali l’artista di tanto in tanto si dedica, abbiamo quindi l’opportunità di immergerci all’interno di un immaginario altamente emotivo ed in grado di suggerire stimoli e riflessioni differenti.

Abituati a trovarci a confronto con i suoi iconici personaggi, gli interventi di Skount portano in dote uno stimolo visivo in grado di tracciare una personale visione dell’essere umano. A segnare queste figure è certamente la presenza di grandi ed evocative maschere. Queste rappresentano ideale propellente per sviluppare un personale filtro tematico in grado di tratteggiare le differenti sfaccettature della figura umana. L’uomo dipinto dall’interprete porta una maschera, una sorta di scudo atto a rappresentare un limite invalicabile tra le proprie emozioni e le altre persone. L’idea della maschera abbraccia il concetto di auto difesa, di identità celata o parallela, con una conseguente perdita del proprio vero io. Nella visione dell’artista questo atto assume le sembianze dei suoi peculiari personaggi, esseri al limiti del sovrannaturale, quasi onirici, che vediamo segnare gli spazi attraverso colori sgargianti, textures, forme ed elementi visivi differenti.

Questa sua ultima fatica vede Skount tornare a proporre unicamente una figure, il soggetto raffigurato rappresenta il famoso conquistatore Spagnolo. L’autore analizza la vita dell’esploratore, spiegandoci le sue origini oscure, la sua voglia di rivalsa verso le difficoltà di una vita e la sua crescente voglia di riscatto. Al tempo stesso l’interprete, soffermandosi sulla vita del conquistatore Spagnolo, e sulla sua precoce dipartita causata dall’eccessiva avidità e voglia di potere, propone una riflessione malinconica.

Questo personaggio storico rappresenta infatti un chiaro esempio di come l’essere umano, in cerca di una vita migliore, nuove esperienze e conoscenze, può essere danneggiato ed eroso dal potere e dall’avidità, causando e spargendo morte per gli altri e per se stesso.

Null’altro da aggiungere, in calce al nostro testo potete trovare un bella e ricca serie di scatti con tutti i dettagli dell’intervento, dateci un occhiata, siamo certi che non mancherete di apprezzare.

Thanks to The Artist for The Pics

Skount – New Mural in Almagro, Spain

Ci spostiamo ad Almagro in Spagna, qui a distanza di tempo torniamo con piacere ad approfondire il lavoro di Skount, l’interprete ha infatti da poco terminato di realizzare questa pittura porta in dote una riflessione sulla figura di Diego de Almagro.

E’ l’opportunità per tornare ad immergerci all’interno del particolare immaginario dell’autore Spagnolo attraverso un intervento che vede lo stesso sviluppare un nuovo tipo di riflessione.

Il ritorno dell’interprete Spagnolo segna ancora una volta l’avvicendarsi di una tematica e di un tratto particolare per mezzo dei quali l’artista muove riflessioni e dinamiche differente in quello che è un percorso artistico che non si sottrae dal dialogare con medium ed approcci diversi. Dal figurativo all’astratto, senza dimenticare le splendide installazioni alle quali l’artista di tanto in tanto si dedica, abbiamo quindi l’opportunità di immergerci all’interno di un immaginario altamente emotivo ed in grado di suggerire stimoli e riflessioni differenti.

Abituati a trovarci a confronto con i suoi iconici personaggi, gli interventi di Skount portano in dote uno stimolo visivo in grado di tracciare una personale visione dell’essere umano. A segnare queste figure è certamente la presenza di grandi ed evocative maschere. Queste rappresentano ideale propellente per sviluppare un personale filtro tematico in grado di tratteggiare le differenti sfaccettature della figura umana. L’uomo dipinto dall’interprete porta una maschera, una sorta di scudo atto a rappresentare un limite invalicabile tra le proprie emozioni e le altre persone. L’idea della maschera abbraccia il concetto di auto difesa, di identità celata o parallela, con una conseguente perdita del proprio vero io. Nella visione dell’artista questo atto assume le sembianze dei suoi peculiari personaggi, esseri al limiti del sovrannaturale, quasi onirici, che vediamo segnare gli spazi attraverso colori sgargianti, textures, forme ed elementi visivi differenti.

Questa sua ultima fatica vede Skount tornare a proporre unicamente una figure, il soggetto raffigurato rappresenta il famoso conquistatore Spagnolo. L’autore analizza la vita dell’esploratore, spiegandoci le sue origini oscure, la sua voglia di rivalsa verso le difficoltà di una vita e la sua crescente voglia di riscatto. Al tempo stesso l’interprete, soffermandosi sulla vita del conquistatore Spagnolo, e sulla sua precoce dipartita causata dall’eccessiva avidità e voglia di potere, propone una riflessione malinconica.

Questo personaggio storico rappresenta infatti un chiaro esempio di come l’essere umano, in cerca di una vita migliore, nuove esperienze e conoscenze, può essere danneggiato ed eroso dal potere e dall’avidità, causando e spargendo morte per gli altri e per se stesso.

Null’altro da aggiungere, in calce al nostro testo potete trovare un bella e ricca serie di scatti con tutti i dettagli dell’intervento, dateci un occhiata, siamo certi che non mancherete di apprezzare.

Thanks to The Artist for The Pics