GORGO

Seth x Kislow – New Mural in Kiev, Ukraine

A distanza di tempo torniamo con piacere ad approfondire il lavoro di Seth e Kislow, i due artisti infatti hanno unito le forza terminando da poco questa nuova e splendida parete a Kiev in Ucraina caratterizzata dalla perfetta alchimia tra i due differenti stili visivi.

In un periodo storico piuttosto difficile per l’Ucraina questo lavoro per un istante a staccare la spina sulle rivolte popolari, sugli abusi politici e sulla grave crisi sociale che sta colpendo lo stato dell’Est Europeo, un opera forte senza dubbio dove i due interpreti sembrano aver voluto chiaramente cogliere alcuni elementi dal folklore e dalla tradizione del paese, amalgamandoli all’interno di una lettura profonda e sfaccettata.

L’utilizzo da parte di Kislow dei consueti elementi architettonici va a dar vita ad una trama urbana che viene unicamente intervallate da due bizzarre figure a forma di volto, e soprattutto dalla grande donna che si erge in punta alla collina di abitazioni e casupole. Qui Seth da vita ad un nuova figura che vediamo rivolgere il proprio sguardo verso chi osserva e nel frattempo immergere la propria faccia all’interno del consueto portale nel cielo.

Realizzata attraverso un range cromatico caldo con tinte profonde ed avvolgenti quest’ultima fatica targata Seth e Kislow ad una prima e frettolosa lettura può tranquillamente passare come un giusta miscela di elementi tipici della pittura dei due artisti, scavando nel dettaglio emergono però particolari interessanti.

Anzitutto l’opera è zeppa di riferimenti all’Ucraina, la figura della donna dipinta da Seth sembra anzitutto rappresentare quello che è uno spirito nazionale, la vediamo infatti con una mano abbracciare la città quasi a proteggerla e dall’altra invece tendere la mano ad un piccolo character che rappresenta il popolo, ad avvalorare questa lettura notiamo una caratterizzazione anche negli abiti scelti, un abbigliamento tradizionale dove tra le fasce dei capelli vediamo spuntare due nastri di colore giallo e celeste che richiamano proprio i colori della bandiera nazionale. La scelta di Kislow di elaborare una trama architettonica così precisa ed importante ci lascia la sensazione di trovarci di fronte ad una rivisitazione di quello che era l’aspetto di Kiev o comunque quello delle città del centri storici del paese, che vediamo intervallato da una serie di piante che vanno proprio a concludersi con un piccolo arbusto collocato proprio all’interno del petto della giovane. Alimentato da una sorta di alba nascente alla sue spalle, la figura va quasi a rappresentare una sorta di rinascita dello spirito e dei sentimenti nazionali, l’albero simboleggia il fiorire del sentimento di rivalsa personale e di conseguenza della propria nazione.

La lettura dell’opera quindi, con un forte senso criptico ma anche e soprattutto attraverso similitudini e rapporti visivi ben congeniati, rappresenta un inno alla speranza ma soprattutto un messaggio di forza per una compattezza di intenti per il bene della propria terra.

In attesa di scoprire prossimi aggiornamenti e spostamenti dei due interpreti, vi invitiamo a dare un occhiata alla immagini, siamo certi che non mancherete di apprezzare tutto l’impatto e l’enfasi di quest’ultima fatica dei due grandi artisti.

Pics via Street Art News

Seth x Kislow – New Mural in Kiev, Ukraine

A distanza di tempo torniamo con piacere ad approfondire il lavoro di Seth e Kislow, i due artisti infatti hanno unito le forza terminando da poco questa nuova e splendida parete a Kiev in Ucraina caratterizzata dalla perfetta alchimia tra i due differenti stili visivi.

In un periodo storico piuttosto difficile per l’Ucraina questo lavoro per un istante a staccare la spina sulle rivolte popolari, sugli abusi politici e sulla grave crisi sociale che sta colpendo lo stato dell’Est Europeo, un opera forte senza dubbio dove i due interpreti sembrano aver voluto chiaramente cogliere alcuni elementi dal folklore e dalla tradizione del paese, amalgamandoli all’interno di una lettura profonda e sfaccettata.

L’utilizzo da parte di Kislow dei consueti elementi architettonici va a dar vita ad una trama urbana che viene unicamente intervallate da due bizzarre figure a forma di volto, e soprattutto dalla grande donna che si erge in punta alla collina di abitazioni e casupole. Qui Seth da vita ad un nuova figura che vediamo rivolgere il proprio sguardo verso chi osserva e nel frattempo immergere la propria faccia all’interno del consueto portale nel cielo.

Realizzata attraverso un range cromatico caldo con tinte profonde ed avvolgenti quest’ultima fatica targata Seth e Kislow ad una prima e frettolosa lettura può tranquillamente passare come un giusta miscela di elementi tipici della pittura dei due artisti, scavando nel dettaglio emergono però particolari interessanti.

Anzitutto l’opera è zeppa di riferimenti all’Ucraina, la figura della donna dipinta da Seth sembra anzitutto rappresentare quello che è uno spirito nazionale, la vediamo infatti con una mano abbracciare la città quasi a proteggerla e dall’altra invece tendere la mano ad un piccolo character che rappresenta il popolo, ad avvalorare questa lettura notiamo una caratterizzazione anche negli abiti scelti, un abbigliamento tradizionale dove tra le fasce dei capelli vediamo spuntare due nastri di colore giallo e celeste che richiamano proprio i colori della bandiera nazionale. La scelta di Kislow di elaborare una trama architettonica così precisa ed importante ci lascia la sensazione di trovarci di fronte ad una rivisitazione di quello che era l’aspetto di Kiev o comunque quello delle città del centri storici del paese, che vediamo intervallato da una serie di piante che vanno proprio a concludersi con un piccolo arbusto collocato proprio all’interno del petto della giovane. Alimentato da una sorta di alba nascente alla sue spalle, la figura va quasi a rappresentare una sorta di rinascita dello spirito e dei sentimenti nazionali, l’albero simboleggia il fiorire del sentimento di rivalsa personale e di conseguenza della propria nazione.

La lettura dell’opera quindi, con un forte senso criptico ma anche e soprattutto attraverso similitudini e rapporti visivi ben congeniati, rappresenta un inno alla speranza ma soprattutto un messaggio di forza per una compattezza di intenti per il bene della propria terra.

In attesa di scoprire prossimi aggiornamenti e spostamenti dei due interpreti, vi invitiamo a dare un occhiata alla immagini, siamo certi che non mancherete di apprezzare tutto l’impatto e l’enfasi di quest’ultima fatica dei due grandi artisti.

Pics via Street Art News