fbpx
GORGO

Pobel – New Pieces in Horsens, Denmark

Forte di un ironia fuori misura e dotato di un inventiva unica nel suo genere, Pobel approda in Danimarca dove ha preso parte alla bella rassegna Public Art Horsens. La kermesse è impostata per essere un calderone di esperienze visive differenti, oltre alla pittura su muro, troviamo diversi interpreti che si sono cimentati in una serie di lavori dal forte motivo concettuale, elevando così il carattere della rassegna e consegnandoci veramente molti spunti su cui riflettere nonché una serie di positivissime vibrazioni. Dopo Sam3 è Pobel ha togliere il sipario sulla sua partecipazione, l’artista irrompe con prepotenza al Festival con quattro differenti opere. Per quanto riguarda la parte pittorica Pobel insiste a proporci i suoi tipici lavori dal forte carattere irriverente, vedasi l’amplesso tra un unicorno ed un alce, non vogliamo soffermarci su quest’ultima ma piuttosto su gli altri due pezzi che ci hanno colpito veramente. L’idea è semplice ed attraversa una moltitudine di strumenti visivi e percettivi, il grande interprete mette in scena due diverse rumorosissime scene, lo schianto di un automobile da altezza vertiginose ed il movimento di una pala meccanica che raccoglie lamiere ed immondizia metallica varia, su entrambi i lavori dipinge il simbolo del “muto” il pulsante che trovate in ogni telecomando di casa, ora se anche voi osservate le immagini in sequenza avrete davvero la sensazione che manchi qualcosa, che ci si trovi privati di un elemento per fruire al meglio di quello che stiamo vedendo, ecco, proprio in quell’istante quando avrete realizzato ciò, sarete all’interno dell’ultima trovata di Pobel.

Pics by Henrik Haven

Pobel – New Pieces in Horsens, Denmark

Forte di un ironia fuori misura e dotato di un inventiva unica nel suo genere, Pobel approda in Danimarca dove ha preso parte alla bella rassegna Public Art Horsens. La kermesse è impostata per essere un calderone di esperienze visive differenti, oltre alla pittura su muro, troviamo diversi interpreti che si sono cimentati in una serie di lavori dal forte motivo concettuale, elevando così il carattere della rassegna e consegnandoci veramente molti spunti su cui riflettere nonché una serie di positivissime vibrazioni. Dopo Sam3 è Pobel ha togliere il sipario sulla sua partecipazione, l’artista irrompe con prepotenza al Festival con quattro differenti opere. Per quanto riguarda la parte pittorica Pobel insiste a proporci i suoi tipici lavori dal forte carattere irriverente, vedasi l’amplesso tra un unicorno ed un alce, non vogliamo soffermarci su quest’ultima ma piuttosto su gli altri due pezzi che ci hanno colpito veramente. L’idea è semplice ed attraversa una moltitudine di strumenti visivi e percettivi, il grande interprete mette in scena due diverse rumorosissime scene, lo schianto di un automobile da altezza vertiginose ed il movimento di una pala meccanica che raccoglie lamiere ed immondizia metallica varia, su entrambi i lavori dipinge il simbolo del “muto” il pulsante che trovate in ogni telecomando di casa, ora se anche voi osservate le immagini in sequenza avrete davvero la sensazione che manchi qualcosa, che ci si trovi privati di un elemento per fruire al meglio di quello che stiamo vedendo, ecco, proprio in quell’istante quando avrete realizzato ciò, sarete all’interno dell’ultima trovata di Pobel.

Pics by Henrik Haven