fbpx
GORGO

Mr Klevra – New Mural in Pigneto, Rome

Con piacere andiamo ad immergerci all’interno dell’immaginario di Mr Klevra, l’artista Italiano ha infatti da poco terminato una nuova parete nel quartieri Pigneto a Roma, un lavoro contraddistinto da un omaggio al grande Pier Paolo Pasolini.

Non siamo nuovi ad interessarci a progetti che celebrano il lavoro del grande autore italiano, ricorderete infatti il martellante progetto del Francese Zilda che proprio l’anno scorso a Roma dedicò un intera serie a Pasolini (Covered), ora però spostiamo l’attenzione verso questa ultima fatica Mr Klevra, un opera che, come ci spiega lo stesso artista, è ispirata al celebre film del regista “Il Vangelo secondo Matteo” del 1964 e tra le altre cose, va a prendere vita all’interno di uno dei quartieri che spesso hanno fatto da scenografia al lavoro del famoso personaggio.

Con quest’ultimo elaborato abbiamo quindi l’occasione di dare un occhiata al particolare approccio visivo e tematico dell’interprete, quella che emerge è una mistura che coinvolge sotto un’unica cornice grafica elementi differenti e ricorrenti all’interno dell’immaginario dell’artista, da una parte una spiccata sensibilità figurativa, che lo vede impegnarsi nella realizzazione di volti e corpi umani dalla forte sacralità, dall’altra l’inserimento all’interno degli stessi di elaborati lettering che strizzano l’occhio ad una ricerca da parte dell’autore anche nel campo calligrafico e comunque una personale rievocazione del proprio background da writers. Queste due predominanti si intersecano attraverso differenti aspetti, per quanto riguarda la parte maggiormente umana, l’interprete si affida ad un impronta stilistica vicina ai dipinti sacri del 200 e 300, in una rivisitazione contemporanea e moderna atta a ricontestualizzare questo preciso approccio stilistico. Per quanto concerne invece il carattere maggiormente viscerale, le lettere dell’artista vanno ad inserirsi all’interno dei lavori accompagnando i corpi ed i volti raffigurati, inserendosi nei grandi semi cerchi sacri che li accompagnano oppure, come in questo specifico caso, andando ad innescare un elevato livello di dettaglio fondendosi nella trama cromatica degli abiti rappresentati.

Questa rivisitazione Pasoliniana porta con se una serie di interessanti novità, sebbene l’impianto visivo sia come sempre facilmente riconoscibile, vediamo infatti in primo piano, direttamente ispirata da un fotogramma del film, il volto di un ragazza di 14 anni che rappresenta la Vergine Maria. A catturare immediatamente l’attenzione è il cambio nei tratti somatici del volto raffigurato, non più ispirato ai vecchi dipinti, ma piuttosto fedeli rappresenti del fotogramma scelto, ad aumentare il livello di immersione come detto la scelta di inserire all’interno del velo rosso una serie di lettering complessi ed articolati che vanno ad interagire con quelli posti sul grande semi cerchio dorato che prende vita alla spalle della figura, si alimenta così un equilibrio perfetto raggiunto anche grazia alla consueta scelta della location e dello spot sul quale lavorare da parte dell’interprete. Dal punto di vista prettamente emotivo, a calamitare la nostra attenzione è sicuramente lo sguardo della giovine, un espressione forte ma al contempo vacua, quasi persa e sospesa nel proprio turbamento, una scintilla che pervade le nostre sensazioni e che alimenta un forte senso introspettivo.

Per darvi modo di apprezzare al meglio quest’ultima fatica dell’interprete, vi lasciamo ad una bella selezione di scatti, il consiglio è come sempre quello di darci un occhiata, siamo certi infatti che non mancherete di apprezzare tutto l’impatto ed il particolare approccio dell’artista, enjoy it.

Thanks to The Artist for The Pics
Pics by Jessica Stewart

Mr Klevra – New Mural in Pigneto, Rome

Con piacere andiamo ad immergerci all’interno dell’immaginario di Mr Klevra, l’artista Italiano ha infatti da poco terminato una nuova parete nel quartieri Pigneto a Roma, un lavoro contraddistinto da un omaggio al grande Pier Paolo Pasolini.

Non siamo nuovi ad interessarci a progetti che celebrano il lavoro del grande autore italiano, ricorderete infatti il martellante progetto del Francese Zilda che proprio l’anno scorso a Roma dedicò un intera serie a Pasolini (Covered), ora però spostiamo l’attenzione verso questa ultima fatica Mr Klevra, un opera che, come ci spiega lo stesso artista, è ispirata al celebre film del regista “Il Vangelo secondo Matteo” del 1964 e tra le altre cose, va a prendere vita all’interno di uno dei quartieri che spesso hanno fatto da scenografia al lavoro del famoso personaggio.

Con quest’ultimo elaborato abbiamo quindi l’occasione di dare un occhiata al particolare approccio visivo e tematico dell’interprete, quella che emerge è una mistura che coinvolge sotto un’unica cornice grafica elementi differenti e ricorrenti all’interno dell’immaginario dell’artista, da una parte una spiccata sensibilità figurativa, che lo vede impegnarsi nella realizzazione di volti e corpi umani dalla forte sacralità, dall’altra l’inserimento all’interno degli stessi di elaborati lettering che strizzano l’occhio ad una ricerca da parte dell’autore anche nel campo calligrafico e comunque una personale rievocazione del proprio background da writers. Queste due predominanti si intersecano attraverso differenti aspetti, per quanto riguarda la parte maggiormente umana, l’interprete si affida ad un impronta stilistica vicina ai dipinti sacri del 200 e 300, in una rivisitazione contemporanea e moderna atta a ricontestualizzare questo preciso approccio stilistico. Per quanto concerne invece il carattere maggiormente viscerale, le lettere dell’artista vanno ad inserirsi all’interno dei lavori accompagnando i corpi ed i volti raffigurati, inserendosi nei grandi semi cerchi sacri che li accompagnano oppure, come in questo specifico caso, andando ad innescare un elevato livello di dettaglio fondendosi nella trama cromatica degli abiti rappresentati.

Questa rivisitazione Pasoliniana porta con se una serie di interessanti novità, sebbene l’impianto visivo sia come sempre facilmente riconoscibile, vediamo infatti in primo piano, direttamente ispirata da un fotogramma del film, il volto di un ragazza di 14 anni che rappresenta la Vergine Maria. A catturare immediatamente l’attenzione è il cambio nei tratti somatici del volto raffigurato, non più ispirato ai vecchi dipinti, ma piuttosto fedeli rappresenti del fotogramma scelto, ad aumentare il livello di immersione come detto la scelta di inserire all’interno del velo rosso una serie di lettering complessi ed articolati che vanno ad interagire con quelli posti sul grande semi cerchio dorato che prende vita alla spalle della figura, si alimenta così un equilibrio perfetto raggiunto anche grazia alla consueta scelta della location e dello spot sul quale lavorare da parte dell’interprete. Dal punto di vista prettamente emotivo, a calamitare la nostra attenzione è sicuramente lo sguardo della giovine, un espressione forte ma al contempo vacua, quasi persa e sospesa nel proprio turbamento, una scintilla che pervade le nostre sensazioni e che alimenta un forte senso introspettivo.

Per darvi modo di apprezzare al meglio quest’ultima fatica dell’interprete, vi lasciamo ad una bella selezione di scatti, il consiglio è come sempre quello di darci un occhiata, siamo certi infatti che non mancherete di apprezzare tutto l’impatto ed il particolare approccio dell’artista, enjoy it.

Thanks to The Artist for The Pics
Pics by Jessica Stewart