GORGO

JAZ – New Murals in Melbourne, Australia

Con piacere torniamo ad approfondire il lavoro di Franco Fasoli aka JAZ, il grande artista Argentino si trova infatti in Australia dove ha da poco terminato una nuova serie di interventi per le strade di Melbourne, portando avanti stile e tematiche a lui care.
Tra gli artisti partecipanti all’eccellente FORM Public Art Project, JAZ si è presto spostato verso la grande città Australiana, qui ha portato in dote tutto il personale immaginario concludendo due nuovi interventi in entrambi i casi caratterizzati da un climax cromatica molto caldo ed immersivo dove con piacere ritroviamo i suoi lottatori, ed un nuova caratterizzazione più vicino al mondo animale.
Abbiamo spesso avuto modo di dare un occhiata ravvicinata all’operato dell’interprete, sempre affascinati dal particolare tratto e dai temi che lo stesso prosegue nel portare avanti per mezzo di un tratto ed un impianto visivo facilmente riconoscibili e che riescono a lasciarci puntualmente sorpresi ed altamente coinvolti. Il percorso dell’artista inevitabilmente si interseca con l’approfondimento umano ma soprattutto con la natura e con il mondo animale, che rappresentano i protagonisti indiscussi del suo operato, osservando con le produzioni di Franco Fasoli ci si rende conto della grande varietà di situazioni ed aspetti lavorativi che vanno a disegnare un quadro sfaccettato di temi e spunti differenti alimentati da una grande profonda traccia pittorica. Proprio l’impronta altamente viscerale, così come l’esigenza di una ricerca sulle componenti di pittura, sui colori, e sull’idea di impegnarsi con una visione altamente dettagliata ma al contempo molto viscerale, rappresentano le basi del lavoro dell’Argentino che con esse muove tutto il proprio e personale impianto visivo . Le peculiari fusioni corporee per esempio rappresentano una riflessione profonda sulla natura umana, l’atto di fondere i corpi di uomini ed animali caratterizza queste opere che segnano la volontà di invertire l’istinto e la razionalità, di alimentare il senso di brutalità che traspare dai lavori verso una condizione umana che si avvicina maggiormente a questo mondo animale. Dall’altra invece l’interprete affonda il proprio lavoro con maggiore enfasi all’interno dell’universo naturale, dipinge il branco od il singolo animale calando all’interno di scenografie ricchissime di dettagli e dal forte impatto viscerale, si tratta di un istantanea del mondo naturale rare e profonda.
JAZ nei suoi lavori tocca temi diverse, indaga attraverso il proprio immaginario su diversi aspetti della natura umana, lo fa attraverso il suo particolare ed intrinseco rapporto con le figure animali, nello specifico quelle dei grandi predatori, attraverso le quali sviscerare la personale visione dell’uomo, attraverso i lottatori di wrestiling, oppure concentrandosi alcune volte su temi a carattere sociale e talvolta politico. L’individuo viene rappresentato dall’interprete attraverso una produzione fortemente emotiva, caratterizzata da continui mash-up, folli mescolanze di corpi in cui il lato più brutale delle belve va a fondersi con il corpo umano che va così ad assumere forme e silhouette raccapriccianti. Infine nel percorso dell’artista scompaiono i volti, assorbiti dalle metamorfosi in atto nelle sue pitture, cosa piuttosto insolita in rappresentazioni di questo tipo, ma che nel caso delle sue produzioni non ne intacca affatto la matrice simbolica ed emotiva.
Come sempre per darvi modo di approfondire al meglio l’operato dell’artista vi lasciamo ad una bella selezione di scatti con tutti i dettagli dei lavori, dateci un occhiata e restate sintonizzati qui sul Gorgo per tutti gli aggiornamenti sul lavoro del grande interprete, enjoy it.

Pics via San

JAZ – New Murals in Melbourne, Australia

Con piacere torniamo ad approfondire il lavoro di Franco Fasoli aka JAZ, il grande artista Argentino si trova infatti in Australia dove ha da poco terminato una nuova serie di interventi per le strade di Melbourne, portando avanti stile e tematiche a lui care.
Tra gli artisti partecipanti all’eccellente FORM Public Art Project, JAZ si è presto spostato verso la grande città Australiana, qui ha portato in dote tutto il personale immaginario concludendo due nuovi interventi in entrambi i casi caratterizzati da un climax cromatica molto caldo ed immersivo dove con piacere ritroviamo i suoi lottatori, ed un nuova caratterizzazione più vicino al mondo animale.
Abbiamo spesso avuto modo di dare un occhiata ravvicinata all’operato dell’interprete, sempre affascinati dal particolare tratto e dai temi che lo stesso prosegue nel portare avanti per mezzo di un tratto ed un impianto visivo facilmente riconoscibili e che riescono a lasciarci puntualmente sorpresi ed altamente coinvolti. Il percorso dell’artista inevitabilmente si interseca con l’approfondimento umano ma soprattutto con la natura e con il mondo animale, che rappresentano i protagonisti indiscussi del suo operato, osservando con le produzioni di Franco Fasoli ci si rende conto della grande varietà di situazioni ed aspetti lavorativi che vanno a disegnare un quadro sfaccettato di temi e spunti differenti alimentati da una grande profonda traccia pittorica. Proprio l’impronta altamente viscerale, così come l’esigenza di una ricerca sulle componenti di pittura, sui colori, e sull’idea di impegnarsi con una visione altamente dettagliata ma al contempo molto viscerale, rappresentano le basi del lavoro dell’Argentino che con esse muove tutto il proprio e personale impianto visivo . Le peculiari fusioni corporee per esempio rappresentano una riflessione profonda sulla natura umana, l’atto di fondere i corpi di uomini ed animali caratterizza queste opere che segnano la volontà di invertire l’istinto e la razionalità, di alimentare il senso di brutalità che traspare dai lavori verso una condizione umana che si avvicina maggiormente a questo mondo animale. Dall’altra invece l’interprete affonda il proprio lavoro con maggiore enfasi all’interno dell’universo naturale, dipinge il branco od il singolo animale calando all’interno di scenografie ricchissime di dettagli e dal forte impatto viscerale, si tratta di un istantanea del mondo naturale rare e profonda.
JAZ nei suoi lavori tocca temi diverse, indaga attraverso il proprio immaginario su diversi aspetti della natura umana, lo fa attraverso il suo particolare ed intrinseco rapporto con le figure animali, nello specifico quelle dei grandi predatori, attraverso le quali sviscerare la personale visione dell’uomo, attraverso i lottatori di wrestiling, oppure concentrandosi alcune volte su temi a carattere sociale e talvolta politico. L’individuo viene rappresentato dall’interprete attraverso una produzione fortemente emotiva, caratterizzata da continui mash-up, folli mescolanze di corpi in cui il lato più brutale delle belve va a fondersi con il corpo umano che va così ad assumere forme e silhouette raccapriccianti. Infine nel percorso dell’artista scompaiono i volti, assorbiti dalle metamorfosi in atto nelle sue pitture, cosa piuttosto insolita in rappresentazioni di questo tipo, ma che nel caso delle sue produzioni non ne intacca affatto la matrice simbolica ed emotiva.
Come sempre per darvi modo di approfondire al meglio l’operato dell’artista vi lasciamo ad una bella selezione di scatti con tutti i dettagli dei lavori, dateci un occhiata e restate sintonizzati qui sul Gorgo per tutti gli aggiornamenti sul lavoro del grande interprete, enjoy it.

Pics via San