GORGO

JAZ for The Crystal Ship in Oostende

Tra i nomi di spicco al lavoro per le strade di Oostende per la prima edizione del The Crystal Ship Festival, c’è anche JAZ.

Il grande artista Argentino torna in strada con un nuovo intervento fortemente connesso con gli stimoli e gli spunti del luogo di lavoro. Franco Fasoli aka JAZ per questa sua ultima pittura sceglie infatti di ispirarsi al lavoro di James Ensor, famoso pittore locale del 19^ e 20^ secolo. Le produzione di Ensor è caratterizzata da una inconsueta originalità per il tempo in cui l’artista visse, con opere incentrate su temi e continui riferimenti religioso, al carnevale, alle maschere ed infine agli scheletri. Tutte referenze ed elementi che hanno fortemente influenzato e caratterizzato il percorso del pittore.

Partendo quindi da questi elementi, intrecciando gli stessi attraverso quelli che sono i punti cardine dell’esperienza visiva tipica delle sue produzioni, l’autore Argentino si è impegnato nel sviluppare questa nuova opera.

Per quest’intervento JAZ sceglie di tornare anzitutto alle basi del proprio lavoro, mettendo quindi da parte le recenti sperimentazioni in stile collage, che così fortemente ne avevano influenzato l’operato in strada. In questo senso l’idea è quella di sviluppare un corpo di lavoro in cui, gli elementi locali vadano in un certo senso a contrastare quelle che sono le caratteristiche tipiche delle sue produzioni. Spazio quindi agli iconici personaggi, rigorosamente con volto nero e con le sembianze di animali.

Il risultato finale è un intervento basata su una stampa di Ensor, con una ricchissima serie di riferimenti raccolti e rielaborati dal talento Argentino. E’ in particolare la figura centrale a catturare l’attenzione. Si tratta di un grande scheletro a cavallo, con l’animale elaborato attraverso la fusione dei corpi tipica dell’immaginario di JAZ, intento a tenere una giganteggiante bandiera che va letteralmente ad illuminare la serie di bizzarri characters, con quest’ultimi che letteralmente circondando la grande ed aulica figura.

Tutti i dettagli di quest’ultima stupefacente opera firmata dal campione Sudamericano, attraverso la serie di scatti in calce al nostro testo, mettetevi comodi e dateci un occhiata, siamo certi che anche voi come noi, non mancherete di apprezzare.

Thanks to The Artist for The Pics


JAZ for The Crystal Ship in Oostende

Tra i nomi di spicco al lavoro per le strade di Oostende per la prima edizione del The Crystal Ship Festival, c’è anche JAZ.

Il grande artista Argentino torna in strada con un nuovo intervento fortemente connesso con gli stimoli e gli spunti del luogo di lavoro. Franco Fasoli aka JAZ per questa sua ultima pittura sceglie infatti di ispirarsi al lavoro di James Ensor, famoso pittore locale del 19^ e 20^ secolo. Le produzione di Ensor è caratterizzata da una inconsueta originalità per il tempo in cui l’artista visse, con opere incentrate su temi e continui riferimenti religioso, al carnevale, alle maschere ed infine agli scheletri. Tutte referenze ed elementi che hanno fortemente influenzato e caratterizzato il percorso del pittore.

Partendo quindi da questi elementi, intrecciando gli stessi attraverso quelli che sono i punti cardine dell’esperienza visiva tipica delle sue produzioni, l’autore Argentino si è impegnato nel sviluppare questa nuova opera.

Per quest’intervento JAZ sceglie di tornare anzitutto alle basi del proprio lavoro, mettendo quindi da parte le recenti sperimentazioni in stile collage, che così fortemente ne avevano influenzato l’operato in strada. In questo senso l’idea è quella di sviluppare un corpo di lavoro in cui, gli elementi locali vadano in un certo senso a contrastare quelle che sono le caratteristiche tipiche delle sue produzioni. Spazio quindi agli iconici personaggi, rigorosamente con volto nero e con le sembianze di animali.

Il risultato finale è un intervento basata su una stampa di Ensor, con una ricchissima serie di riferimenti raccolti e rielaborati dal talento Argentino. E’ in particolare la figura centrale a catturare l’attenzione. Si tratta di un grande scheletro a cavallo, con l’animale elaborato attraverso la fusione dei corpi tipica dell’immaginario di JAZ, intento a tenere una giganteggiante bandiera che va letteralmente ad illuminare la serie di bizzarri characters, con quest’ultimi che letteralmente circondando la grande ed aulica figura.

Tutti i dettagli di quest’ultima stupefacente opera firmata dal campione Sudamericano, attraverso la serie di scatti in calce al nostro testo, mettetevi comodi e dateci un occhiata, siamo certi che anche voi come noi, non mancherete di apprezzare.

Thanks to The Artist for The Pics