GORGO

James Kalinda – New Murals at ICONE5.9 Street Art Event

Con il suo considerevole carico di stile James Kalinda è l’ultimo artista a prendere possesso di una serie di facciate per il progetto ICONE5.9, la rassegna – è giusto ricordarlo – nasce dall’esigenza e della voglia di ripartire, di creare un percorso artistico all’interno delle zone più colpite dai terremoti dell’anno scorso.

James Kalinda ha avuto modo di occupare una serie di facciate tra Modena ed all’interno del Circolo Culturale Ekidna tra Modena e Carpi, l’artista tinge le pareti di oscuro grazie al suo inconfondibile stile. A fare capolino infatti troviamo una serie di nuovo personaggi/mostri, demoni rosa che, dipinti dall’artista, esplodono nella loro agonia, fuoriescono dagli involucri di carne per guadagnarsi il loro attimo di libertà, sono un monito di quello che siamo e di come l’uomo schiavo delle sue paure e dei suoi problemi, nei meandri del proprio cervello faccia nascere, crescere e nutra questi aberranti specchi dell’anima.

Ricchissima galleria per farvi apprezzare al meglio tutto l’estro di James Kalinda, con gli scatti del making of e dei diversi lavori portati a termine, ma restate sintonizzati nei prossimi giorni continueremo a mostrarvi i lavori all’interno della bella rassegna.

Pics by Dante Cavicchioli

James Kalinda – New Murals at ICONE5.9 Street Art Event

Con il suo considerevole carico di stile James Kalinda è l’ultimo artista a prendere possesso di una serie di facciate per il progetto ICONE5.9, la rassegna – è giusto ricordarlo – nasce dall’esigenza e della voglia di ripartire, di creare un percorso artistico all’interno delle zone più colpite dai terremoti dell’anno scorso.

James Kalinda ha avuto modo di occupare una serie di facciate tra Modena ed all’interno del Circolo Culturale Ekidna tra Modena e Carpi, l’artista tinge le pareti di oscuro grazie al suo inconfondibile stile. A fare capolino infatti troviamo una serie di nuovo personaggi/mostri, demoni rosa che, dipinti dall’artista, esplodono nella loro agonia, fuoriescono dagli involucri di carne per guadagnarsi il loro attimo di libertà, sono un monito di quello che siamo e di come l’uomo schiavo delle sue paure e dei suoi problemi, nei meandri del proprio cervello faccia nascere, crescere e nutra questi aberranti specchi dell’anima.

Ricchissima galleria per farvi apprezzare al meglio tutto l’estro di James Kalinda, con gli scatti del making of e dei diversi lavori portati a termine, ma restate sintonizzati nei prossimi giorni continueremo a mostrarvi i lavori all’interno della bella rassegna.

Pics by Dante Cavicchioli