GORGO

Jacyndol – New Murals in Miechucino and Gdynia

Completamente rapiti dal particolare approccio visivo di Jacyndol ne continuiamo con interesse a seguire gli spostamenti, l’artista ha da poco portato a termine due nuove facciate a Miechucino ed a Gdynia in Polonia.

Completamente diverso da ciò che siamo soliti vedere sulle pareti in giro il mondo, Jacyndol porta avanti uno stile proprio che trova negli stimoli del cubismo con un dose di astrattismo a completare il quadro generale, la giusta linea di pittura, l’interprete si avvale di giochi di profondità, massimizza corpi umani e scenografie attraverso forme e figure geometriche, aumentandone l’efficacia grazie ad interessanti incursioni di colore che agiscono con lo scopo di accentuare le parti del corpo, emettere giochi di luci ed ombre ed fine da vere e proprie brillante scenografie, queste ultime non risultano piazzate li per riempire lo spazio ma piuttosto completare il quadro e la stilistica del lavoro offrendo interessanti esperimenti dimensionali veri e propri strizzando l’occhio alle correnti russe dei primi del novecento. Jacyndol si muove in questo immaginario raffigurando corpi quadrati, esseri statici e legnosi a contrasto con figure più complesse e ricercate ed in parte più morbide, l’artista sembra voler raffigurare figure spente a contrasto con uomini di personalità ed ancora proponendo spaccati di vita quotidiana attraverso il proprio personale approccio visivo.

Anche in questa ultima serie di lavori Jacyndol proseguo il proprio personale cammino stilistico lavorando a due distinte pareti utilizzando anche in modo intelligente la particolare conformazione della parete, dateci un occhiata a parer nostro ne vale davvero la pena, e restate sintonizzati per nuovi aggiornamenti.

Pics by Sosm

Jacyndol – New Murals in Miechucino and Gdynia

Completamente rapiti dal particolare approccio visivo di Jacyndol ne continuiamo con interesse a seguire gli spostamenti, l’artista ha da poco portato a termine due nuove facciate a Miechucino ed a Gdynia in Polonia.

Completamente diverso da ciò che siamo soliti vedere sulle pareti in giro il mondo, Jacyndol porta avanti uno stile proprio che trova negli stimoli del cubismo con un dose di astrattismo a completare il quadro generale, la giusta linea di pittura, l’interprete si avvale di giochi di profondità, massimizza corpi umani e scenografie attraverso forme e figure geometriche, aumentandone l’efficacia grazie ad interessanti incursioni di colore che agiscono con lo scopo di accentuare le parti del corpo, emettere giochi di luci ed ombre ed fine da vere e proprie brillante scenografie, queste ultime non risultano piazzate li per riempire lo spazio ma piuttosto completare il quadro e la stilistica del lavoro offrendo interessanti esperimenti dimensionali veri e propri strizzando l’occhio alle correnti russe dei primi del novecento. Jacyndol si muove in questo immaginario raffigurando corpi quadrati, esseri statici e legnosi a contrasto con figure più complesse e ricercate ed in parte più morbide, l’artista sembra voler raffigurare figure spente a contrasto con uomini di personalità ed ancora proponendo spaccati di vita quotidiana attraverso il proprio personale approccio visivo.

Anche in questa ultima serie di lavori Jacyndol proseguo il proprio personale cammino stilistico lavorando a due distinte pareti utilizzando anche in modo intelligente la particolare conformazione della parete, dateci un occhiata a parer nostro ne vale davvero la pena, e restate sintonizzati per nuovi aggiornamenti.

Pics by Sosm