GORGO

Hyuro – “In/Between” New Mural in Copenaghen

Con questo lavoro Hyuro si proietta direttamente in orbita andandosi a collocare tra i migliori interpreti in circolazione, l’artista ci fà trasalire proponendo un incredibile dipinto di ben 271 metri di lunghezza. Quest’ultima realizzazione fà eco alla superba esibizione in terra Danese, “In Between” è quindi un progetto duplice, da un parte lo show e dall’altra la vernice che prende d’assolto il lunghissimo muro.

La mano di Hyuro si agita con delicatezza, disegna il movimento di un cervo ma non si limita a questo, no, amplia la profondità gioca con il bianco ed il nero, li fà suoi, descrive la vita, in un ipotetico parallelo umano, tra zone di buio totale e di luce accecante la figura e sempre li a muoversi ad andare avanti, un monito alla speranza al non lasciarsi sopraffare anche quando camminiamo nell’oscurità – il buio della foresta – a non crogiolarsi nei bei momenti – la luce – il tutto raccontato nell’atto del cambiamento personale, dove il pelo dello stesso dell’animale che cade, ricresce e ricade, rappresenta è la crescita.
Hyuro ci lascia una poesia e lo fà a mano aperta, cogliendo e intensificando il proprio stile su uno spazio immenso, un lavoro camaleontico ed efficace, mozzafiato nella cura dei dettagli e nella profondità del messaggio che porta sulle spalle la stessa bestia dipinta.

Trattandosi di un lavoro veramente lungo e dettagliato vi diamo modo di apprezzarne tutta la magia attraverso un ampissima selezione di scatti dove potete scorrere piano piano tutta l’elaborato del pezzo, noi siamo rimasti letteralmente a bocca aperta.

Pics by The Artist

Hyuro – “In/Between” New Mural in Copenaghen

Con questo lavoro Hyuro si proietta direttamente in orbita andandosi a collocare tra i migliori interpreti in circolazione, l’artista ci fà trasalire proponendo un incredibile dipinto di ben 271 metri di lunghezza. Quest’ultima realizzazione fà eco alla superba esibizione in terra Danese, “In Between” è quindi un progetto duplice, da un parte lo show e dall’altra la vernice che prende d’assolto il lunghissimo muro.

La mano di Hyuro si agita con delicatezza, disegna il movimento di un cervo ma non si limita a questo, no, amplia la profondità gioca con il bianco ed il nero, li fà suoi, descrive la vita, in un ipotetico parallelo umano, tra zone di buio totale e di luce accecante la figura e sempre li a muoversi ad andare avanti, un monito alla speranza al non lasciarsi sopraffare anche quando camminiamo nell’oscurità – il buio della foresta – a non crogiolarsi nei bei momenti – la luce – il tutto raccontato nell’atto del cambiamento personale, dove il pelo dello stesso dell’animale che cade, ricresce e ricade, rappresenta è la crescita.
Hyuro ci lascia una poesia e lo fà a mano aperta, cogliendo e intensificando il proprio stile su uno spazio immenso, un lavoro camaleontico ed efficace, mozzafiato nella cura dei dettagli e nella profondità del messaggio che porta sulle spalle la stessa bestia dipinta.

Trattandosi di un lavoro veramente lungo e dettagliato vi diamo modo di apprezzarne tutta la magia attraverso un ampissima selezione di scatti dove potete scorrere piano piano tutta l’elaborato del pezzo, noi siamo rimasti letteralmente a bocca aperta.

Pics by The Artist