GORGO

Felipe Pantone – “Data Smog” at Lebenson Gallery (Recap)

Nelle scorse settimane, Felipe Pantone ha aperto “Data Smog” nuovo e corposo solo show all’interno degli spazi della Lebenson Gallery di Parigi.

Continua l’ottimo periodo del talento Argentino che, dopo la spettacolare “Stereodynamica” ospitata dalla Backwoods Gallery, propone un nuovo ed inedito allestimento caratterizzato dal personalissimo immaginario.

Continuando a lavorare attraverso medium differenti, sebbene quest’ultima esibizione sia priva di installazioni on-site, lo show prosegue la peculiare ricerca astratta che caratterizza le produzioni dell’interprete.

Partendo dai graffiti, Felipe Pantone ha sviluppato un percorso in cui la fascinazione per un immaginario digitale ed hi-tech, produce un riflessione sulla contemporaneità. L’artista genera sistemi articolati e complessi attraverso i quali lo spettatore viene investito in modo cognitivo e visivo. Le figure impossibili, gli elementi irregolari, rappresentano l’impulso in grado di sovvertire un senso di ordire. Il caos generato si sviluppa attraverso un impulso dinamico e costantemente mutabile. Il confronto passa attraverso forme liquide, intangibili, traboccanti di dettagli, textures ed elementi che richiamano glitch, colori e pattern digitali, in grado di generare un impulso catartico e riflessivo.

Con base a Valencia, l’autore ha concepito una visione ricca di illusioni ed effetti ottici, in grado di porsi come giusta contrapposizione con il mondo reale e ciò che gravita intorno allo stesso.

Quest’ultima esibizione, che rimarrà aperta fino al prossimo 9 di Maggio, vede Felipe Pantone proporre un allestimento caratterizzato dalla presenza di otto tele e quattro pezzi in bianco e nero su carta. L’idea è quella di sviluppare un sorta di cortina di dati, da qui il titolo dello show, ponendo lo spettatore di fronte ad effetti gradienti, dettagli minuziosi e forme eterogenee.

Se vi trovate in zona, il consiglio è quello di andare a darci un occhiata di persona, siamo certi infatti che non mancherete di apprezzare. Nel frattempo ricca serie di scatti con tutti i dettagli di quest’ultima fatica dell’artista.

Lebenson Gallery
56 Rue Chapon,
75003 Paris

Pics by Selina Miles via Arrested Motion

Felipe Pantone – “Data Smog” at Lebenson Gallery (Recap)

Nelle scorse settimane, Felipe Pantone ha aperto “Data Smog” nuovo e corposo solo show all’interno degli spazi della Lebenson Gallery di Parigi.

Continua l’ottimo periodo del talento Argentino che, dopo la spettacolare “Stereodynamica” ospitata dalla Backwoods Gallery, propone un nuovo ed inedito allestimento caratterizzato dal personalissimo immaginario.

Continuando a lavorare attraverso medium differenti, sebbene quest’ultima esibizione sia priva di installazioni on-site, lo show prosegue la peculiare ricerca astratta che caratterizza le produzioni dell’interprete.

Partendo dai graffiti, Felipe Pantone ha sviluppato un percorso in cui la fascinazione per un immaginario digitale ed hi-tech, produce un riflessione sulla contemporaneità. L’artista genera sistemi articolati e complessi attraverso i quali lo spettatore viene investito in modo cognitivo e visivo. Le figure impossibili, gli elementi irregolari, rappresentano l’impulso in grado di sovvertire un senso di ordire. Il caos generato si sviluppa attraverso un impulso dinamico e costantemente mutabile. Il confronto passa attraverso forme liquide, intangibili, traboccanti di dettagli, textures ed elementi che richiamano glitch, colori e pattern digitali, in grado di generare un impulso catartico e riflessivo.

Con base a Valencia, l’autore ha concepito una visione ricca di illusioni ed effetti ottici, in grado di porsi come giusta contrapposizione con il mondo reale e ciò che gravita intorno allo stesso.

Quest’ultima esibizione, che rimarrà aperta fino al prossimo 9 di Maggio, vede Felipe Pantone proporre un allestimento caratterizzato dalla presenza di otto tele e quattro pezzi in bianco e nero su carta. L’idea è quella di sviluppare un sorta di cortina di dati, da qui il titolo dello show, ponendo lo spettatore di fronte ad effetti gradienti, dettagli minuziosi e forme eterogenee.

Se vi trovate in zona, il consiglio è quello di andare a darci un occhiata di persona, siamo certi infatti che non mancherete di apprezzare. Nel frattempo ricca serie di scatti con tutti i dettagli di quest’ultima fatica dell’artista.

Lebenson Gallery
56 Rue Chapon,
75003 Paris

Pics by Selina Miles via Arrested Motion