GORGO

Ever x Smithe – New Mural at Art Basel 2014

Prosegue il nostro viaggio tra le meraviglie dell’Art Basel di quest’anno, per le strade di Miami ritroviamo Ever e Smithe, i due artisti rinnovano la loro collaborazione con un nuovo e splendido intervento.

Facendo seguito allo splendido lavoro realizzato a Città del Messico qualche settimana fà (Covered) i due interpreti tornano a lavorare assieme proponendo una nuova pittura che unifica sotto un unica cornice visiva entrambi gli approccio stilistici e tematici del loro differente percorso.

E’ l’occasione per noi per approfondire le dinamiche lavorative di entrambi gli autori ed al tempo stesso raccogliere gli stimoli di un intervento capace ancora una volta di lasciarci a bocca aperta.

A differenza del procedente intervento, con “La Búsqueda”, questo il titolo del lavoro, i due artisti scelgono di lavorare sulla totalità dello spazio a disposizione. Su un letto costituito da una incredibile vastità di elementi naturali, i due interpreti vanno ad appoggiare le rispettive figure muovendo le dinamiche dei loro differenti approccio stilistici.

Nell’estremità sinistra si sviluppa il corpo di lavoro elaborato da Smithe, ancora una volta l’artista rivendica la propria influenza dal mondo dell’illustrazione ed in particolare porta in dote tutto la personale fascinazione verso le macchine ed elementi meccanici tipici del suo immaginario. Attraverso quindi una varietà cromatica piuttosto accentuata e caratterizzata dall’uso di tinte piuttosto sature per una pittura forte e decisamente accesa, vediamo la figura meccanica letteralmente sprofondare nell’immersione con il background naturale che caratterizza l’intervento. Di contro gli risponde Ever, l’autore Argentino prosegue nel portare avanti la personale riflessione sull’uomo andando a sviluppare una nuova e catartica immagine coadiuvata dalla peculiare profondità pittorica che da sempre ne accompagna le produzioni. I corpi anche qui si lasciano trasportare dagli elementi naturali che ne accarezzano la pelle ed al tempo stesso, l’uomo e la donna dipinti si stringono in un abbraccio dal quale vediamo fuoriuscire i consueti raggi cromatici.

In entrambi i casi l’opera, nonché i soggetti che la costituiscono, vengono attraversati da un sottile velo di color rosso e sopratutto proiettano i loro corpi verso la figura cenrale, un gigantesco teschio raffigurate una idealistica riconciliazione con la natura nell’atto di morire.

In calce al nostro testo potete trovare come consuetudine una bella serie di scatti con tutti i dettagli di quest’ultima fatica, dateci un occhiata e restate sintonizzati qui sul Gorgo per nuovi aggiornamenti sul lavoro dei due autore e sugli interventi che stanno prendendo vita in quel di Miami.

Pics via Street Art News

Ever x Smithe – New Mural at Art Basel 2014

Prosegue il nostro viaggio tra le meraviglie dell’Art Basel di quest’anno, per le strade di Miami ritroviamo Ever e Smithe, i due artisti rinnovano la loro collaborazione con un nuovo e splendido intervento.

Facendo seguito allo splendido lavoro realizzato a Città del Messico qualche settimana fà (Covered) i due interpreti tornano a lavorare assieme proponendo una nuova pittura che unifica sotto un unica cornice visiva entrambi gli approccio stilistici e tematici del loro differente percorso.

E’ l’occasione per noi per approfondire le dinamiche lavorative di entrambi gli autori ed al tempo stesso raccogliere gli stimoli di un intervento capace ancora una volta di lasciarci a bocca aperta.

A differenza del procedente intervento, con “La Búsqueda”, questo il titolo del lavoro, i due artisti scelgono di lavorare sulla totalità dello spazio a disposizione. Su un letto costituito da una incredibile vastità di elementi naturali, i due interpreti vanno ad appoggiare le rispettive figure muovendo le dinamiche dei loro differenti approccio stilistici.

Nell’estremità sinistra si sviluppa il corpo di lavoro elaborato da Smithe, ancora una volta l’artista rivendica la propria influenza dal mondo dell’illustrazione ed in particolare porta in dote tutto la personale fascinazione verso le macchine ed elementi meccanici tipici del suo immaginario. Attraverso quindi una varietà cromatica piuttosto accentuata e caratterizzata dall’uso di tinte piuttosto sature per una pittura forte e decisamente accesa, vediamo la figura meccanica letteralmente sprofondare nell’immersione con il background naturale che caratterizza l’intervento. Di contro gli risponde Ever, l’autore Argentino prosegue nel portare avanti la personale riflessione sull’uomo andando a sviluppare una nuova e catartica immagine coadiuvata dalla peculiare profondità pittorica che da sempre ne accompagna le produzioni. I corpi anche qui si lasciano trasportare dagli elementi naturali che ne accarezzano la pelle ed al tempo stesso, l’uomo e la donna dipinti si stringono in un abbraccio dal quale vediamo fuoriuscire i consueti raggi cromatici.

In entrambi i casi l’opera, nonché i soggetti che la costituiscono, vengono attraversati da un sottile velo di color rosso e sopratutto proiettano i loro corpi verso la figura cenrale, un gigantesco teschio raffigurate una idealistica riconciliazione con la natura nell’atto di morire.

In calce al nostro testo potete trovare come consuetudine una bella serie di scatti con tutti i dettagli di quest’ultima fatica, dateci un occhiata e restate sintonizzati qui sul Gorgo per nuovi aggiornamenti sul lavoro dei due autore e sugli interventi che stanno prendendo vita in quel di Miami.

Pics via Street Art News