GORGO

Etam Cru in Banja Luka, Bosnia & Herzegovina

Ci spostiamo a Banja Luka in Bosnia Erzegovina, qui, in occasione dei lavori il Flaster Street Art Festival, gli Etam Cru hanno da poco terminato di realizzare una nuova ed intensa pittura ispirata liberamente al mito di Icaro.

Elemento portante di tutta la produzione firmata da Bezt e Sainer aka Etam Cru, è la forte e caratteristica immaginazione. Il duo polacco riesce a cogliere elementi appartenenti alla realtà, commutandoli in funzione di spunti ed elementi bizzarri e surreali. Quelle che emergono sono quindi immagini oniriche, quasi appartenenti ad un sogno ad occhi aperti eppure così dannatamente vicine alla realtà. Gli artisti tratteggiano quindi un universo narrativo personale, affrontando temi e situazioni differenti , divertendosi e facendoci divertire.

Dal titolo “Icarus” quest’ultimo pezzo degli Etam Cru è una nuova potente e personale rappresentazione del famoso mito greco, riproposta e rielaborare attraverso il consueto e peculiare immaginario dei due autori.

Pics via Street Art News

Etam Cru in Banja Luka, Bosnia & Herzegovina

Ci spostiamo a Banja Luka in Bosnia Erzegovina, qui, in occasione dei lavori il Flaster Street Art Festival, gli Etam Cru hanno da poco terminato di realizzare una nuova ed intensa pittura ispirata liberamente al mito di Icaro.

Elemento portante di tutta la produzione firmata da Bezt e Sainer aka Etam Cru, è la forte e caratteristica immaginazione. Il duo polacco riesce a cogliere elementi appartenenti alla realtà, commutandoli in funzione di spunti ed elementi bizzarri e surreali. Quelle che emergono sono quindi immagini oniriche, quasi appartenenti ad un sogno ad occhi aperti eppure così dannatamente vicine alla realtà. Gli artisti tratteggiano quindi un universo narrativo personale, affrontando temi e situazioni differenti , divertendosi e facendoci divertire.

Dal titolo “Icarus” quest’ultimo pezzo degli Etam Cru è una nuova potente e personale rappresentazione del famoso mito greco, riproposta e rielaborare attraverso il consueto e peculiare immaginario dei due autori.

Pics via Street Art News