fbpx
GORGO

Daan Botlek – A Series of New Pieces

Gli intrecci con altre discipline artistiche, la ricerca in campo illustrativo in particolare, hanno ultimamente prodotto una serie di artisti che senza dubbio interpretano in modo completamente differentei gli spazi urbani, un esempio su tutti è il nostro Agostino Iacurci che ha saputo declinare su muro tutta la sua personale visione stilistica, oggi però vi mostriamo gli elaborati di Daan Botlek. L’artista olandese ci ha fortemente colpito anzitutto per la fortissima pulizia del tratto e per la grande interazione degli spazi su cui dipinge che ne distingue il lavoro in modo più che accentuato.

Daan Botlek con base a Rotterdam ci offre una nuova visione dell’uomo, a differenza di molti interpreti l’olandese preferisce non concentrare il proprio lavoro sui tratti del corpo ma piuttosto donando una visione d’insieme più vanescente della figura, scompaio così i dettagli fisici per fa spazio ad un’unica e grande sagoma bianca, l’artista attraverso la stessa si muove in una esplorazione dell’ambiente circostante servendosi dei suoi stessi character. L’impatto è quello quindi di una intelligente dinamica fisica in cui le sue figure letteralmente emergono dalle pareti, escono addirittura fuori dai muri e dai fogli di carta nell’intento quasi impossibile di instaurare un dialogo con chi osserva, ma non solo questi bizzarri esseri lasciano intendere una personale vita all’interno degli spazi, si muovono andando a creare delle vere e proprie situazioni di vita intersecandosi così pesantemente con la nostra realtà, l’impatto è quindi quello di figure irreali ma che nel loro comportarsi da esseri umani insinuano un divertente senso di dubbio.

Nella sua ultima serie d interventi in particolare l’interprete sta sviluppando un forte legame con i luoghi abbandonati, qui può lavorare in totale tranquillità riuscendo a concentrare gli elementi tipici del suo lavoro in opere dal forte inclinazione tridimensionale, l’interazione ancora una volta è duplice da parte dell’artista che sfrutta al meglio tutto lo spazio a disposizione e da parte delle sue figure che si appropriano dello stesso sfruttandolo a loro vantaggio.
Dopo il salto potete vedere da vicino le ultime creazioni firmate da Daan Botlek, dateci un occhiata, siamo certi apprezzerete e restate sintonizzati presto nuovi aggiornamenti sul lavoro dell’artista

Pics by Colossal

Daan Botlek – A Series of New Pieces

Gli intrecci con altre discipline artistiche, la ricerca in campo illustrativo in particolare, hanno ultimamente prodotto una serie di artisti che senza dubbio interpretano in modo completamente differentei gli spazi urbani, un esempio su tutti è il nostro Agostino Iacurci che ha saputo declinare su muro tutta la sua personale visione stilistica, oggi però vi mostriamo gli elaborati di Daan Botlek. L’artista olandese ci ha fortemente colpito anzitutto per la fortissima pulizia del tratto e per la grande interazione degli spazi su cui dipinge che ne distingue il lavoro in modo più che accentuato.

Daan Botlek con base a Rotterdam ci offre una nuova visione dell’uomo, a differenza di molti interpreti l’olandese preferisce non concentrare il proprio lavoro sui tratti del corpo ma piuttosto donando una visione d’insieme più vanescente della figura, scompaio così i dettagli fisici per fa spazio ad un’unica e grande sagoma bianca, l’artista attraverso la stessa si muove in una esplorazione dell’ambiente circostante servendosi dei suoi stessi character. L’impatto è quello quindi di una intelligente dinamica fisica in cui le sue figure letteralmente emergono dalle pareti, escono addirittura fuori dai muri e dai fogli di carta nell’intento quasi impossibile di instaurare un dialogo con chi osserva, ma non solo questi bizzarri esseri lasciano intendere una personale vita all’interno degli spazi, si muovono andando a creare delle vere e proprie situazioni di vita intersecandosi così pesantemente con la nostra realtà, l’impatto è quindi quello di figure irreali ma che nel loro comportarsi da esseri umani insinuano un divertente senso di dubbio.

Nella sua ultima serie d interventi in particolare l’interprete sta sviluppando un forte legame con i luoghi abbandonati, qui può lavorare in totale tranquillità riuscendo a concentrare gli elementi tipici del suo lavoro in opere dal forte inclinazione tridimensionale, l’interazione ancora una volta è duplice da parte dell’artista che sfrutta al meglio tutto lo spazio a disposizione e da parte delle sue figure che si appropriano dello stesso sfruttandolo a loro vantaggio.
Dopo il salto potete vedere da vicino le ultime creazioni firmate da Daan Botlek, dateci un occhiata, siamo certi apprezzerete e restate sintonizzati presto nuovi aggiornamenti sul lavoro dell’artista

Pics by Colossal