fbpx
GORGO

Agostino Iacurci for The Crystal Ship in Oostende

Tra gli ospiti dell’eccellente The Crystal Ship Festival, c’è anche il nostro Agostino Iacurci che nei giorni scorsi ha terminato questa bella pittura.

Con un roster di primissimo livello, il festival di Oostende in Belgio, sta letteralmente cambiando l’aspetto del panorama cittadino grazie al lavoro di alcuni degli autori più interessanti del panorama internazionale.

In questo florido e particolarmente stimolante contesto, Agostino Iacurci si confronta con una grande parete andando a declinare il proprio approccio estetico, attraverso una inedita combinazione.

Il confronto con le produzioni dell’interprete Italiano è sempre stato legato ad elementi naturali, forme immateriali nonché gli iconici characters. Si tratta di un riflessione che parte da uno spirito associativo, tipico delle produzioni di Iacurci, dove troviamo costantemente un gioco di opposti e contrapposizioni cromatiche. Qui la scelta ricade invece in una forma singola, un grande vaso che Agostino Iacurci sceglie di reinterpretare realizzando al suo interno forme, elementi, textures e pattern differenti, con un risultato finale che non potevamo che apprezzare.

In attesa di scoprire i prossimi spostamenti del grande autore Italiano, vi invitiamo a dare uno sguardo alle immagini in calce al nostro testo, qui invece tutti i lavori fin qui realizzati per la rassegna belga.

Agostino Iacurci for The Crystal Ship in Oostende

Tra gli ospiti dell’eccellente The Crystal Ship Festival, c’è anche il nostro Agostino Iacurci che nei giorni scorsi ha terminato questa bella pittura.

Con un roster di primissimo livello, il festival di Oostende in Belgio, sta letteralmente cambiando l’aspetto del panorama cittadino grazie al lavoro di alcuni degli autori più interessanti del panorama internazionale.

In questo florido e particolarmente stimolante contesto, Agostino Iacurci si confronta con una grande parete andando a declinare il proprio approccio estetico, attraverso una inedita combinazione.

Il confronto con le produzioni dell’interprete Italiano è sempre stato legato ad elementi naturali, forme immateriali nonché gli iconici characters. Si tratta di un riflessione che parte da uno spirito associativo, tipico delle produzioni di Iacurci, dove troviamo costantemente un gioco di opposti e contrapposizioni cromatiche. Qui la scelta ricade invece in una forma singola, un grande vaso che Agostino Iacurci sceglie di reinterpretare realizzando al suo interno forme, elementi, textures e pattern differenti, con un risultato finale che non potevamo che apprezzare.

In attesa di scoprire i prossimi spostamenti del grande autore Italiano, vi invitiamo a dare uno sguardo alle immagini in calce al nostro testo, qui invece tutti i lavori fin qui realizzati per la rassegna belga.