GORGO

1010 for The Crystal Ship in Oostende

Ancora aggiornamenti dal The Crystal Ship Festival di Oostende, tra gli ospiti anche 1010 che ha da poco terminato di dipingere questa grande parete.

Il confronto con le produzioni di 1010 passa anzitutto per la peculiare sensibilità dell’interprete verso la superficie di lavoro. Attraverso questa, l’autore sviluppa una personale astrazione della forma atta a sviluppare un forte senso simbiotico con lo spazio dove la stessa prende vita. In questo senso l’artista si inserisce all’interno di pareti e strutture architettoniche, andando a realizzare enormi forme tonali, caratterizzate da profondi effetti di tridimensionalità. I ‘portali’ dell’interprete sovvertono la superficie piana a piatto, alimentano percezioni differenti e personali, il tutto attraverso un forte carattere tonale. L’utilizzo del colore ed il suo studio, la costante ricerca di forme e silhouette differenti, la volontà di interagire profondamente con lo spazio, continuano, anche per la rassegna Belga, a portarne avanti l’operato in strada.

1010 per il festival si confronta con questa grande parete, generando una nuova ed inedita forma.

Dopo il salto alcuni scatti con le fasi del making of e le immagini del bel risultato finale, dateci un occhiata e restate sintonizzati qui sul Gorgo per nuovi aggiornamenti sul lavoro dell’artista e dalla rassegna.

Pics by Hernik Haven via Arrested Motion

1010 for The Crystal Ship in Oostende

Ancora aggiornamenti dal The Crystal Ship Festival di Oostende, tra gli ospiti anche 1010 che ha da poco terminato di dipingere questa grande parete.

Il confronto con le produzioni di 1010 passa anzitutto per la peculiare sensibilità dell’interprete verso la superficie di lavoro. Attraverso questa, l’autore sviluppa una personale astrazione della forma atta a sviluppare un forte senso simbiotico con lo spazio dove la stessa prende vita. In questo senso l’artista si inserisce all’interno di pareti e strutture architettoniche, andando a realizzare enormi forme tonali, caratterizzate da profondi effetti di tridimensionalità. I ‘portali’ dell’interprete sovvertono la superficie piana a piatto, alimentano percezioni differenti e personali, il tutto attraverso un forte carattere tonale. L’utilizzo del colore ed il suo studio, la costante ricerca di forme e silhouette differenti, la volontà di interagire profondamente con lo spazio, continuano, anche per la rassegna Belga, a portarne avanti l’operato in strada.

1010 per il festival si confronta con questa grande parete, generando una nuova ed inedita forma.

Dopo il salto alcuni scatti con le fasi del making of e le immagini del bel risultato finale, dateci un occhiata e restate sintonizzati qui sul Gorgo per nuovi aggiornamenti sul lavoro dell’artista e dalla rassegna.

Pics by Hernik Haven via Arrested Motion