GORGO

Seth – New Mural in Tor Marancia, Rome

Ci spostiamo a Tor Marancia, qui nei giorni scorsi Seth ha avuto modo di realizzare una nuova pittura andando a trasformare completamente l’aspetto di questa grande edificio attraverso tutto il suo iconico immaginario.

Dopo le recenti incursioni in Cina (Covered) catalizzate da una fortissima immersione all’interno dello spazio urbano, Julien Malland aka Seth si sposta quindi nella capitale tornando a lavorare su unica e grande superfice. Uno degli elementi di spicco del globetrotter è senza dubbio la sua capacità di entrare attivamente in contatto con i luoghi che visita. In questo senso l’autore attraverso il proprio lavoro getta le basi per un operato solido e capace di entrare in simbiosi con la gente del posto. Attraverso quindi una pittura delicata e capace di stimolare emotività differenti, l’artista si immerge all’interno dei luoghi visitati raccogliendo gli stimoli delle tradizioni e della cultura locale. Traducendo questi impulsi, l’interprete trasforma quindi i suoi iconici personaggi, questi si pongono come ideale ponte tra lo stesso artista e la comunità locale generando un dialogo sfaccettato ed in grado di stimolare spunti e riflessioni differenti.

Attraverso il proprio personale approccio tematico e stilistico, l’artista va quindi ad innescare una personale analisi della natura umana, dell’uomo moderno soffermandosi in particolare sulla figura dei bambini, ideale propellente e volano espressivo per catalizzare uno stimolo fantastico e fanciullesco. Le opere entrano in contatto con la parte più recondita ed emotiva del nostro io interiore, ci parlano di sogni, dell’irreale, di evasione dalla realtà di tutti i giorni.

Sviluppata su tutta la superfice di questa lunga struttura di 5 piani, l’intervento di Seth raccoglie alla perfezioni gli stimoli tipici delle produzioni dell’interprete. Ancora una volta quindi troviamo uno dei suoi iconici characters, letteralmente immerso all’interno delle superfice di lavoro, squarciare lo spazio metafisico della struttura affacciandosi direttamente all’interno della stessa. Se il personaggio, così come l’iconico vortice cromatico, rappresentano gli elementi tipici e distintivi delle produzioni dell’artista, notiamo con piacere una inedita serie di elementi, come la scala disegnata ed i piccoli pastelli raffigurati nell’estremità inferiore della parete.

In attesa di scoprire i prossimi spostamenti dell’artista, vi lasciamo ad alcuni scatti in calce con tutti i dettagli di quest’ultima fatica, dateci un occhiata e restate sintonizzati qui sul Gorgo per nuovi e succosi aggiornamenti.

Seth – New Mural in Tor Marancia, Rome

Ci spostiamo a Tor Marancia, qui nei giorni scorsi Seth ha avuto modo di realizzare una nuova pittura andando a trasformare completamente l’aspetto di questa grande edificio attraverso tutto il suo iconico immaginario.

Dopo le recenti incursioni in Cina (Covered) catalizzate da una fortissima immersione all’interno dello spazio urbano, Julien Malland aka Seth si sposta quindi nella capitale tornando a lavorare su unica e grande superfice. Uno degli elementi di spicco del globetrotter è senza dubbio la sua capacità di entrare attivamente in contatto con i luoghi che visita. In questo senso l’autore attraverso il proprio lavoro getta le basi per un operato solido e capace di entrare in simbiosi con la gente del posto. Attraverso quindi una pittura delicata e capace di stimolare emotività differenti, l’artista si immerge all’interno dei luoghi visitati raccogliendo gli stimoli delle tradizioni e della cultura locale. Traducendo questi impulsi, l’interprete trasforma quindi i suoi iconici personaggi, questi si pongono come ideale ponte tra lo stesso artista e la comunità locale generando un dialogo sfaccettato ed in grado di stimolare spunti e riflessioni differenti.

Attraverso il proprio personale approccio tematico e stilistico, l’artista va quindi ad innescare una personale analisi della natura umana, dell’uomo moderno soffermandosi in particolare sulla figura dei bambini, ideale propellente e volano espressivo per catalizzare uno stimolo fantastico e fanciullesco. Le opere entrano in contatto con la parte più recondita ed emotiva del nostro io interiore, ci parlano di sogni, dell’irreale, di evasione dalla realtà di tutti i giorni.

Sviluppata su tutta la superfice di questa lunga struttura di 5 piani, l’intervento di Seth raccoglie alla perfezioni gli stimoli tipici delle produzioni dell’interprete. Ancora una volta quindi troviamo uno dei suoi iconici characters, letteralmente immerso all’interno delle superfice di lavoro, squarciare lo spazio metafisico della struttura affacciandosi direttamente all’interno della stessa. Se il personaggio, così come l’iconico vortice cromatico, rappresentano gli elementi tipici e distintivi delle produzioni dell’artista, notiamo con piacere una inedita serie di elementi, come la scala disegnata ed i piccoli pastelli raffigurati nell’estremità inferiore della parete.

In attesa di scoprire i prossimi spostamenti dell’artista, vi lasciamo ad alcuni scatti in calce con tutti i dettagli di quest’ultima fatica, dateci un occhiata e restate sintonizzati qui sul Gorgo per nuovi e succosi aggiornamenti.