fbpx
GORGO

2501, James Kalinda, SignoraK for CHEAP On Board – Video Recap

Con questo bel video, andiamo a dare un occhiata al making of degli interventi firmati 2501, James Kalinda e Signora K per CHEAP on Board, estensione del famoso CHEAP Festival realizzata in occasione di Art City Bologna.
In questo scoppiettante inizio di anno, Bologna sta davvero catalizzando la nostra attenzione, gli amici di CHEAP Festival in occasione di Art City hanno infatti proposto una serie di interventi in strada che hanno visto al lavoro 2501, James Kalinda e Signora K
Nell’attesa che ci separa dalla nuova edizione, da poco online la call for artist (qui), il famoso festival bolognese ha iniziato a scaldare i motori proponendo un doppio intervento per le strade della città. Ancora una volta come ideale superfice di lavoro gli organizzatori hanno scelto di utilizzare gli spazi affissivi in disuso del comune. Portando avanti quindi uno dei cardini tematici del festival, ovvero la reinterpretazione e la riqualificazione della iconiche bacheche sparse per tutta la città. Questo particolare approccio, come ribadito più volte, si pone come ideale stimolo per sfruttare da una parte tutta la potenzialità comunicativa di questa spazio pubblicitari, sviluppando un dialogo forte e sfaccettato con i passanti, dall’altra stimola la rinascita visiva di superfici altrimenti abbandonate al loro destino che tornano quindi, attraverso il lavoro di artisti di spessore, a nuova vita.
Differenti per impostazione stilistica, 2501, Signora K e James Kalinda si sono quindi trovati a lavorare su carta proponendo intrecci visivi eterogenei capaci di ereditare tutta la differente stilistica che accompagna la ricerca di ciascuno di loro. Al tempo stesso con l’uscita di questo video, abbiamo l’opportunità di dare un occhiata al making of dei lavori, dalla fase realizzativa a quella installativa ponendo finalmente l’accento anche sul duro operato che viene svolto di volta in volta dagli organizzatori.
Null’altro da aggiungere, se volete approfondire vi rimandiamo ai precedenti post, quello sul lavoro realizzato da James Kalinda e Signora K (Covered) e l’ultimo intervento di 2501 (Covered), nel frattempo mettetevi comodi e schiacciate play, enjoy it.

2501, James Kalinda, SignoraK for CHEAP On Board – Video Recap

Con questo bel video, andiamo a dare un occhiata al making of degli interventi firmati 2501, James Kalinda e Signora K per CHEAP on Board, estensione del famoso CHEAP Festival realizzata in occasione di Art City Bologna.
In questo scoppiettante inizio di anno, Bologna sta davvero catalizzando la nostra attenzione, gli amici di CHEAP Festival in occasione di Art City hanno infatti proposto una serie di interventi in strada che hanno visto al lavoro 2501, James Kalinda e Signora K
Nell’attesa che ci separa dalla nuova edizione, da poco online la call for artist (qui), il famoso festival bolognese ha iniziato a scaldare i motori proponendo un doppio intervento per le strade della città. Ancora una volta come ideale superfice di lavoro gli organizzatori hanno scelto di utilizzare gli spazi affissivi in disuso del comune. Portando avanti quindi uno dei cardini tematici del festival, ovvero la reinterpretazione e la riqualificazione della iconiche bacheche sparse per tutta la città. Questo particolare approccio, come ribadito più volte, si pone come ideale stimolo per sfruttare da una parte tutta la potenzialità comunicativa di questa spazio pubblicitari, sviluppando un dialogo forte e sfaccettato con i passanti, dall’altra stimola la rinascita visiva di superfici altrimenti abbandonate al loro destino che tornano quindi, attraverso il lavoro di artisti di spessore, a nuova vita.
Differenti per impostazione stilistica, 2501, Signora K e James Kalinda si sono quindi trovati a lavorare su carta proponendo intrecci visivi eterogenei capaci di ereditare tutta la differente stilistica che accompagna la ricerca di ciascuno di loro. Al tempo stesso con l’uscita di questo video, abbiamo l’opportunità di dare un occhiata al making of dei lavori, dalla fase realizzativa a quella installativa ponendo finalmente l’accento anche sul duro operato che viene svolto di volta in volta dagli organizzatori.
Null’altro da aggiungere, se volete approfondire vi rimandiamo ai precedenti post, quello sul lavoro realizzato da James Kalinda e Signora K (Covered) e l’ultimo intervento di 2501 (Covered), nel frattempo mettetevi comodi e schiacciate play, enjoy it.