GORGO

Sego – New Mural in Querétaro, Mexico

Non sentiamo spessissimo parlare di Sego, davvero un peccato perché l’artista Messicano incarna uno stile assolutamente personale e lo fa portando avanti la sua passione per la natura, nello specifico gli animali, unita con la pittura murale. La lente di Sego vede le bestie rappresentate attraverso fitti fasci di carne incanalati all’interno di grandi porzioni di colore, vengono composte con una serie di striature ad aumentarne il senso di vivo ed a proporne la profondità sia tematica che visiva. Sego ci affascina per la grande cura nel dettaglio e soprattutto per un immaginario che lo vede interagire profondamente con quello che lo circonda, nascono così belve bizzarre al limite dell’impossibile composta da più corpi uniti sotto la medesima fantasia, ed ancora attimi di natura che ne invadono pesantemente i corpi raccontandoci, portandola al limite una simbiosi nei suoi lavori.

L’interprete è tra gli ospiti dell’eccellente BordDripper Festival di Querétaro nel suo Messico dove ha da poco terminato di dipingere un nuovo animale. Per questa parete l’artista sceglie di affidarsi al alcuni colori meno caldi rispetto al solito, anzi preferisce proporre una serie di tinte che si aggirano sul viola e su un rame, il pezzo infine viene accompagnato da una serie di alberi che gravitano proprio intorno alla figura centrale quasi nella penombra e che ci offrono una scenografia e l’habitat perfetti per questo nuovo intervento, da vedere nel dettaglio con le immagini in calce.

Pics by KaptaMX

Sego – New Mural in Querétaro, Mexico

Non sentiamo spessissimo parlare di Sego, davvero un peccato perché l’artista Messicano incarna uno stile assolutamente personale e lo fa portando avanti la sua passione per la natura, nello specifico gli animali, unita con la pittura murale. La lente di Sego vede le bestie rappresentate attraverso fitti fasci di carne incanalati all’interno di grandi porzioni di colore, vengono composte con una serie di striature ad aumentarne il senso di vivo ed a proporne la profondità sia tematica che visiva. Sego ci affascina per la grande cura nel dettaglio e soprattutto per un immaginario che lo vede interagire profondamente con quello che lo circonda, nascono così belve bizzarre al limite dell’impossibile composta da più corpi uniti sotto la medesima fantasia, ed ancora attimi di natura che ne invadono pesantemente i corpi raccontandoci, portandola al limite una simbiosi nei suoi lavori.

L’interprete è tra gli ospiti dell’eccellente BordDripper Festival di Querétaro nel suo Messico dove ha da poco terminato di dipingere un nuovo animale. Per questa parete l’artista sceglie di affidarsi al alcuni colori meno caldi rispetto al solito, anzi preferisce proporre una serie di tinte che si aggirano sul viola e su un rame, il pezzo infine viene accompagnato da una serie di alberi che gravitano proprio intorno alla figura centrale quasi nella penombra e che ci offrono una scenografia e l’habitat perfetti per questo nuovo intervento, da vedere nel dettaglio con le immagini in calce.

Pics by KaptaMX