GORGO

Zio Ziegler – “Et in Arte Ego” at Antonio Colombo Gallery (Recap)

Aperta lo scorso Aprile, diamo finalmente un occhiata approfondita all’ultima fatica, nonché primo show in Italia, di Zio Ziegler dal titolo “Et in Arte Ego” aperto all’interno degli spazi della Antonio Colombo Gallery di Milano.

Come abbiamo spesso avuto modo di vedere il lavoro di Zio Ziegler affonda le sue radici all’interno di una spiccata sensibilità pittorica, l’artista di San Franscisco è ben conosciuto per le sue grandi pareti caratterizzate dalla presenza di enormi figure zoomorfe caratterizzata da una persistente profondità di dettagli. Questi personaggi surreali vengono realizzati unicamente attraverso l’utilizzo del bianco e del nero come unici vettori cromatici e vengono accompagnate da un tratto mirato a metterne in evidenza i contorno ma soprattutto le parti che li compongono, con linee e segni ripetuti che vanno a creare una fittissima trama interiore. È inevitabile osservando i lavori dell’interprete ritrovare una certa influenza nell’arte tribale così come e soprattutto quella primitiva con i soggetti caratterizzati da una irregolarità e da una presenza simbolica piuttosto rimarcata. Se questa rappresenta la base dei lavori in strada altrettanto peculiare è il lavoro in studio, qui Zio Ziegler si abbandona ad un utilizzo più concreto di colori segnando quindi un percorso decisamente più ricco e complesso ma soprattutto caratterizzato da una forte nota spirituale. I soggetti si fanno per antropomorfi e vedono l’artista mettere in evidenza una continua decorazione, l’idea è quella di una rappresentazione visiva delle percezioni, delle emozioni e degli stati d’animo con l’intento di scardinarne gli aspetti individuali come quelli collettivi. Si aprono quindi attraverso una serie infinita di elementi cromatici, figure, elementi, texture e forme differenti che prendono vita all’interno dei corpi e dei soggetti raffigurati, se da una parte quindi l’interprete mantiene il proprio tratto distintivo, dall’altra ne amplifica la profondità d’impatto coinvolgendo proprio sensazioni ed emozioni differenti. Se da una parte quindi chi osserva e spinto ad una lettura soggettiva e personale quindi, dall’altra ritroviamo però tutta la riflessione dell’artista che si lascia andare alle emozioni del momento, agli stimoli che riceve quotidianamente per un lavoro personale ed altamente immersivo.

Per questa sua nuova esibizione l’artista americano presenta una fittissima serie di oltre quaranta opere, dalle tele di grandi dimensioni, alle sculture ed alle opere su carta, concludendo infine con a una grande pittura murale realizzata sulla parete d’ingresso della galleria.

Non aggiungiamo altro, vi lasciamo piuttosto alla bella video intervista con i sottotitoli in Italiano, ad alcuni scatti all’interno degli spazi ed ad una ricca sequenza di immagini con tutti i dettagli delle opere esposte, un piatto ricco che siamo certi apprezzerete e che se vi trovate in zona potete andare a vedere da vicino fino al prossimo 6 di Giugno, noi ve l’abbiamo detto.

Antonio Colombo Gallery
Via Solferino, 44
20121 Milano

Thanks to The Gallery for The Pics

Zio Ziegler – “Et in Arte Ego” at Antonio Colombo Gallery (Recap)

Aperta lo scorso Aprile, diamo finalmente un occhiata approfondita all’ultima fatica, nonché primo show in Italia, di Zio Ziegler dal titolo “Et in Arte Ego” aperto all’interno degli spazi della Antonio Colombo Gallery di Milano.

Come abbiamo spesso avuto modo di vedere il lavoro di Zio Ziegler affonda le sue radici all’interno di una spiccata sensibilità pittorica, l’artista di San Franscisco è ben conosciuto per le sue grandi pareti caratterizzate dalla presenza di enormi figure zoomorfe caratterizzata da una persistente profondità di dettagli. Questi personaggi surreali vengono realizzati unicamente attraverso l’utilizzo del bianco e del nero come unici vettori cromatici e vengono accompagnate da un tratto mirato a metterne in evidenza i contorno ma soprattutto le parti che li compongono, con linee e segni ripetuti che vanno a creare una fittissima trama interiore. È inevitabile osservando i lavori dell’interprete ritrovare una certa influenza nell’arte tribale così come e soprattutto quella primitiva con i soggetti caratterizzati da una irregolarità e da una presenza simbolica piuttosto rimarcata. Se questa rappresenta la base dei lavori in strada altrettanto peculiare è il lavoro in studio, qui Zio Ziegler si abbandona ad un utilizzo più concreto di colori segnando quindi un percorso decisamente più ricco e complesso ma soprattutto caratterizzato da una forte nota spirituale. I soggetti si fanno per antropomorfi e vedono l’artista mettere in evidenza una continua decorazione, l’idea è quella di una rappresentazione visiva delle percezioni, delle emozioni e degli stati d’animo con l’intento di scardinarne gli aspetti individuali come quelli collettivi. Si aprono quindi attraverso una serie infinita di elementi cromatici, figure, elementi, texture e forme differenti che prendono vita all’interno dei corpi e dei soggetti raffigurati, se da una parte quindi l’interprete mantiene il proprio tratto distintivo, dall’altra ne amplifica la profondità d’impatto coinvolgendo proprio sensazioni ed emozioni differenti. Se da una parte quindi chi osserva e spinto ad una lettura soggettiva e personale quindi, dall’altra ritroviamo però tutta la riflessione dell’artista che si lascia andare alle emozioni del momento, agli stimoli che riceve quotidianamente per un lavoro personale ed altamente immersivo.

Per questa sua nuova esibizione l’artista americano presenta una fittissima serie di oltre quaranta opere, dalle tele di grandi dimensioni, alle sculture ed alle opere su carta, concludendo infine con a una grande pittura murale realizzata sulla parete d’ingresso della galleria.

Non aggiungiamo altro, vi lasciamo piuttosto alla bella video intervista con i sottotitoli in Italiano, ad alcuni scatti all’interno degli spazi ed ad una ricca sequenza di immagini con tutti i dettagli delle opere esposte, un piatto ricco che siamo certi apprezzerete e che se vi trovate in zona potete andare a vedere da vicino fino al prossimo 6 di Giugno, noi ve l’abbiamo detto.

Antonio Colombo Gallery
Via Solferino, 44
20121 Milano

Thanks to The Gallery for The Pics