GORGO

ZED1 – New Mural in Poggibonsi

Ci spostiamo a Poggibonsi, Siena, qui ritroviamo con piacere Zed1, il grande autore italiano ha infatti da poco terminato di dipingere questa grande parete in occasione dei lavori per DOTS Fest – Down on The Street.
L’idea del progetto ha un che di poetico. Si tratta di una riflessione che parte dall’analisi della parola strada. La strada comunemente viene infatti utilizzata come metafora, nella letteratura, nella musica e nel modo di parlare quotidiano, arrivando infine alla poesia. È un concetto elevato ed ampio. La strada metaforica è un luogo sospeso, con delle regole proprie, uno stimolo in controtendenza con la società.
Parte da qui l’idea di Blue Train Circolo Arci, DOTS nasce come acronimo di Down on The Street, ma è soprattutto nel significato ancora una volta duplice, che si nasconde l’idea del progetto. C’è la volontà di esprimersi attraverso piccole ‘macchie’, epicentri di storie, sensibilità, stimoli ed impulsi differenti che hanno animato il territorio, attivando zone e strutture precedentemente spente, grigie, ora capaci di brillare di luce propria grazie agli interventi degli artisti chiamati.
Zed1 si cala all’interno di questi concetti ponendo il proprio operato come ideale propellente per una riflessione cosciente ed intelligente sulla società moderna, sull’epoca attuale ed infine sull’essere umano.
C’è qualcosa di intenso, poetico e delicato nelle produzioni firmate dal campione Italiano. C’è la volontà di rispecchiare un attualità spesso difficile, cruda, violenta e di complessa comprensione. Al tempo stesso persiste la volontà dell’interprete di sviluppare un confronto, di porre lo spettatore come parte attiva di un percorso pittorico mai banale, sempre in grado di suscitare un istante di riflessione in ciascuno che osserva.
Il fare sottile, l’accennare i temi e lasciare che, i suoi iconici personaggi, comprendano e sviluppino attraverso potenti analogie, una determinata situazione, rappresentano gli stimoli di una produzione che continua a sorprenderci.
Zed1 arriva a Poggibonsi in un particolare momento storico e sociale. C’è l’odio che tocca ed appesta qualsiasi ‘differenza’, una diversità che mai come ora diviene sinonimo di paura, di rancore, di lotta e di morte. L’autore italiano con “Integrate Yourself” parte da un idea differente, parla di integrazione con la consapevolezza che la stessa può essere raggiunta unicamente lavorando su se stessi. Apprendendo dagli altri, attivando uno scambio di culture e con esso vivere in modo pacifico con chi ci sta di fronte.
Ad accompagnare il nostro testo alcune immagini del making of ed i dettagli di quest’ultima fatica firmata dall’interprete, dateci un occhiata e restate sintonizzati, nei prossimi giorni infatti, proseguiremo nel raccontarvi gli interventi realizzati per il progetto.

Thanks to The Artist for The Pics

ZED1 – New Mural in Poggibonsi

Ci spostiamo a Poggibonsi, Siena, qui ritroviamo con piacere Zed1, il grande autore italiano ha infatti da poco terminato di dipingere questa grande parete in occasione dei lavori per DOTS Fest – Down on The Street.
L’idea del progetto ha un che di poetico. Si tratta di una riflessione che parte dall’analisi della parola strada. La strada comunemente viene infatti utilizzata come metafora, nella letteratura, nella musica e nel modo di parlare quotidiano, arrivando infine alla poesia. È un concetto elevato ed ampio. La strada metaforica è un luogo sospeso, con delle regole proprie, uno stimolo in controtendenza con la società.
Parte da qui l’idea di Blue Train Circolo Arci, DOTS nasce come acronimo di Down on The Street, ma è soprattutto nel significato ancora una volta duplice, che si nasconde l’idea del progetto. C’è la volontà di esprimersi attraverso piccole ‘macchie’, epicentri di storie, sensibilità, stimoli ed impulsi differenti che hanno animato il territorio, attivando zone e strutture precedentemente spente, grigie, ora capaci di brillare di luce propria grazie agli interventi degli artisti chiamati.
Zed1 si cala all’interno di questi concetti ponendo il proprio operato come ideale propellente per una riflessione cosciente ed intelligente sulla società moderna, sull’epoca attuale ed infine sull’essere umano.
C’è qualcosa di intenso, poetico e delicato nelle produzioni firmate dal campione Italiano. C’è la volontà di rispecchiare un attualità spesso difficile, cruda, violenta e di complessa comprensione. Al tempo stesso persiste la volontà dell’interprete di sviluppare un confronto, di porre lo spettatore come parte attiva di un percorso pittorico mai banale, sempre in grado di suscitare un istante di riflessione in ciascuno che osserva.
Il fare sottile, l’accennare i temi e lasciare che, i suoi iconici personaggi, comprendano e sviluppino attraverso potenti analogie, una determinata situazione, rappresentano gli stimoli di una produzione che continua a sorprenderci.
Zed1 arriva a Poggibonsi in un particolare momento storico e sociale. C’è l’odio che tocca ed appesta qualsiasi ‘differenza’, una diversità che mai come ora diviene sinonimo di paura, di rancore, di lotta e di morte. L’autore italiano con “Integrate Yourself” parte da un idea differente, parla di integrazione con la consapevolezza che la stessa può essere raggiunta unicamente lavorando su se stessi. Apprendendo dagli altri, attivando uno scambio di culture e con esso vivere in modo pacifico con chi ci sta di fronte.
Ad accompagnare il nostro testo alcune immagini del making of ed i dettagli di quest’ultima fatica firmata dall’interprete, dateci un occhiata e restate sintonizzati, nei prossimi giorni infatti, proseguiremo nel raccontarvi gli interventi realizzati per il progetto.

Thanks to The Artist for The Pics