fbpx
GORGO

Ufocinque – “Sottomondo” at USB Gallery (Recap)

Aperta lo scorso 21 di Febbraio andiamo con piacere a dare un occhiata approfondita a “Sottomondo” ultimo show del grande Ufocinque allestito all’interno degli spazi della USB Gallery di Jesi.
Il lavoro di Ufocinque abbraccia stimoli, tematiche e riflessioni differenti, un mondo eterogeneo capaci di svilupparsi attraverso le increspature della carta finemente ritagliata dall’autore, oppure per mezzo delle precise e pulite pitture con cui l’interprete sempre più sta esplorando le personali fascinazioni. In entrambi i casi si tratta di esperienze percettive in grado di aprirci le porte all’interno di mondi celati ed immaginati, visioni oniriche e metafisiche, incastrate nel tempo o nella bidimensionalità dei fogli bianchi, arrivando, proprio in occasione di quest’ultimo show, a plasmare la ceramica.
Il titolo “Sottomondo” appare quindi quanto mai azzeccato per uno show che fa, dell’esperienza percettiva, del viaggio interiore, e dei differenti e concreti stimoli dell’artista, il suo principale valore aggiunto. La mostra è di fatto una grande installazione site-specific con l’autore che si confronta con i differenti impulsi della propria arte, arrivando a concretizzare le proprie idee in opere tangibili e differenti. Se le opere in ceramica rappresento al meglio questo spunto, è innegabile come tutte le produzione dell’autore Italiano, vengano sviluppate attraverso un costante allegoria del presente. Maggiormente somiglianti al conosciuto che al visto, gli interventi operano a livello mentale e percettivo, stimolano la vista ed il tatto, trasformano un idea, un immagine appannata in qualcosa di reale e vivo. C’è del poetico quindi nelle opere proposte, ma al tempo stesso un esigenza di plasmare un rifugio per la mente, un universo capace di rispondere alla complessità, alla velocità ed agli schemi del presente, attraverso una visione lontana, arcaica e medioevale in grado di snaturare e sradicarci dalla nostra quotidianità.
Proprio per questi motivi, lo spettatore viene accolto da un universo vivo, ricco di simboli ed analogie con il presente, tra natura ed architetture, ci si ritrova ad attraversare uno spazio metafisico in cui Ufocinque ha si, liberato il proprio immaginario, ma al tempo stesso ne ha scandito la forma e l’aspetto attraverso un traccia pulita, equilibrata e capace di suggerire aspetti e forma ben note.
Null’altro da aggiungere, in calce al nostro testo piuttosto potete trovare una bella e ricca serie di scatti con tutti i dettagli dei lavori presentati dall’artista, dateci un occhiata e se vi trovate in zona, vi ricordiamo che c’è tempo fino al prossimo 22 di Marzo per andare a darci un occhiata di persona.

USB Gallery
Via Mura Occidentali, 27
60035 Jesi

Thanks to The Artist for The Pics

Ufocinque – “Sottomondo” at USB Gallery (Recap)

Aperta lo scorso 21 di Febbraio andiamo con piacere a dare un occhiata approfondita a “Sottomondo” ultimo show del grande Ufocinque allestito all’interno degli spazi della USB Gallery di Jesi.
Il lavoro di Ufocinque abbraccia stimoli, tematiche e riflessioni differenti, un mondo eterogeneo capaci di svilupparsi attraverso le increspature della carta finemente ritagliata dall’autore, oppure per mezzo delle precise e pulite pitture con cui l’interprete sempre più sta esplorando le personali fascinazioni. In entrambi i casi si tratta di esperienze percettive in grado di aprirci le porte all’interno di mondi celati ed immaginati, visioni oniriche e metafisiche, incastrate nel tempo o nella bidimensionalità dei fogli bianchi, arrivando, proprio in occasione di quest’ultimo show, a plasmare la ceramica.
Il titolo “Sottomondo” appare quindi quanto mai azzeccato per uno show che fa, dell’esperienza percettiva, del viaggio interiore, e dei differenti e concreti stimoli dell’artista, il suo principale valore aggiunto. La mostra è di fatto una grande installazione site-specific con l’autore che si confronta con i differenti impulsi della propria arte, arrivando a concretizzare le proprie idee in opere tangibili e differenti. Se le opere in ceramica rappresento al meglio questo spunto, è innegabile come tutte le produzione dell’autore Italiano, vengano sviluppate attraverso un costante allegoria del presente. Maggiormente somiglianti al conosciuto che al visto, gli interventi operano a livello mentale e percettivo, stimolano la vista ed il tatto, trasformano un idea, un immagine appannata in qualcosa di reale e vivo. C’è del poetico quindi nelle opere proposte, ma al tempo stesso un esigenza di plasmare un rifugio per la mente, un universo capace di rispondere alla complessità, alla velocità ed agli schemi del presente, attraverso una visione lontana, arcaica e medioevale in grado di snaturare e sradicarci dalla nostra quotidianità.
Proprio per questi motivi, lo spettatore viene accolto da un universo vivo, ricco di simboli ed analogie con il presente, tra natura ed architetture, ci si ritrova ad attraversare uno spazio metafisico in cui Ufocinque ha si, liberato il proprio immaginario, ma al tempo stesso ne ha scandito la forma e l’aspetto attraverso un traccia pulita, equilibrata e capace di suggerire aspetti e forma ben note.
Null’altro da aggiungere, in calce al nostro testo piuttosto potete trovare una bella e ricca serie di scatti con tutti i dettagli dei lavori presentati dall’artista, dateci un occhiata e se vi trovate in zona, vi ricordiamo che c’è tempo fino al prossimo 22 di Marzo per andare a darci un occhiata di persona.

USB Gallery
Via Mura Occidentali, 27
60035 Jesi

Thanks to The Artist for The Pics