fbpx
GORGO

Ufocinque x Giorgio Bartocci – Mural at Boombarstick Festival

Vi stiamo raccontando le meraviglie di questa edizione del Boombarstick Festival, passo dopo passo abbiamo visto come il grande roster di stelle partecipanti, prendendo ampio possesso delle pareti a disposizione, ha completamente cambiato l’aspetto della città di Vodnjan. Tra gli artisti coinvolti a rappresentare l’Italia Ufocinque e Giorgio Bartocci e chi dapprima si aspettava due dipinti distinti, non rimarrà certo deluso dal risultato finale anzi, c’è da lustrarsi gli occhi difronte allo spettacolo messo in piedi da due interpreti.
Tra immagini leaked e scorci qui e li, la nostra curiosità su questo lavoro è davvero salita alle stelle, seppur dotati di stili e tematiche differenti Ufocinque e Giorgio Bartocci mettono insieme un lavoro dal forte impatto visivo, quasi un opera teatrale dove i volti ed i corpi degli spettri di Bartocci danzano sornioni ed eleganti su tutta la facciata avvolti da increspature bianche, è l’immaginario di Ufocinque con le sue ramificazioni, un oblio che li circonda, bianco, veloce e spesso, accoglie nel suo grembo le figure. Nel risultato finale si ha l’impressione di essere difronte ad una festa mistica quasi orgiastica, Giorgio Bartocci fa muovere le sue canoniche figure, sono piccole ombre composte di nero e colore con grandi e piccole articolazioni sferiche, silenziose si elevano nei due lati della parete e vengono accompagnate dalla danza dei rami bianchi della gigantesca figura centrale, Ufocinque qui porta avanti il proprio personale tema stilistico giocando con l’architettura stessa della facciata ed elevando l’ingresso come uno dei suoi vortici increspati, al suo interno diversi livelli dove il bianco diventa più scuro, grigio, ancora più scuro fino a scomparire nell’oblio, da incanto.

Thanks to The Festival for The Pics
Pics by Swen Serbic

Ufocinque x Giorgio Bartocci – Mural at Boombarstick Festival

Vi stiamo raccontando le meraviglie di questa edizione del Boombarstick Festival, passo dopo passo abbiamo visto come il grande roster di stelle partecipanti, prendendo ampio possesso delle pareti a disposizione, ha completamente cambiato l’aspetto della città di Vodnjan. Tra gli artisti coinvolti a rappresentare l’Italia Ufocinque e Giorgio Bartocci e chi dapprima si aspettava due dipinti distinti, non rimarrà certo deluso dal risultato finale anzi, c’è da lustrarsi gli occhi difronte allo spettacolo messo in piedi da due interpreti.
Tra immagini leaked e scorci qui e li, la nostra curiosità su questo lavoro è davvero salita alle stelle, seppur dotati di stili e tematiche differenti Ufocinque e Giorgio Bartocci mettono insieme un lavoro dal forte impatto visivo, quasi un opera teatrale dove i volti ed i corpi degli spettri di Bartocci danzano sornioni ed eleganti su tutta la facciata avvolti da increspature bianche, è l’immaginario di Ufocinque con le sue ramificazioni, un oblio che li circonda, bianco, veloce e spesso, accoglie nel suo grembo le figure. Nel risultato finale si ha l’impressione di essere difronte ad una festa mistica quasi orgiastica, Giorgio Bartocci fa muovere le sue canoniche figure, sono piccole ombre composte di nero e colore con grandi e piccole articolazioni sferiche, silenziose si elevano nei due lati della parete e vengono accompagnate dalla danza dei rami bianchi della gigantesca figura centrale, Ufocinque qui porta avanti il proprio personale tema stilistico giocando con l’architettura stessa della facciata ed elevando l’ingresso come uno dei suoi vortici increspati, al suo interno diversi livelli dove il bianco diventa più scuro, grigio, ancora più scuro fino a scomparire nell’oblio, da incanto.

Thanks to The Festival for The Pics
Pics by Swen Serbic