fbpx
GORGO

Truly Design – “Zeus” New Mural at EDF Electropolis Museum

Prosegue il bel periodo per i Truly Design, il collettivo Italiano si è spostato nei giorni scorsi a Mulhouse in Francia dove ha avuto modo di realizzare una nuova ed intensa pittura anamorfica all’interno dell’EDF Electropolis Museum.
Sempre più interessati nello sviluppo di opere di questo tipo, quest’ultima fatica è l’opportunità per tornare ad immergerci all’interno del particolare immaginario di Mach505, Ninja1, Mauro149, Rems182 aka Truly Design. L’intervento prosegue la passione per la pittura anamorfica, ovvero tutti quei lavori che vengono costruiti su una superficie tridimensionale e che possono essere osservati unicamente guardando in uno specifico punto. Si tratta di una tecnica piuttosto complessa e che richiede una certa sensibilità e precisione, di cui proprio gli interpreti, rappresentano tra gli esponenti più importanti. E’ quindi importante sottolineare come alla base di interventi di questo tipo, vi sia un approfondito studio degli spazi e delle superfici a disposizione, un lavoro minuzioso che ha nell’effetto ottico e nell’impatto finale, il suo tratto distintivo.
Le produzioni firmate dagli autori, sono il risultato delle differenti ricerche che ciascuno degli artisti porta avanti singolarmente. Con un fortissimo background nel mondo dei graffiti, ciascuno degli interpreti porta avanti una ricerca personale e che, nei lavori comuni, rappresenta motivo di diversificazione stilistica e tematica. Si tratta di un piglio eterogeneo, costantemente legato ad un profonda interazione con gli spazi, le superfici e gli ambienti di lavori, che porta il gruppo ad interagire in maniera profonda e sensibile. Ad accompagnare ciascuna delle opere una precisa direzione tematica atta ad entrare in sintonia con il luogo. Gli spunti del posto, le riflessioni e le sensazioni del momento, rappresentano l’ideali catalizzatori di un percorso che, specialmente negli ultimi tempi, ha saputo particolarmente impressionarci.
Quest’ultima fatica, che prende vita all’interno del museo dell’elettricità della cittadina Francese, vede i Truly Design dialogare profondamente con la struttura. Sia dal punto di vista tematico, con la scelta di utilizzare il dio Zeus come principale protagonista, sia da quello stilistico, con la figura che va letteralmente a scagliare una saetta sulla gigantesca bobina presente nella sala. La scelta cromatica ricade su un range piuttosto delicato, con un tratto che diviene qui altamente grafico e che strizza l’occhio al mondo dell’illustrazione.
Null’altro da aggiungere, ad accompagnare il nostro una bella e ricca serie di scatti con il work in progress ed il bel risultato finale, dateci un occhiata e restate sintonizzati qui sul Gorgo per nuovi aggiornamenti sul lavoro dell’interprete.

The #Streetart exhibition, organized by Spacejunk.tv, after having hosted Medusa and Pegasus in Paris, was moved to Mulhouse, at the EDF Electropolis Museum. For the occasion, we were once more invited to create another anamorphic painting. We were thunderstruck when visiting the ex electric plant which is now home to the Museum, and decided to throw in big old Zeus himself.

Thanks to The Artists for The Pics

Truly Design – “Zeus” New Mural at EDF Electropolis Museum

Prosegue il bel periodo per i Truly Design, il collettivo Italiano si è spostato nei giorni scorsi a Mulhouse in Francia dove ha avuto modo di realizzare una nuova ed intensa pittura anamorfica all’interno dell’EDF Electropolis Museum.
Sempre più interessati nello sviluppo di opere di questo tipo, quest’ultima fatica è l’opportunità per tornare ad immergerci all’interno del particolare immaginario di Mach505, Ninja1, Mauro149, Rems182 aka Truly Design. L’intervento prosegue la passione per la pittura anamorfica, ovvero tutti quei lavori che vengono costruiti su una superficie tridimensionale e che possono essere osservati unicamente guardando in uno specifico punto. Si tratta di una tecnica piuttosto complessa e che richiede una certa sensibilità e precisione, di cui proprio gli interpreti, rappresentano tra gli esponenti più importanti. E’ quindi importante sottolineare come alla base di interventi di questo tipo, vi sia un approfondito studio degli spazi e delle superfici a disposizione, un lavoro minuzioso che ha nell’effetto ottico e nell’impatto finale, il suo tratto distintivo.
Le produzioni firmate dagli autori, sono il risultato delle differenti ricerche che ciascuno degli artisti porta avanti singolarmente. Con un fortissimo background nel mondo dei graffiti, ciascuno degli interpreti porta avanti una ricerca personale e che, nei lavori comuni, rappresenta motivo di diversificazione stilistica e tematica. Si tratta di un piglio eterogeneo, costantemente legato ad un profonda interazione con gli spazi, le superfici e gli ambienti di lavori, che porta il gruppo ad interagire in maniera profonda e sensibile. Ad accompagnare ciascuna delle opere una precisa direzione tematica atta ad entrare in sintonia con il luogo. Gli spunti del posto, le riflessioni e le sensazioni del momento, rappresentano l’ideali catalizzatori di un percorso che, specialmente negli ultimi tempi, ha saputo particolarmente impressionarci.
Quest’ultima fatica, che prende vita all’interno del museo dell’elettricità della cittadina Francese, vede i Truly Design dialogare profondamente con la struttura. Sia dal punto di vista tematico, con la scelta di utilizzare il dio Zeus come principale protagonista, sia da quello stilistico, con la figura che va letteralmente a scagliare una saetta sulla gigantesca bobina presente nella sala. La scelta cromatica ricade su un range piuttosto delicato, con un tratto che diviene qui altamente grafico e che strizza l’occhio al mondo dell’illustrazione.
Null’altro da aggiungere, ad accompagnare il nostro una bella e ricca serie di scatti con il work in progress ed il bel risultato finale, dateci un occhiata e restate sintonizzati qui sul Gorgo per nuovi aggiornamenti sul lavoro dell’interprete.

The #Streetart exhibition, organized by Spacejunk.tv, after having hosted Medusa and Pegasus in Paris, was moved to Mulhouse, at the EDF Electropolis Museum. For the occasion, we were once more invited to create another anamorphic painting. We were thunderstruck when visiting the ex electric plant which is now home to the Museum, and decided to throw in big old Zeus himself.

Thanks to The Artists for The Pics