GORGO

Thomas Canto at Wunderkammern Gallery (Recap)

Aperta lo scorso 21 di Novembre, andiamo a dare un occhiata approfondita a “Still lifes of space time”, nuova esibizione firmata dal grande artista Francese Thomas Canto all’interno degli spazi della Wunderkammern Gallery di Roma.

Lo show è la prima mostra italiana per l’autore che continua negli spazi della galleria romana la sua personale indagine sullo spazio tridimensionale.

Come abbiamo avuto il piacere di vedere diverse volte, nelle sue produzioni Thomas Canto costruisce nuove dimensioni percettive servendosi di strumenti differenti. Lavorando con la pittura, con il nylon, innescando giochi di luce ed ombra, il francese sviluppa gli iconici intrecci astratti. L’idea è come sempre quella di far immergere lo spettatore all’interno di una nuova e dinamica esperienza percettiva. Chi osserva diviene parte attiva di un percorso mirato atto a analizzare e vedere la realtà attraverso nuove e differenti prospettive.

Per l’esibizione Thomas Canto presente una nuova installazione site specific, animata attraverso una proiezione di video mapping, una nuova serie di opere a tecnica mista, realizzate con legno dipinto e tela, fili di nylon e scatole di plexiglas.

Ad accompagnare il nostro testo un bel video recap e le immagini dell’allestimento proposto dall’artista, dateci un occhiata. Lo show rimarrà aperto fino al prossimo 9 di Gennaio.

Wunderkammern Gallery
Via Gabrio Serbelloni 124
00176 Roma

Thanks to The Gallery for The Pics
Pics by TheBlindEyeFactry

Thomas Canto at Wunderkammern Gallery (Recap)

Aperta lo scorso 21 di Novembre, andiamo a dare un occhiata approfondita a “Still lifes of space time”, nuova esibizione firmata dal grande artista Francese Thomas Canto all’interno degli spazi della Wunderkammern Gallery di Roma.

Lo show è la prima mostra italiana per l’autore che continua negli spazi della galleria romana la sua personale indagine sullo spazio tridimensionale.

Come abbiamo avuto il piacere di vedere diverse volte, nelle sue produzioni Thomas Canto costruisce nuove dimensioni percettive servendosi di strumenti differenti. Lavorando con la pittura, con il nylon, innescando giochi di luce ed ombra, il francese sviluppa gli iconici intrecci astratti. L’idea è come sempre quella di far immergere lo spettatore all’interno di una nuova e dinamica esperienza percettiva. Chi osserva diviene parte attiva di un percorso mirato atto a analizzare e vedere la realtà attraverso nuove e differenti prospettive.

Per l’esibizione Thomas Canto presente una nuova installazione site specific, animata attraverso una proiezione di video mapping, una nuova serie di opere a tecnica mista, realizzate con legno dipinto e tela, fili di nylon e scatole di plexiglas.

Ad accompagnare il nostro testo un bel video recap e le immagini dell’allestimento proposto dall’artista, dateci un occhiata. Lo show rimarrà aperto fino al prossimo 9 di Gennaio.

Wunderkammern Gallery
Via Gabrio Serbelloni 124
00176 Roma

Thanks to The Gallery for The Pics
Pics by TheBlindEyeFactry