fbpx
GORGO

Sten & Lex – New Mural in Bangkok

Tra i nomi di spicco al lavoro per il BUKRUK Urban Arts Festival, ci sono anche Sten & Lex, il duo romano ha da poco terminato questa nuova potente opera dal titolo “Storm”.
Sempre più affascinati dalla svolta astratta intrapresa dal grande duo Italiano. Sten & Lex continuano a sperimentare nuove soluzioni estetiche, lasciando tuttavia inalterato l’approccio lavorativo delle loro composizioni. La loro particolare tecnica di stencil è infatti il filo conduttore tra la precedente produzione, scandita dalla riproduzione di volti e soggetti comuni, e questo nuovo setting tutto legato alla forma.
La nuova maturità lavorativa di Sten & Lex passa per la distruzione della matrici che compongono le loro opere. Le immagini, così come le linee che le compongono, non sono più legate ad un diktat estetico. Libere di spaziare, di compiere piroette e di lanciarsi nello spazio compiendo balzi, accartocciandosi ed aprendosi a nuove ed inaspettate soluzioni. Un contatto differente quindi che passa per impulsi e stati d’animo personali e che arriva allo spettatore, forte e deciso, colpendone le corde più emotive e viscerale. Una tempesta appunto.

Sten & Lex – New Mural in Bangkok

Tra i nomi di spicco al lavoro per il BUKRUK Urban Arts Festival, ci sono anche Sten & Lex, il duo romano ha da poco terminato questa nuova potente opera dal titolo “Storm”.
Sempre più affascinati dalla svolta astratta intrapresa dal grande duo Italiano. Sten & Lex continuano a sperimentare nuove soluzioni estetiche, lasciando tuttavia inalterato l’approccio lavorativo delle loro composizioni. La loro particolare tecnica di stencil è infatti il filo conduttore tra la precedente produzione, scandita dalla riproduzione di volti e soggetti comuni, e questo nuovo setting tutto legato alla forma.
La nuova maturità lavorativa di Sten & Lex passa per la distruzione della matrici che compongono le loro opere. Le immagini, così come le linee che le compongono, non sono più legate ad un diktat estetico. Libere di spaziare, di compiere piroette e di lanciarsi nello spazio compiendo balzi, accartocciandosi ed aprendosi a nuove ed inaspettate soluzioni. Un contatto differente quindi che passa per impulsi e stati d’animo personali e che arriva allo spettatore, forte e deciso, colpendone le corde più emotive e viscerale. Una tempesta appunto.