fbpx
GORGO

Sten & Lex at Wunderkammern Gallery (Teaser)

Con “Matrici Distrutte” di Sten & Lex, prosegue il bel progetto ‘Limitless’ della Wunderkammern Gallery di Roma, un nuovo show che vuole indagare tutto il particolare approccio stilistico di uno dei nomi più importanti della scena nazionale ed internazionale.
Il progetto ha visto susseguirsi nomi di spessore tra cui Sam3 (Covered) e L’Atlas (Covered) e che proprio con il duo romano, prosegue la sua analisi del concetto di limite, nella sue differenti e possibili forme e di come, prevaricando i limiti quotidiani sottoposti e non, sia possibile raggiungere una riflessione sulla realtà illimitata.
C’è molta curiosità da parte nostra per questo nuovo corpo di lavoro, L’ultimo show degli artisti, aperto all’interno degli spazi della Magda Danysz Gallery di Shangai (Covered), ci aveva infatti mostrato le prima alterazioni di un percorso di ricerca, che ha portato gli autori ad interagire con gli spazi attraverso un impulso maggiormente astratto.
L’approccio astratto che sta fortemente influenzando le produzioni del duo in questo ultimo periodo si sviluppa attraverso una ricerca di forme e contenuti stilistici differenti capaci di discordarsi dai canonici ritratti. Lasciando inalterato lo stile che li ha resi celebri ,Sten & Lex cambiano completamente tema, mettendo da parte per il momento le riproduzioni dei volti, il duo sta sperimentando, procedendo in diverse direzioni lasciandosi completamente affascinare dalle geometrie e dalle componenti astratte facendole loro e rilasciandole sulla parete attraverso la proprio inconfondibile tecnica. A nostra avviso, risiede proprio qui la svolta, se infatti prima l’immagine di base era comunque il viso di una persona all’interno della quale si scatenavano i fasci e le matrici distrutte delle linee, adesso le stesse rappresentano il fulcro stesso dell’opera. Ne costruiscono le viscere, segnando lo spazio, facendo emergere forme e configurazioni differenti, si muovono silenziose ed armoniose correndo su tutta la densità a disposizione innescando incontri e scontri e dando vita ad una ricchezza di dettagli incredibile e sopratutto instaurando un dialogo, con chi osserva, attraverso un piglio maggiormente viscerale.
L’allestimento proposto da Sten & Lex per Wunderkkarmen Gallery sarà interamente costituito da una nuova serie di lavori inediti. Opere su legno e su lastre metalliche, legate a doppio filo con gli interventi in strada, e che base ideale per nuovi, interessanti e futuri sviluppi. Infine, come consuetudine gli interpreti realizzeranno una serie di interventi sparsi in giro per le strade della capitale.
In attesa di dare uno sguardo approfondito all’allestimento ed ai lavori in strada che il duo proporrà per lo show, vi diamo appuntamento al prossimo 7 Febbraio, noi saremo lì a raccontarvi in diretta l’apertura, stay tuned.

Wunderkammern is proud to present Matrici Distrutte, or “Destroyed Matrices”, the highly anticipated solo show by Sten Lex in Rome.

The show Matrici Distrutte (Destroyed Matrices) investigates the technique and artistic process of Sten Lex. For the artists, in fact, technique and process are of equal importance in the finished work, and are an essential part of it. A metaphor for life, in which the journey and the destination have the same importance. As the very title reveals, the matrices of the stencil are destroyed during the creative process. In their stencil posters, the scraps left hanging on the surface are a part of the destroyed matrix and communicate an aesthetic sense of transformation, of becoming. Using the destructive process as a part of the work, the artists surpass the limits imposed by stencils, a technique that, in its own right, limits the sign and sets boundaries. In a paradoxical way, the artists come to cancel the defining characteristic of the stencil itself: its reproducibility. Once the matrix is destroyed, in fact, the work becomes unique and can no longer be recreated. Life becomes unique and is no longer reproducible.

Sten & Lex at Wunderkammern Gallery (Teaser)

Con “Matrici Distrutte” di Sten & Lex, prosegue il bel progetto ‘Limitless’ della Wunderkammern Gallery di Roma, un nuovo show che vuole indagare tutto il particolare approccio stilistico di uno dei nomi più importanti della scena nazionale ed internazionale.
Il progetto ha visto susseguirsi nomi di spessore tra cui Sam3 (Covered) e L’Atlas (Covered) e che proprio con il duo romano, prosegue la sua analisi del concetto di limite, nella sue differenti e possibili forme e di come, prevaricando i limiti quotidiani sottoposti e non, sia possibile raggiungere una riflessione sulla realtà illimitata.
C’è molta curiosità da parte nostra per questo nuovo corpo di lavoro, L’ultimo show degli artisti, aperto all’interno degli spazi della Magda Danysz Gallery di Shangai (Covered), ci aveva infatti mostrato le prima alterazioni di un percorso di ricerca, che ha portato gli autori ad interagire con gli spazi attraverso un impulso maggiormente astratto.
L’approccio astratto che sta fortemente influenzando le produzioni del duo in questo ultimo periodo si sviluppa attraverso una ricerca di forme e contenuti stilistici differenti capaci di discordarsi dai canonici ritratti. Lasciando inalterato lo stile che li ha resi celebri ,Sten & Lex cambiano completamente tema, mettendo da parte per il momento le riproduzioni dei volti, il duo sta sperimentando, procedendo in diverse direzioni lasciandosi completamente affascinare dalle geometrie e dalle componenti astratte facendole loro e rilasciandole sulla parete attraverso la proprio inconfondibile tecnica. A nostra avviso, risiede proprio qui la svolta, se infatti prima l’immagine di base era comunque il viso di una persona all’interno della quale si scatenavano i fasci e le matrici distrutte delle linee, adesso le stesse rappresentano il fulcro stesso dell’opera. Ne costruiscono le viscere, segnando lo spazio, facendo emergere forme e configurazioni differenti, si muovono silenziose ed armoniose correndo su tutta la densità a disposizione innescando incontri e scontri e dando vita ad una ricchezza di dettagli incredibile e sopratutto instaurando un dialogo, con chi osserva, attraverso un piglio maggiormente viscerale.
L’allestimento proposto da Sten & Lex per Wunderkkarmen Gallery sarà interamente costituito da una nuova serie di lavori inediti. Opere su legno e su lastre metalliche, legate a doppio filo con gli interventi in strada, e che base ideale per nuovi, interessanti e futuri sviluppi. Infine, come consuetudine gli interpreti realizzeranno una serie di interventi sparsi in giro per le strade della capitale.
In attesa di dare uno sguardo approfondito all’allestimento ed ai lavori in strada che il duo proporrà per lo show, vi diamo appuntamento al prossimo 7 Febbraio, noi saremo lì a raccontarvi in diretta l’apertura, stay tuned.

Wunderkammern is proud to present Matrici Distrutte, or “Destroyed Matrices”, the highly anticipated solo show by Sten Lex in Rome.

The show Matrici Distrutte (Destroyed Matrices) investigates the technique and artistic process of Sten Lex. For the artists, in fact, technique and process are of equal importance in the finished work, and are an essential part of it. A metaphor for life, in which the journey and the destination have the same importance. As the very title reveals, the matrices of the stencil are destroyed during the creative process. In their stencil posters, the scraps left hanging on the surface are a part of the destroyed matrix and communicate an aesthetic sense of transformation, of becoming. Using the destructive process as a part of the work, the artists surpass the limits imposed by stencils, a technique that, in its own right, limits the sign and sets boundaries. In a paradoxical way, the artists come to cancel the defining characteristic of the stencil itself: its reproducibility. Once the matrix is destroyed, in fact, the work becomes unique and can no longer be recreated. Life becomes unique and is no longer reproducible.