Sepe – “Sleeping through the war” at Galleria Varsi (Recap)

Sepe

Curata da Chiara Pietropaoli “Sleeping Through The War” è il risultato di esperienze, riflessioni su contesti culturali differenti con cui l’artista è venuto a contatto durante i suoi viaggi. Sepe veicola una personale riflessione sulla guerra dove il corpo di lavoro diviene reazione attiva al reale, suggerendo un paradosso tra caos e logica attraverso la consueta stilistica che da sempre ne contraddistingue l’immaginario.
Nello specifico l’autore ricorda una domenica di sole di un anno fa a Mosca dove, incuriosito da un volantino con la scritta ‘Picnic di Famiglia’, si è ritrovato catapultato all’interno di una scena surreale: bambini in uniforme militare intenti a tenere workshop sulla guerra, dove armi, pistole, Kalashnikov e fucili di precisione passavano disinvolti tra le loro mani sotto lo sguardo incoraggiante delle famiglie. Bambini intenti ad addestrare i loro coetanei al combattimento ed alla guerra, quella vera non un gioco.

In Russia le organizzazioni patriottiche e di carattere militare per bambini e ragazzi sono molte diffuse. Questa esperienza diviene l’incipit di quest’ultima mostra firmata dal talento Polacco. I nuovi spazi della Galleria Varsi divengono ‘teatro dell’assurdo’, luogo in cui lo spettatore può riflettersi e riflettere. L’intento di Sepe è quello di sottolineare come la guerra faccia sempre più parte delle nostre vite. Dall’economia, dove rappresenta il business più redditizio, alla politica, con tutte le strumentalizzazioni del caso, passando per i media, dove la morte è la notizia più venduta, la violenza è il comune denominatore, simbolo di intrattenimento e bestseller della cultura pop.
Drammatico e duro, il corpo di lavoro si piega a queste contraddizioni. Sepe dipinge uomini, donne e bambini come parte dello spettacolo della violenza. Guidati e dominati da forze insensate, con i corpi stanchi, alienati e desolati che si perdono nella massa. In mostra fino al prossimo 12 Novembre.

Galleria VARSI
Via di Grotta Pinta 38
00186 Roma

Thanks to The Gallery for The Pics
Pics by The Blind Eye Factory

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *