fbpx
GORGO

SBAGLIATO for Zona Sant’Ambrogio Ambrogio Doutdesign

In occasione del Fuorisalone di Milano, gli amici di SBAGLIATO hanno nei giorni scorsi terminato di realizzare un nuovo intervento per Zona Santambrogio Milano Design Week 2015 , distretto del design per l’iconico evento all’interno dello storico quartiere milanese.
Travalicare la realtà di tutti i giorni, gli elementi che passo dopo passo siamo soliti osservare durante il nostro passaggio in città, le viuzze che si aprono, i cortili, le finestre chiuse ed i cornicioni che ben conosciamo e che accompagnano il nostro percorso. Parte da qui la produzione di SBAGLIATO, da tutti quelle immagini che compongono il puzzle cittadino, che veicolano emozioni e sentimenti differenti, dalle architetture che delineano il panorama che ben conosciamo e che involontariamente escludiamo dalla vista persi nelle nostre vite e nei nostri pensieri. Raccogliendo tutti questi elementi tangibili, e che così tanto caratterizzano lo spazio urbano, gli autori innescano nuove ed incontaminate realtà.
Travalicare la realtà dicevamo, non più attraverso un spunto prettamente pittorico, piuttosto attraverso una ricollocazione, uno spostamento capace di mantenere inalterata l’identità dell’architettura campionata, eppure al tempo stesso, impattare lo spazio attraverso nuovi ed inaspettati inneschi emotivi. La città diviene tela e protagonista, gli interpreti spostano gli elementi incastonandoli all’interno di nuove superfici, aprendo e chiudendo gli spazi, tra reale ed irreale, tra finzione e verità, ci propongono una lettura nuova, inaspettata eppure reale. Un mondo differente, veicolato dalle loro stesse percezioni, le pareti si aprono a nuovi scenari, cortili nascosti, porticati e colonnati appena visibili, così vivi, veri e reali. Un cortocircuito in cui l’uomo, il passante, il curioso, per sua stessa natura, non cerca l’origine dell’inganno, lo percepisce eppure ne asseconda la mistificazione. Scegliamo di abbracciare ciò che vediamo, in quella che diviene una realtà congruente, del tutto nascosta per volontà e per la sua stessa capacità di amalgamarsi al contesto in cui prende vita.
Quest’ultima fatica di SBAGLIATO ben rappresenta la volontà stilistica e tematica delle produzioni degli interpreti. Questa nuova installazione trapassa letteralmente lo spazio cognitivo, ci proietta all’interno di un nuovo percorso architettonico. Soprattutto ci connette con uno stimolo immaginario, dove scegliamo coscientemente di abbracciare la finzione, decisamente più interessante, più stimolante ed infine più affascinante.
In attesa di scoprire nuovi aggiornamenti sul lavoro degli interpreti, vi lasciamo ad alcuni scatti con tutti i dettagli di quest’ultima fatica, dateci un occhiata e restate sintonizzati qui sul Gorgo, presto infatti grosse novità.

Thanks to The Artists for The Pics

SBAGLIATO for Zona Sant’Ambrogio Ambrogio Doutdesign

In occasione del Fuorisalone di Milano, gli amici di SBAGLIATO hanno nei giorni scorsi terminato di realizzare un nuovo intervento per Zona Santambrogio Milano Design Week 2015 , distretto del design per l’iconico evento all’interno dello storico quartiere milanese.
Travalicare la realtà di tutti i giorni, gli elementi che passo dopo passo siamo soliti osservare durante il nostro passaggio in città, le viuzze che si aprono, i cortili, le finestre chiuse ed i cornicioni che ben conosciamo e che accompagnano il nostro percorso. Parte da qui la produzione di SBAGLIATO, da tutti quelle immagini che compongono il puzzle cittadino, che veicolano emozioni e sentimenti differenti, dalle architetture che delineano il panorama che ben conosciamo e che involontariamente escludiamo dalla vista persi nelle nostre vite e nei nostri pensieri. Raccogliendo tutti questi elementi tangibili, e che così tanto caratterizzano lo spazio urbano, gli autori innescano nuove ed incontaminate realtà.
Travalicare la realtà dicevamo, non più attraverso un spunto prettamente pittorico, piuttosto attraverso una ricollocazione, uno spostamento capace di mantenere inalterata l’identità dell’architettura campionata, eppure al tempo stesso, impattare lo spazio attraverso nuovi ed inaspettati inneschi emotivi. La città diviene tela e protagonista, gli interpreti spostano gli elementi incastonandoli all’interno di nuove superfici, aprendo e chiudendo gli spazi, tra reale ed irreale, tra finzione e verità, ci propongono una lettura nuova, inaspettata eppure reale. Un mondo differente, veicolato dalle loro stesse percezioni, le pareti si aprono a nuovi scenari, cortili nascosti, porticati e colonnati appena visibili, così vivi, veri e reali. Un cortocircuito in cui l’uomo, il passante, il curioso, per sua stessa natura, non cerca l’origine dell’inganno, lo percepisce eppure ne asseconda la mistificazione. Scegliamo di abbracciare ciò che vediamo, in quella che diviene una realtà congruente, del tutto nascosta per volontà e per la sua stessa capacità di amalgamarsi al contesto in cui prende vita.
Quest’ultima fatica di SBAGLIATO ben rappresenta la volontà stilistica e tematica delle produzioni degli interpreti. Questa nuova installazione trapassa letteralmente lo spazio cognitivo, ci proietta all’interno di un nuovo percorso architettonico. Soprattutto ci connette con uno stimolo immaginario, dove scegliamo coscientemente di abbracciare la finzione, decisamente più interessante, più stimolante ed infine più affascinante.
In attesa di scoprire nuovi aggiornamenti sul lavoro degli interpreti, vi lasciamo ad alcuni scatti con tutti i dettagli di quest’ultima fatica, dateci un occhiata e restate sintonizzati qui sul Gorgo, presto infatti grosse novità.

Thanks to The Artists for The Pics