fbpx
GORGO

Rustam Qbic for SUBSIDENZE Festival 2016

Come annunciatovi, c’è anche Rustam Qbic tra gli artisti al lavoro per le strade di Ravenna in occasione del SUBSIDENZE Festival.
Il confronto con le produzioni dell’interprete passa per una personale narrazione visiva, stimolata e sviluppata per mezzo di una intensa riflessione tematica. L’autore Russo da infatti forma e sostanza ad immagini e visioni dal forte senso onirico dove trova posto, una peculiare visione della realtà. Il quotidiano, con tutte le contraddizioni della società moderna, vengono affrontati attraverso uno spirito fantasioso dove, i suoi iconici characters, rappresentano l’ideale volano espressivo per stimolare una profonda ed attenta riflessione sull’uomo moderno e sulle sue fragilità.
All’interno degli universi immaginati da Rustam Qbic, trova posto infine una personale rielaborazione naturale. Piante e fiori scandiscono e delineano l’aspetto dei protagonisti proposti dall’interprete, tracciando e plasmando corpose riflessione sulla cultura, lo studio, la conoscenza e la saggezza, ed ovviamente il legame che intercorre tra la natura e l’essere umano,.
Dal titolo “Emigration” , quest’ultima fatica di Rustam Qbic affronta, come intuibili dal titolo, uno dei temi caldi del momento. L’opera è quindi caratterizzata da una nuova allegoria, dove i soggetti rappresentati, persone in viaggio ed in cerca di se stesse, vengono guidate dalle mani spirituali che fuoriescono dal grande specchio sostenuto da uno degli character.

Thanks to The Festival for The Pics

Rustam Qbic for SUBSIDENZE Festival 2016

Come annunciatovi, c’è anche Rustam Qbic tra gli artisti al lavoro per le strade di Ravenna in occasione del SUBSIDENZE Festival.
Il confronto con le produzioni dell’interprete passa per una personale narrazione visiva, stimolata e sviluppata per mezzo di una intensa riflessione tematica. L’autore Russo da infatti forma e sostanza ad immagini e visioni dal forte senso onirico dove trova posto, una peculiare visione della realtà. Il quotidiano, con tutte le contraddizioni della società moderna, vengono affrontati attraverso uno spirito fantasioso dove, i suoi iconici characters, rappresentano l’ideale volano espressivo per stimolare una profonda ed attenta riflessione sull’uomo moderno e sulle sue fragilità.
All’interno degli universi immaginati da Rustam Qbic, trova posto infine una personale rielaborazione naturale. Piante e fiori scandiscono e delineano l’aspetto dei protagonisti proposti dall’interprete, tracciando e plasmando corpose riflessione sulla cultura, lo studio, la conoscenza e la saggezza, ed ovviamente il legame che intercorre tra la natura e l’essere umano,.
Dal titolo “Emigration” , quest’ultima fatica di Rustam Qbic affronta, come intuibili dal titolo, uno dei temi caldi del momento. L’opera è quindi caratterizzata da una nuova allegoria, dove i soggetti rappresentati, persone in viaggio ed in cerca di se stesse, vengono guidate dalle mani spirituali che fuoriescono dal grande specchio sostenuto da uno degli character.

Thanks to The Festival for The Pics