fbpx
GORGO

Rustam Qbic – New Mural in Gdansk, Poland

Proseguiamo a seguire con interesse gli sviluppi del lavoro di Rustam Qbic, l’interprete Russo nelle scorse settimane si è spostato a Gdansk in Polonia dove ha avuto modo di realizzare questa intensa pittura in occasione dei lavori per il Monumental Art Festival di quest’anno.
Sempre più a suo agio con superfici e spazi di grandi dimensioni, l’autore prosegue anche qui nel proporre la personale narrativa estetica in totale antitesi con i moti astratti che, specialmente nell’Est Europeo, la fanno sempre più da padrone. L’interprete sceglie piuttosto un piglio figurativo, dedito al racconto ed alla narrazione surreale, intrecciando temi e riflessioni spesso dal profondo valore riflessivo.
Il confronto con le produzioni di Qbic passa per la volontà dell’artista di tratteggiare, dando forma e sostanza, ad un universo di fantasia, atto a scardinare, sottolineare e far riflettere sulla nostra vita quotidiana. È un indagine sull’essere umano quindi, sulle sue differenti sfaccettature, sull’uomo moderno e sulle sue fragilità ed emotività. L’interprete si cala nella vita di tutti i giorni raccogliendo al tempo stesso l’eredità di una peculiare fascinazione con l’elemento naturale, stimolo questo imprescindibile e presente in ciascuna delle sue opere. In questo senso piante, fiori, alberi e tutta la natura diviene parte stesse dell’elaborazione fisica dei characters dell’interprete.
Da tutto questo emerge una pittura intensa, capace di trattare temi differenti, dalla cultura, allo studio, passando per la conoscenza, la saggezza, tutte tematiche che si intersecano con la particolare ed accuratissima pittura dell’artista Russo.
Con “Mind Games”, questo il titolo dell’opera Rustam Qbic si ispira direttamente alla sua ultima stampa, riproponendo l’immagine su questa grande superficie di lavoro.
Questa nuova visione mostra un adulto, presumibilmente un genitore, tentare di risolvere il cubo di Rubik raffigurato al posto del volto del proprio bambino intento a giocare. L’opera è una riflessione sul rapporto genitori-figli attraverso una analogia che va a sottolineare l’influenza che i primi possono avere sulla personalità e la vita dei loro figli.
Per darvi modo di apprezzare al meglio quest’ultima fatica, vi lasciamo ad una bella e ricca serie di scatti con tutti i dettagli di quest’ultima fatica, dateci un occhiata e restate sintonizzati qui sul Gorgo per nuovi aggiornamenti sul lavoro dell’artista.

Rustam Qbic – New Mural in Gdansk, Poland

Proseguiamo a seguire con interesse gli sviluppi del lavoro di Rustam Qbic, l’interprete Russo nelle scorse settimane si è spostato a Gdansk in Polonia dove ha avuto modo di realizzare questa intensa pittura in occasione dei lavori per il Monumental Art Festival di quest’anno.
Sempre più a suo agio con superfici e spazi di grandi dimensioni, l’autore prosegue anche qui nel proporre la personale narrativa estetica in totale antitesi con i moti astratti che, specialmente nell’Est Europeo, la fanno sempre più da padrone. L’interprete sceglie piuttosto un piglio figurativo, dedito al racconto ed alla narrazione surreale, intrecciando temi e riflessioni spesso dal profondo valore riflessivo.
Il confronto con le produzioni di Qbic passa per la volontà dell’artista di tratteggiare, dando forma e sostanza, ad un universo di fantasia, atto a scardinare, sottolineare e far riflettere sulla nostra vita quotidiana. È un indagine sull’essere umano quindi, sulle sue differenti sfaccettature, sull’uomo moderno e sulle sue fragilità ed emotività. L’interprete si cala nella vita di tutti i giorni raccogliendo al tempo stesso l’eredità di una peculiare fascinazione con l’elemento naturale, stimolo questo imprescindibile e presente in ciascuna delle sue opere. In questo senso piante, fiori, alberi e tutta la natura diviene parte stesse dell’elaborazione fisica dei characters dell’interprete.
Da tutto questo emerge una pittura intensa, capace di trattare temi differenti, dalla cultura, allo studio, passando per la conoscenza, la saggezza, tutte tematiche che si intersecano con la particolare ed accuratissima pittura dell’artista Russo.
Con “Mind Games”, questo il titolo dell’opera Rustam Qbic si ispira direttamente alla sua ultima stampa, riproponendo l’immagine su questa grande superficie di lavoro.
Questa nuova visione mostra un adulto, presumibilmente un genitore, tentare di risolvere il cubo di Rubik raffigurato al posto del volto del proprio bambino intento a giocare. L’opera è una riflessione sul rapporto genitori-figli attraverso una analogia che va a sottolineare l’influenza che i primi possono avere sulla personalità e la vita dei loro figli.
Per darvi modo di apprezzare al meglio quest’ultima fatica, vi lasciamo ad una bella e ricca serie di scatti con tutti i dettagli di quest’ultima fatica, dateci un occhiata e restate sintonizzati qui sul Gorgo per nuovi aggiornamenti sul lavoro dell’artista.