fbpx
GORGO

Rö – “Festin” A New Piece in Paris, France

Con piacere andiamo ad addentrarci all’interno dell’universo di , l’artista francese ha infatti da poco terminato uno dei suoi eccellenti lavori, siamo a Parigi in Francia, all’interno del 8^ arrondissement nuovo palcoscenico per un esuberante esperienza visiva.
È proprio l’idea di un ipotetico palcoscenico, con un delicato sfondo quasi teatrale, che emerge con vigore osservando le produzione di Rö, l’interprete fa parte di una schiera di artisti che si colloca in netta contrapposizione con gli sviluppi più recenti dell’arte urbana, con i festival, le mostre e tutto il clamore e l’audience che c’è dietro, preferisce stare per le sue, elaborare i propri interventi all’interno di zone ed edifici dismessi, vero e proprio core visivo delle sue produzioni, lavorando con calma e approcciandosi con la pratica semplicemente seguendo quelli che sono i temi a lui più cari. Spesso in combinazione con una altro campione del paste-up come Zilda (Interview), Rö rappresenta una faccia malinconica, sorniona e delicata, l’interprete utilizza un linguaggio visivo personalissimo fatto di una pittura viscerale e profonda applicata che applicata su carta va a segnare gli spazi sviluppando delle vere e proprie scene. Si serve di luci, ombre, e qualsiasi materiale di recupero, spesso miscelato con pittura e poster, per tessere le trame del personale operato, ci regala istantanee ricche e profonde, lancia argomenti, spunti e ci lascia interrogati sulle personali immagini, la sensazione è quella di un lavoro dai grandi toni allegorici e che, sviluppato proprio per scene, con dettagli e personaggi tangibili, riesce a far calare lo spettatore all’interno dei concetti espressi con egregia efficacia.
Un scossa tematica e visiva che viene riproposta da Ro con questa sua ultima incursione, uscendo dai consueti luoghi abbandonati l’interprete presenta “Festin”, un opera affilatissima in cui vediamo una serie di uccelli intenti a banchettare quella che sembra una vera e propria carcassa. L’impatto è assolutamente tremendo, l’impressione è quella di una ferocissima critica sulla condizione dell’uomo moderno, sul suo essere unicamente un involucro di carne alla mercé della società libera di comandarne a piacimento gusti ed interessi, vero e propri cibo per avvoltoi, in una sorta di depurazione spirituale e fisica, un opera profonda che ci ha lasciato assolutamente coinvolti facendo passare attraverso differenti stati d’animo.
Vi lasciamo alle immagini con i dettagli di questa nuova magia firmata dall’interprete francese, dateci un occhiata noi ne siamo rimasti decisamente coinvolti e siamo certi che non mancherete di apprezzarne tutto il tono poetico ed il grande impatto finale, enjoy it.

Pics by The Artist

Rö – “Festin” A New Piece in Paris, France

Con piacere andiamo ad addentrarci all’interno dell’universo di , l’artista francese ha infatti da poco terminato uno dei suoi eccellenti lavori, siamo a Parigi in Francia, all’interno del 8^ arrondissement nuovo palcoscenico per un esuberante esperienza visiva.
È proprio l’idea di un ipotetico palcoscenico, con un delicato sfondo quasi teatrale, che emerge con vigore osservando le produzione di Rö, l’interprete fa parte di una schiera di artisti che si colloca in netta contrapposizione con gli sviluppi più recenti dell’arte urbana, con i festival, le mostre e tutto il clamore e l’audience che c’è dietro, preferisce stare per le sue, elaborare i propri interventi all’interno di zone ed edifici dismessi, vero e proprio core visivo delle sue produzioni, lavorando con calma e approcciandosi con la pratica semplicemente seguendo quelli che sono i temi a lui più cari. Spesso in combinazione con una altro campione del paste-up come Zilda (Interview), Rö rappresenta una faccia malinconica, sorniona e delicata, l’interprete utilizza un linguaggio visivo personalissimo fatto di una pittura viscerale e profonda applicata che applicata su carta va a segnare gli spazi sviluppando delle vere e proprie scene. Si serve di luci, ombre, e qualsiasi materiale di recupero, spesso miscelato con pittura e poster, per tessere le trame del personale operato, ci regala istantanee ricche e profonde, lancia argomenti, spunti e ci lascia interrogati sulle personali immagini, la sensazione è quella di un lavoro dai grandi toni allegorici e che, sviluppato proprio per scene, con dettagli e personaggi tangibili, riesce a far calare lo spettatore all’interno dei concetti espressi con egregia efficacia.
Un scossa tematica e visiva che viene riproposta da Ro con questa sua ultima incursione, uscendo dai consueti luoghi abbandonati l’interprete presenta “Festin”, un opera affilatissima in cui vediamo una serie di uccelli intenti a banchettare quella che sembra una vera e propria carcassa. L’impatto è assolutamente tremendo, l’impressione è quella di una ferocissima critica sulla condizione dell’uomo moderno, sul suo essere unicamente un involucro di carne alla mercé della società libera di comandarne a piacimento gusti ed interessi, vero e propri cibo per avvoltoi, in una sorta di depurazione spirituale e fisica, un opera profonda che ci ha lasciato assolutamente coinvolti facendo passare attraverso differenti stati d’animo.
Vi lasciamo alle immagini con i dettagli di questa nuova magia firmata dall’interprete francese, dateci un occhiata noi ne siamo rimasti decisamente coinvolti e siamo certi che non mancherete di apprezzarne tutto il tono poetico ed il grande impatto finale, enjoy it.

Pics by The Artist