fbpx
GORGO

Reka – New Murals in New York City

Prosegue a gonfie vele in tour americano del grande artista australiano Reka, l’interprete si trova ancora a New York dove ha da poco terminato una nuova serie di lavori con i quali con interesse notiamo un nuovo aspetto grafico e tematico.
Come abbiamo avuto spesso modo di vedere Reka nei suoi interventi fonde un peculiare visione cromatica con intense ed affusolate caratteristiche astratte, all’interno dei corpi e dei volti che è solito raffigurare, si scatena un turbinio di colori e tonalità, guidate da linee delicate e sinuose che di fatto ne delimitano gli spazi avvolgendone le porzioni, i colori stessi si fanno accesi e belli saturi intervallati da neri e dai particolari effetti visivi, si ha l’impressione di una forte liquidità e movimento cromatico che accompagnano chi osserva nella ricerca di dettagli e dei differenti spunti visivi. Sono lavoro con una forte indole istintiva ma allo stesso tempo guidati da un immaginario assolutamente personale e che abbraccia il passato da writer dell’artista australiano.
Abituati a vedere Reka alle prese con fitte elaborazioni di volti e parti del corpo delle sue donne, siamo rimasti parecchio sorpresi da queste due nuove opere, l’interprete qui scegli di concentrarsi anzitutto su un elemento del corpo, non più un arto, od il viso, unicamente un occhio realizzato con maggiore pulizia visiva, utilizzando un unico colore che viene sviscerato attraverso le sue differenti tonalità, il celeste così compone l’occhio e così come la pupilla e l’iride lasciando al nero infine la facoltà di tracciarne le forma e l’aspetto esteriore. Il secondo intervento invece è una novità nell’immaginario dell’artista che su questa lunga porzione di parete sceglie di realizzare una gigantesca cavalletta, qui la scelta cromatica ricade su due differenti tonalità che di fatto sviluppano il corpo dell’animale che ci lascia l’impressione come di essere letteralmente appoggiato sulla superficie del muro, il viola e l’arancione, anche qui con le relative tonalità cromatiche, si fondono e vengono intervallate anche esse dal nero, in un avvolgente intervento che si lascia piacevolmente osservare.
In attesa di scoprire le prossime tappe dell’interprete, vi lasciamo in compagnia della bella selezione di scatti dove potete apprezzare nel dettaglio ed al meglio quanto portato a termine dall’artista in questa nuova sessione newyorkese, enjoy it.

Pics via San

Reka – New Murals in New York City

Prosegue a gonfie vele in tour americano del grande artista australiano Reka, l’interprete si trova ancora a New York dove ha da poco terminato una nuova serie di lavori con i quali con interesse notiamo un nuovo aspetto grafico e tematico.
Come abbiamo avuto spesso modo di vedere Reka nei suoi interventi fonde un peculiare visione cromatica con intense ed affusolate caratteristiche astratte, all’interno dei corpi e dei volti che è solito raffigurare, si scatena un turbinio di colori e tonalità, guidate da linee delicate e sinuose che di fatto ne delimitano gli spazi avvolgendone le porzioni, i colori stessi si fanno accesi e belli saturi intervallati da neri e dai particolari effetti visivi, si ha l’impressione di una forte liquidità e movimento cromatico che accompagnano chi osserva nella ricerca di dettagli e dei differenti spunti visivi. Sono lavoro con una forte indole istintiva ma allo stesso tempo guidati da un immaginario assolutamente personale e che abbraccia il passato da writer dell’artista australiano.
Abituati a vedere Reka alle prese con fitte elaborazioni di volti e parti del corpo delle sue donne, siamo rimasti parecchio sorpresi da queste due nuove opere, l’interprete qui scegli di concentrarsi anzitutto su un elemento del corpo, non più un arto, od il viso, unicamente un occhio realizzato con maggiore pulizia visiva, utilizzando un unico colore che viene sviscerato attraverso le sue differenti tonalità, il celeste così compone l’occhio e così come la pupilla e l’iride lasciando al nero infine la facoltà di tracciarne le forma e l’aspetto esteriore. Il secondo intervento invece è una novità nell’immaginario dell’artista che su questa lunga porzione di parete sceglie di realizzare una gigantesca cavalletta, qui la scelta cromatica ricade su due differenti tonalità che di fatto sviluppano il corpo dell’animale che ci lascia l’impressione come di essere letteralmente appoggiato sulla superficie del muro, il viola e l’arancione, anche qui con le relative tonalità cromatiche, si fondono e vengono intervallate anche esse dal nero, in un avvolgente intervento che si lascia piacevolmente osservare.
In attesa di scoprire le prossime tappe dell’interprete, vi lasciamo in compagnia della bella selezione di scatti dove potete apprezzare nel dettaglio ed al meglio quanto portato a termine dall’artista in questa nuova sessione newyorkese, enjoy it.

Pics via San