fbpx
GORGO

RAME Project: Luca Font, Koes, Lucamaleonte e Peeta a Verona

La Cooperativa Sociale L’Officina dell’AIAS ONLUS ha inaugurato lo scorso luglio a Verona lo Stravagante Hostel, una struttura ricettiva interamente gestita da persone disabili.
Lo stabile è un edificio di 800 mq acquistato e ristrutturato con lo scopo di creare collaborazione e solidarietà, rendere la vita delle persone con disabilità e delle loro famiglie migliore e sottolineare quanto sia importante far cadere le barriere del pregiudizio, dando la possibilità a ciascuno di essere di ausilio all’altro.

Con l’avvio dei lavori la cooperativa ha affidato a RAME Project la realizzazione di una serie di opere all’interno degli spazi dell’ostello. All’interno dell’ostello veronese hanno quindi lavorato Luca Font, Koes, Lucamaleonte e Peeta modificando in modo permanente la percezione dell’intera struttura.

Nato due anni fa, RAME Project è un aggregatore di artisti e writer che porta avanti una serie di progetti all’interno dello spazio pubblico. RAME promuove l’arte urbana attraverso l’organizzazione di eventi ed interventi di murales, graffiti e street art per stimolare una nuova visione della città attraverso la riqualificazione urbana e modifica del valore visivo e semantico degli spazi cittadini.

Negli spazi esterni dell’ostello hanno dipinto Luca Font, che ha realizzato una lunga pittura astratta e geometrica, e Koes che è invece intervenuto attraverso una composizione a tema naturale. Lucamaleonte ha dipinto l’interno scala con un pattern di pappagalli e infine Peeta che ha realizzato una delle sue iconiche composizioni 3d e anamorfiche.

Photo credit: Studio Ramon Zuliani & Giorgio Zanetti

RAME Project: Luca Font, Koes, Lucamaleonte e Peeta a Verona

La Cooperativa Sociale L’Officina dell’AIAS ONLUS ha inaugurato lo scorso luglio a Verona lo Stravagante Hostel, una struttura ricettiva interamente gestita da persone disabili.
Lo stabile è un edificio di 800 mq acquistato e ristrutturato con lo scopo di creare collaborazione e solidarietà, rendere la vita delle persone con disabilità e delle loro famiglie migliore e sottolineare quanto sia importante far cadere le barriere del pregiudizio, dando la possibilità a ciascuno di essere di ausilio all’altro.

Con l’avvio dei lavori la cooperativa ha affidato a RAME Project la realizzazione di una serie di opere all’interno degli spazi dell’ostello. All’interno dell’ostello veronese hanno quindi lavorato Luca Font, Koes, Lucamaleonte e Peeta modificando in modo permanente la percezione dell’intera struttura.

Nato due anni fa, RAME Project è un aggregatore di artisti e writer che porta avanti una serie di progetti all’interno dello spazio pubblico. RAME promuove l’arte urbana attraverso l’organizzazione di eventi ed interventi di murales, graffiti e street art per stimolare una nuova visione della città attraverso la riqualificazione urbana e modifica del valore visivo e semantico degli spazi cittadini.

Negli spazi esterni dell’ostello hanno dipinto Luca Font, che ha realizzato una lunga pittura astratta e geometrica, e Koes che è invece intervenuto attraverso una composizione a tema naturale. Lucamaleonte ha dipinto l’interno scala con un pattern di pappagalli e infine Peeta che ha realizzato una delle sue iconiche composizioni 3d e anamorfiche.

Photo credit: Studio Ramon Zuliani & Giorgio Zanetti