fbpx
GORGO

Pixel Pancho – New Pieces at Museo del Chopo

Pixel Pancho dopo averci deliziato con la splendida “Rusted Ideas” è volato in Messico, qui ha da poco portato a termine un doppio lavoro, un dipinto indoor e un installazione site specific all’interno del Museo del Chopo a Mexico City.
Le gesta dei robot giganti arrivano diretti a destinazione grazie alle due massicce opere messe in atto dal grande artista, per prima cosa la facciata, una pazzesca combinazione di colori, una ricchezza di dettagli vibranti, cambi di colore ed artifici scenici, assistiamo alla natura che si fonde con i character arrugginiti e metallici tipici dell’artista.
Esattamente dall’altro lato invece si viene catturati dall’incredibile installazione elaborata da Pixel Pancho, assistiamo alla trasformazione in realtà dell’immaginario dell’artista, dalla tela e dal muro direttamente attraverso il metallo e l’abilità costruttoria dello stesso, due enormi robot inghiottiti direttamente dalla terra ad eccezione del busto e dei volti, due macchine che, come facilmente intuibile dalla posa, possono rappresentare madre e figlio stretti in un abbraccio prima della fine.
Scorrete le immagini in gallery per apprezzare e vedere da vicino quanto elaborato dall’artista ma restate sul Gorgo per nuovi aggiornamenti.

Pics by AllCityCanvas

Pixel Pancho – New Pieces at Museo del Chopo

Pixel Pancho dopo averci deliziato con la splendida “Rusted Ideas” è volato in Messico, qui ha da poco portato a termine un doppio lavoro, un dipinto indoor e un installazione site specific all’interno del Museo del Chopo a Mexico City.
Le gesta dei robot giganti arrivano diretti a destinazione grazie alle due massicce opere messe in atto dal grande artista, per prima cosa la facciata, una pazzesca combinazione di colori, una ricchezza di dettagli vibranti, cambi di colore ed artifici scenici, assistiamo alla natura che si fonde con i character arrugginiti e metallici tipici dell’artista.
Esattamente dall’altro lato invece si viene catturati dall’incredibile installazione elaborata da Pixel Pancho, assistiamo alla trasformazione in realtà dell’immaginario dell’artista, dalla tela e dal muro direttamente attraverso il metallo e l’abilità costruttoria dello stesso, due enormi robot inghiottiti direttamente dalla terra ad eccezione del busto e dei volti, due macchine che, come facilmente intuibile dalla posa, possono rappresentare madre e figlio stretti in un abbraccio prima della fine.
Scorrete le immagini in gallery per apprezzare e vedere da vicino quanto elaborato dall’artista ma restate sul Gorgo per nuovi aggiornamenti.

Pics by AllCityCanvas