GORGO

Phlegm “The Spider” in Mosborough, Sheffield

Anche Phlegm inaugura il nuovo anno, nei giorni scorsi il grande interprete Inglese si è infatti spostato nell’area di Mosborough nei pressi della sua Sheffield dove ha avuto modo di realizzare questa nuova pittura.
Uno degli aspetti di maggiore interesse delle produzioni firmate dall’autore Inglese, è senza dubbio la capacità dell’artisti di essere riuscito a dare forma e sostanza ad un vero e proprio universo narrativo. Il particolare piglio visivo, la forte e radica influenza dal mondo dei fumetti, hanno infatti permesso all’artista di tratteggiare con cura un mondo a sé stante dove trovano posto i suoi iconici characters. I personaggi di Phlegm sono il principale fulcro tematico, nonché ideale propellente, capace di dare vita a situazioni differenti e con esse, approfondire la sottile analogia che serpeggia in tutte le produzioni dell’interprete.
Attraverso una pittura votata al dettaglio, ed in particolare, attraverso l’utilizzo del nero come unico vettore cromatico, l’autore va a rappresentare un universo densissimo, con le proprie regole, la propria tecnologia, le proprie tradizioni ed i propri usi e costumi. Il profondo tuffo all’interno delle dinamiche offerte dall’artista stesso, permette di osservare quindi con cura questa peculiare caratterizzazione ed, attraverso la stessa, apporre un parallelo con la nostra società e le sue differenti sfaccettature. In questo senso l’artista non colpisce quindi direttamente, quanto piuttosto si limita a dare una propria e personale chiave di lettura, un alternativa diciamo, in grado di riflettere e di porsi come speculare e contrapposto universo.
Come visto più volte Phlegm, specialmente all’inizi del proprio percorso in strada, ha scelto di lavorare all’interno della città, trasformando la stessa in funzione del proprio mondo narrativo. Una ipotetica finestra che, mostrandoci quello che accade dall’altra parte, ha visto l’autore dialogare con lo spazio pubblico attraverso opere di dimensioni ridotte prima di passare alla gigantesche facciate che abbiamo avuto il piacere di osservare nel corso del tempo. Questo particolare piglio sta, con piacere, tornando ad essere lo slancio principale nelle produzioni dell’interprete, sempre più interessato in questo senso, a lasciarsi andare ad esplorazioni di zone abbandonate o completamente immerse all’interno di un contesto naturale.
In attesa di scoprirne le prossime pubblicazioni, quest’ultima fatica, vede l’autore interagire con un vecchio granaio andato in fiamme, qui l’artista va a raffigurare una ipotetica lotta tra uno dei suoi iconici personaggi ed un gigantesco ragno.
Null’altro da aggiungere, il calce al nostro testo potete trovare una bella e ricca serie di scatti con tutti i dettagli di quest’ultima fatica, dateci un occhiata e restate sintonizzati qui sul Gorgo per nuovi aggiornamenti sul lavoro dell’interprete.

Sorry for the slow start to the year on here. I’ve spent the first past few months as a hermit in my garden shed, very busy working on some new books. My Instagram page is the best way to see all that.
This week i felt the cabin fever set in so i decided to go and find a nice spot to paint. This spider is painted on a huge burnt out barn somewhere along Station road in Mosborough, Sheffield.

Pics by The Artist

Phlegm “The Spider” in Mosborough, Sheffield

Anche Phlegm inaugura il nuovo anno, nei giorni scorsi il grande interprete Inglese si è infatti spostato nell’area di Mosborough nei pressi della sua Sheffield dove ha avuto modo di realizzare questa nuova pittura.
Uno degli aspetti di maggiore interesse delle produzioni firmate dall’autore Inglese, è senza dubbio la capacità dell’artisti di essere riuscito a dare forma e sostanza ad un vero e proprio universo narrativo. Il particolare piglio visivo, la forte e radica influenza dal mondo dei fumetti, hanno infatti permesso all’artista di tratteggiare con cura un mondo a sé stante dove trovano posto i suoi iconici characters. I personaggi di Phlegm sono il principale fulcro tematico, nonché ideale propellente, capace di dare vita a situazioni differenti e con esse, approfondire la sottile analogia che serpeggia in tutte le produzioni dell’interprete.
Attraverso una pittura votata al dettaglio, ed in particolare, attraverso l’utilizzo del nero come unico vettore cromatico, l’autore va a rappresentare un universo densissimo, con le proprie regole, la propria tecnologia, le proprie tradizioni ed i propri usi e costumi. Il profondo tuffo all’interno delle dinamiche offerte dall’artista stesso, permette di osservare quindi con cura questa peculiare caratterizzazione ed, attraverso la stessa, apporre un parallelo con la nostra società e le sue differenti sfaccettature. In questo senso l’artista non colpisce quindi direttamente, quanto piuttosto si limita a dare una propria e personale chiave di lettura, un alternativa diciamo, in grado di riflettere e di porsi come speculare e contrapposto universo.
Come visto più volte Phlegm, specialmente all’inizi del proprio percorso in strada, ha scelto di lavorare all’interno della città, trasformando la stessa in funzione del proprio mondo narrativo. Una ipotetica finestra che, mostrandoci quello che accade dall’altra parte, ha visto l’autore dialogare con lo spazio pubblico attraverso opere di dimensioni ridotte prima di passare alla gigantesche facciate che abbiamo avuto il piacere di osservare nel corso del tempo. Questo particolare piglio sta, con piacere, tornando ad essere lo slancio principale nelle produzioni dell’interprete, sempre più interessato in questo senso, a lasciarsi andare ad esplorazioni di zone abbandonate o completamente immerse all’interno di un contesto naturale.
In attesa di scoprirne le prossime pubblicazioni, quest’ultima fatica, vede l’autore interagire con un vecchio granaio andato in fiamme, qui l’artista va a raffigurare una ipotetica lotta tra uno dei suoi iconici personaggi ed un gigantesco ragno.
Null’altro da aggiungere, il calce al nostro testo potete trovare una bella e ricca serie di scatti con tutti i dettagli di quest’ultima fatica, dateci un occhiata e restate sintonizzati qui sul Gorgo per nuovi aggiornamenti sul lavoro dell’interprete.

Sorry for the slow start to the year on here. I’ve spent the first past few months as a hermit in my garden shed, very busy working on some new books. My Instagram page is the best way to see all that.
This week i felt the cabin fever set in so i decided to go and find a nice spot to paint. This spider is painted on a huge burnt out barn somewhere along Station road in Mosborough, Sheffield.

Pics by The Artist