fbpx
GORGO

Peter Phobia – New Mural in Würzburg, Germany

Nuovo aggiornamento per Peter Phobia, l’interprete Austriaco ha da poco terminato di realizzare un nuova pittura, parte dei lavori dello Street Meet Festival di Würzburg in Germania continuando a portare avanti il personale approccio stilistico e tematico.
Dopo la bella “Freedom is important, expecially for chicken” esibizione aperta lo scorso Marzo all’interno degli spazi della SWDZ Gallery di Vienna, l’artista torna quindi a lavorare su parete, proponendo un intervento che ne raccoglie tutte le particolarità estatiche e riflessive.
Non è infatti semplice confrontarsi con le produzioni di Peter Phobia, l’interprete spinge verso un confronto diretto con lo spettatore che si trova coinvolto in immagini tratte dalla quotidianità, interrotte e sviluppate, attraverso elementi e visioni capaci di alterarne il senso. Utilizzando spesso immagini e spunti ricorrenti, l’artista imbastisce una trama realistica, quasi fotografica, alimentata da brevi testi, grandi caselle in cui si alternano situazioni di vita apparentemente normali e oggetti ed elementi capaci di generare una sorta di frattura cognitiva.
Il lavoro dell’autore risulta anzitutto fortemente influenzato da una estetica vicina all’illustrazione, con la quale traccia contesti ed accadimenti appartenenti alla vita di tutti i giorni, inserendo all’interno delle stesse dettagli, oggetti, visioni e riferimenti apparentemente slegati tra loro. Si alimentano quindi situazioni bizzarre, quasi impossibili, con cui l’interprete va a scandire la personale visione dell’esistenza umana.
In questo senso è importante sottolineare come le produzioni dell’artista gravitino intorno ad una riflessione ben precisa. Nelle sue opere c’è l’idea di produrre un riverbero visivo che, attecchisce alla realtà ma al tempo stesso si discosta da essa, proponendo chiavi di lettura differenti. Enfatizza questo stimolo l’interprete sottolineando come, per mezzo delle nostre passione, riflessioni e quotidianità, l’essere umano è portato a plasmare la propria realtà. In questo modo tutto ciò che per qualcun’altro è di poco interesse, diventa per noi fondamentale.
Per la rassegna Peter Phobia continua su questa particolare traccia tematica. La superficie viene quindi scandita da una serie di apparentemente slegate tra loro, caselle differenti dove, tra irriverenza, visioni realistiche, elementi naturali, glitch, il confronto diviene assolutamente personale ed introspettivo.
Ad accompagnare le nostre parole alcuni scatti, dateci un occhiata e restate sintonizzati qui sul Gorgo per nuovi e succosi aggiornamento. Have a look!

Peter Phobia – New Mural in Würzburg, Germany

Nuovo aggiornamento per Peter Phobia, l’interprete Austriaco ha da poco terminato di realizzare un nuova pittura, parte dei lavori dello Street Meet Festival di Würzburg in Germania continuando a portare avanti il personale approccio stilistico e tematico.
Dopo la bella “Freedom is important, expecially for chicken” esibizione aperta lo scorso Marzo all’interno degli spazi della SWDZ Gallery di Vienna, l’artista torna quindi a lavorare su parete, proponendo un intervento che ne raccoglie tutte le particolarità estatiche e riflessive.
Non è infatti semplice confrontarsi con le produzioni di Peter Phobia, l’interprete spinge verso un confronto diretto con lo spettatore che si trova coinvolto in immagini tratte dalla quotidianità, interrotte e sviluppate, attraverso elementi e visioni capaci di alterarne il senso. Utilizzando spesso immagini e spunti ricorrenti, l’artista imbastisce una trama realistica, quasi fotografica, alimentata da brevi testi, grandi caselle in cui si alternano situazioni di vita apparentemente normali e oggetti ed elementi capaci di generare una sorta di frattura cognitiva.
Il lavoro dell’autore risulta anzitutto fortemente influenzato da una estetica vicina all’illustrazione, con la quale traccia contesti ed accadimenti appartenenti alla vita di tutti i giorni, inserendo all’interno delle stesse dettagli, oggetti, visioni e riferimenti apparentemente slegati tra loro. Si alimentano quindi situazioni bizzarre, quasi impossibili, con cui l’interprete va a scandire la personale visione dell’esistenza umana.
In questo senso è importante sottolineare come le produzioni dell’artista gravitino intorno ad una riflessione ben precisa. Nelle sue opere c’è l’idea di produrre un riverbero visivo che, attecchisce alla realtà ma al tempo stesso si discosta da essa, proponendo chiavi di lettura differenti. Enfatizza questo stimolo l’interprete sottolineando come, per mezzo delle nostre passione, riflessioni e quotidianità, l’essere umano è portato a plasmare la propria realtà. In questo modo tutto ciò che per qualcun’altro è di poco interesse, diventa per noi fondamentale.
Per la rassegna Peter Phobia continua su questa particolare traccia tematica. La superficie viene quindi scandita da una serie di apparentemente slegate tra loro, caselle differenti dove, tra irriverenza, visioni realistiche, elementi naturali, glitch, il confronto diviene assolutamente personale ed introspettivo.
Ad accompagnare le nostre parole alcuni scatti, dateci un occhiata e restate sintonizzati qui sul Gorgo per nuovi e succosi aggiornamento. Have a look!