fbpx
GORGO

Pastel for Residencia Vatelón (Mural)

Dopo alcune settimane ecco tornare al lavoro anche Pastel, l’interprete Argentino è tornato a Villa Soriano in Argentina dove ha da poco terminato di dipingere questa piccola parete portando in dote tuto il personale e particolare approccio pittorico.
È l’occasione per tornare ad approfondire il particolare lavoro dell’interprete attraverso un intervento che rappresenta eredità diretta della precedente incursione risalante allo scorso a Settembre 2014 (Covered). L’artista torna quindi all’interno di questa splendida cornice naturale proponendo una nuova pittura legata con le sue ultime sperimentazioni pittoriche.
Le produzioni di Pastel, specialmente negli ultimi mesi, sono state segnate dalla volontà dell’autore di approfondire il proprio rapporto con la natura. Elemento sempre presente e consistente nella totalità dei lavori presentati, la componenti naturale si è fatta mano a mano sempre più protagonista principale in funzione di una elaborazione visiva in grado di raccogliere spunti tematici e personali dei luoghi visitati dallo stesso artista. La fascinazione naturale compiuta dall’interprete si sviluppa attraverso la rappresentazione di piante, fiori, pietre ed elementi organici, direttamente legati al panorama naturale del luogo di lavoro. Attraverso queste immagini, l’autore raccoglie temi e spunti eterogenei, si lancia in approfondimenti storici, economici e sociali, accadimenti che hanno profondamente interessato la zona oppure lasciandosi semplicemente affascinare dagli elementi naturali che interessano il panorama circostante. Lo stimolo visivo passa quindi per una personale impronta viscerale che va a ribaltare gli impulsi del momento, questi unificati ai temi ed alle riflessioni scelte, vanno a generare la particolare mistura visiva e tematica che accompagna la totalità delle produzioni firmate dall’artista.
Il dialogo imbastito dall’interprete vive quindi attraverso un puzzle composito di elementi naturali, questi, spesso raccolti in una forma a cerchio, vanno a comporre una trama profonda e sfaccettata, dedita al dettaglio, e capace di catalizzare un dialogo forte ed articolato con chi osserva.
Per questo suo ritorno a Villa Soriano, Pastel si concentra sulla pittura andando ad occupare la superfice di questa piccola parete. Giocando con l’equilibrio tra background e l’iconica forma, con all’interno una serie di nuove piante, l’artista conclude l’opera con una serie di inedite figure di colore bianco, forme ruvide ed irregolari, che equilibrano l’intervento. Da una parte quindi la parte organica, rappresentata dai fiori che compongono l’intreccio interno del cerchio, dall’altra quella materica con una rappresentazione dei ciottoli direttamente connessi con la particolare cornice di lavoro.
In attesa di scoprire i prossimi spostamenti dell’interprete Argentino, in calce al nostro testo potete trovare tutti i dettagli di questa sua ultima fatica, dateci un occhiata, siamo certi che anche voi non mancherete di apprezzare.

Thanks to The Artist for The Pics

Pastel for Residencia Vatelón (Mural)

Dopo alcune settimane ecco tornare al lavoro anche Pastel, l’interprete Argentino è tornato a Villa Soriano in Argentina dove ha da poco terminato di dipingere questa piccola parete portando in dote tuto il personale e particolare approccio pittorico.
È l’occasione per tornare ad approfondire il particolare lavoro dell’interprete attraverso un intervento che rappresenta eredità diretta della precedente incursione risalante allo scorso a Settembre 2014 (Covered). L’artista torna quindi all’interno di questa splendida cornice naturale proponendo una nuova pittura legata con le sue ultime sperimentazioni pittoriche.
Le produzioni di Pastel, specialmente negli ultimi mesi, sono state segnate dalla volontà dell’autore di approfondire il proprio rapporto con la natura. Elemento sempre presente e consistente nella totalità dei lavori presentati, la componenti naturale si è fatta mano a mano sempre più protagonista principale in funzione di una elaborazione visiva in grado di raccogliere spunti tematici e personali dei luoghi visitati dallo stesso artista. La fascinazione naturale compiuta dall’interprete si sviluppa attraverso la rappresentazione di piante, fiori, pietre ed elementi organici, direttamente legati al panorama naturale del luogo di lavoro. Attraverso queste immagini, l’autore raccoglie temi e spunti eterogenei, si lancia in approfondimenti storici, economici e sociali, accadimenti che hanno profondamente interessato la zona oppure lasciandosi semplicemente affascinare dagli elementi naturali che interessano il panorama circostante. Lo stimolo visivo passa quindi per una personale impronta viscerale che va a ribaltare gli impulsi del momento, questi unificati ai temi ed alle riflessioni scelte, vanno a generare la particolare mistura visiva e tematica che accompagna la totalità delle produzioni firmate dall’artista.
Il dialogo imbastito dall’interprete vive quindi attraverso un puzzle composito di elementi naturali, questi, spesso raccolti in una forma a cerchio, vanno a comporre una trama profonda e sfaccettata, dedita al dettaglio, e capace di catalizzare un dialogo forte ed articolato con chi osserva.
Per questo suo ritorno a Villa Soriano, Pastel si concentra sulla pittura andando ad occupare la superfice di questa piccola parete. Giocando con l’equilibrio tra background e l’iconica forma, con all’interno una serie di nuove piante, l’artista conclude l’opera con una serie di inedite figure di colore bianco, forme ruvide ed irregolari, che equilibrano l’intervento. Da una parte quindi la parte organica, rappresentata dai fiori che compongono l’intreccio interno del cerchio, dall’altra quella materica con una rappresentazione dei ciottoli direttamente connessi con la particolare cornice di lavoro.
In attesa di scoprire i prossimi spostamenti dell’interprete Argentino, in calce al nostro testo potete trovare tutti i dettagli di questa sua ultima fatica, dateci un occhiata, siamo certi che anche voi non mancherete di apprezzare.

Thanks to The Artist for The Pics