fbpx
GORGO

Parra – “No Work Today” at Joshua Liner Gallery (Recap)

Diamo con piacere uno sguardo a “No Work Today”, ultima esibizione firmata da Parra negli spazi della Joshua Liner Gallery di New York.
Lo show è caratterizzato da una nuova serie di dodici opere su tela, disegni a china ed una nuova ed iconica scultura. Al tempo stesso la mostra rappresenta l’idea prosegue nel percorso di maturazione stilistica intrapreso in “I can’t look at your face anymore“, precedente allestimento presentato per Ruttkowski;68 Gallery.
Se l’ispirazione è sempre legata al quotidiano, alla cultura popolare, la musica e tutti quegli avvenimenti che si susseguono nell’arco dell’esistenza, il tutto sviluppato attraverso una forte vena ironica e sessuale, l’estetica delle produzioni dell’artista è decisamente cambiata. Esattamente come per la precedente esibizione, anche qui Parra fa mostra di una approccio pittorico maggiormente flat e sintetico, con in particolare l’utilizzo dei calori a scandire la forma e l’aspetto degli elementi e degli characters rappresentati. A sparire sono inoltre i volti dei personaggi, con una maggiore attenzione per il linguaggio del corpo.
Per lo show, incentrato su tutte quelle azioni piacevoli che facciamo durante i giorni in cui non si lavora, Parra porta avanti la nuova identità estetica lavorando attraverso tavolozze di colori cerulei e cremisi. L’impressione è quella di un netto avvicinamento ad un approccio maggiormente legato alla forma, con l’autore che sta letteralmente spingendo verso una sorta di personale astrazione.
Se vi trovate in zona c’è tempo fino al prossimo 17 di Dicembre per andare a darci un occhiata di persona, nel frattempo dopo il salto una bella panoramica dell’allestimento proposto dal grande artista.

Joshua Liner Gallery
540 W. 28th St.
New York, NY 10001

Pics by The Gallery

Parra – “No Work Today” at Joshua Liner Gallery (Recap)

Diamo con piacere uno sguardo a “No Work Today”, ultima esibizione firmata da Parra negli spazi della Joshua Liner Gallery di New York.
Lo show è caratterizzato da una nuova serie di dodici opere su tela, disegni a china ed una nuova ed iconica scultura. Al tempo stesso la mostra rappresenta l’idea prosegue nel percorso di maturazione stilistica intrapreso in “I can’t look at your face anymore“, precedente allestimento presentato per Ruttkowski;68 Gallery.
Se l’ispirazione è sempre legata al quotidiano, alla cultura popolare, la musica e tutti quegli avvenimenti che si susseguono nell’arco dell’esistenza, il tutto sviluppato attraverso una forte vena ironica e sessuale, l’estetica delle produzioni dell’artista è decisamente cambiata. Esattamente come per la precedente esibizione, anche qui Parra fa mostra di una approccio pittorico maggiormente flat e sintetico, con in particolare l’utilizzo dei calori a scandire la forma e l’aspetto degli elementi e degli characters rappresentati. A sparire sono inoltre i volti dei personaggi, con una maggiore attenzione per il linguaggio del corpo.
Per lo show, incentrato su tutte quelle azioni piacevoli che facciamo durante i giorni in cui non si lavora, Parra porta avanti la nuova identità estetica lavorando attraverso tavolozze di colori cerulei e cremisi. L’impressione è quella di un netto avvicinamento ad un approccio maggiormente legato alla forma, con l’autore che sta letteralmente spingendo verso una sorta di personale astrazione.
Se vi trovate in zona c’è tempo fino al prossimo 17 di Dicembre per andare a darci un occhiata di persona, nel frattempo dopo il salto una bella panoramica dell’allestimento proposto dal grande artista.

Joshua Liner Gallery
540 W. 28th St.
New York, NY 10001

Pics by The Gallery