fbpx
GORGO

Il murale dipinto da Ozmo a Bolgheri

Ozmo ha da poco terminato di realizzare un nuovo murale a Bolgheri, frazione del comune di Castagneto Carducci in provincia di Livorno.
Lasciandosi influenzare ed ispirare dall’ambiente di lavoro e lavorando come sempre attraverso differenti livelli di interpretazione, l’artista ha dipinto il muro esterno de Le Macchiole, prestigiosa cantina del bolgherese.

La pittura è interamente realizzata in chiaroscuro e spicca per la grande quantità di elementi rappresentati da Ozmo. L’artista dà forma e sostanza a figure e scene differenti , alcune esplicitamente riferite al territorio come il volto di Giosuè Carducci e il Viale dei Cipressi, il castello di Bolgheri, il cinghiale (simbolo della Maremma) la vite e Pinocchio, altre maggiormente libere come La Libertà che guida il popolo, ripresa dal famoso quadro di Delacroix.
Ancora una volta Ozmo sviluppa un opera contestuale all’ambiente di lavoro e al tempo stesso stimolante per chi osserva attraverso quel vagare libero, all’interno di una visione aperta a differenti e possibili combinazioni e significazioni, tipico della sua ricerca pittorica.

Photo credit: The Artist

Il murale dipinto da Ozmo a Bolgheri

Ozmo ha da poco terminato di realizzare un nuovo murale a Bolgheri, frazione del comune di Castagneto Carducci in provincia di Livorno.
Lasciandosi influenzare ed ispirare dall’ambiente di lavoro e lavorando come sempre attraverso differenti livelli di interpretazione, l’artista ha dipinto il muro esterno de Le Macchiole, prestigiosa cantina del bolgherese.

La pittura è interamente realizzata in chiaroscuro e spicca per la grande quantità di elementi rappresentati da Ozmo. L’artista dà forma e sostanza a figure e scene differenti , alcune esplicitamente riferite al territorio come il volto di Giosuè Carducci e il Viale dei Cipressi, il castello di Bolgheri, il cinghiale (simbolo della Maremma) la vite e Pinocchio, altre maggiormente libere come La Libertà che guida il popolo, ripresa dal famoso quadro di Delacroix.
Ancora una volta Ozmo sviluppa un opera contestuale all’ambiente di lavoro e al tempo stesso stimolante per chi osserva attraverso quel vagare libero, all’interno di una visione aperta a differenti e possibili combinazioni e significazioni, tipico della sua ricerca pittorica.

Photo credit: The Artist