GORGO

NWO New Wall Order at Office Creative Ansaldo (Recap)

Con l’uscita dello splendido video siamo pronti finalmente a mostrarvi tutti i dettagli dei lavori realizzati per NWO New Wall Order da 108, 2501, CT, El Euro, Giorgio Bartocci e Ufocinque su questa lunga parete all’interno delle Officine Creative Ansaldo di Milano.
Tenutasi lo scorso mese l’evento ha visto al lavoro in un live painting all’interno dello spazio espositivo delle Officine Creative Ansaldo, alcuni dei volti più importanti e rappresentativi della nostra scena che hanno avuto modo di esprimersi nel migliore dei modi su un’unica grande parete. Ogni interprete partecipante porta con se il proprio differente linguaggio visivo, ed investe il proprio spazio attraverso background ed esperienze diversificate. Il nome NWO New Wall Order come detto prende ispirazione dall’idea di new world order, famosa teoria complottistica, in questo caso per la sigla si trasforma andando a mettere l’accento ed a rimarcare il profondo cambio direzionale e stilistico che ha coinvolti ogni singolo artista partecipante. Ognuno dei soggetti ha infatti attraversato un evoluzione personale partendo dal comune background da writers, da qui ognuno di essi è andato ad evolvere il proprio approccio, scrollandosi di dosso le imposizioni del vecchio ordine, per abbracciare piuttosto un idea di ricerca e di stile più personale, unica e caratteristica.
I nomi scelti come detto sono di primissimo livello e spaziano verso e da differenti approcci, chi prosegue il personale studio sulla forma a chi impronta il proprio lavoro verso un ottica maggiormente figurativa, passando per un influenze tematiche maggiormente rimarcate, per un risultato finale che nel suo insieme evoca stili ed approcci peculiari.
Caratterizzato da un utilizzo comune del bianco e del nero come (quasi) unici vettori visivi, ogni singola opera presentata dagli artisti partecipanti rispecchia il personale percorso visivo, 108 prosegue nella sua personale inflessione tematica a carattere naturale con l’elaborazione di una delle sue canoniche di figure questa alimentata unicamente da una serie di linee, 2501 porta in dote in una delle tipiche composizioni, ancora una volta caratterizzata dalle peculiari linee sinuose in un bel binomio bianco e nero e total black, troviamo poi CT che continua il personale dialogo con le lettere attraverso una scomposizione ed un arrangiamento criptico delle sue stesse iniziali che dà vita ad una nuova ed inedita forma, oppure Eleuro va attraverso il suo caratteristico stile grafico a dipingere una parete nella parete caratterizzando l’opera con il consueto significato riflessivo e con l’inserimento di scritte e personaggi surreali, Giorgio Bartocci dal canto suo torna a proporre le sue peculiari ombre danzanti, qui in un numero incredibile, con le quali alimenta la personale ricerca sulle differenti sfaccettature dell’animo umano, last but not least UfoCinque che sceglie di trasformare lo spazio a disposizione in una grande forma che simula gli effetti dei suoi peculiari lavori con la carta.
Non vi facciamo mancare nulla, video recap, con la regia di Tommaso Matteocci per Icaro Platform e soundtrack realizzata da Asso Spades, Outemat Music e Jazzatron, con il quale abbiamo modo di vedere da vicino tutti gli artisti coinvolti durante le fasi di lavoro, alcuni scatti dei work in progress, risultato finale e dettagli di ogni singola pittura realizzata, è tutto vostro, dateci un occhiata.

Work in progress Pics by Marco Schiavone

NWO New Wall Order at Office Creative Ansaldo (Recap)

Con l’uscita dello splendido video siamo pronti finalmente a mostrarvi tutti i dettagli dei lavori realizzati per NWO New Wall Order da 108, 2501, CT, El Euro, Giorgio Bartocci e Ufocinque su questa lunga parete all’interno delle Officine Creative Ansaldo di Milano.
Tenutasi lo scorso mese l’evento ha visto al lavoro in un live painting all’interno dello spazio espositivo delle Officine Creative Ansaldo, alcuni dei volti più importanti e rappresentativi della nostra scena che hanno avuto modo di esprimersi nel migliore dei modi su un’unica grande parete. Ogni interprete partecipante porta con se il proprio differente linguaggio visivo, ed investe il proprio spazio attraverso background ed esperienze diversificate. Il nome NWO New Wall Order come detto prende ispirazione dall’idea di new world order, famosa teoria complottistica, in questo caso per la sigla si trasforma andando a mettere l’accento ed a rimarcare il profondo cambio direzionale e stilistico che ha coinvolti ogni singolo artista partecipante. Ognuno dei soggetti ha infatti attraversato un evoluzione personale partendo dal comune background da writers, da qui ognuno di essi è andato ad evolvere il proprio approccio, scrollandosi di dosso le imposizioni del vecchio ordine, per abbracciare piuttosto un idea di ricerca e di stile più personale, unica e caratteristica.
I nomi scelti come detto sono di primissimo livello e spaziano verso e da differenti approcci, chi prosegue il personale studio sulla forma a chi impronta il proprio lavoro verso un ottica maggiormente figurativa, passando per un influenze tematiche maggiormente rimarcate, per un risultato finale che nel suo insieme evoca stili ed approcci peculiari.
Caratterizzato da un utilizzo comune del bianco e del nero come (quasi) unici vettori visivi, ogni singola opera presentata dagli artisti partecipanti rispecchia il personale percorso visivo, 108 prosegue nella sua personale inflessione tematica a carattere naturale con l’elaborazione di una delle sue canoniche di figure questa alimentata unicamente da una serie di linee, 2501 porta in dote in una delle tipiche composizioni, ancora una volta caratterizzata dalle peculiari linee sinuose in un bel binomio bianco e nero e total black, troviamo poi CT che continua il personale dialogo con le lettere attraverso una scomposizione ed un arrangiamento criptico delle sue stesse iniziali che dà vita ad una nuova ed inedita forma, oppure Eleuro va attraverso il suo caratteristico stile grafico a dipingere una parete nella parete caratterizzando l’opera con il consueto significato riflessivo e con l’inserimento di scritte e personaggi surreali, Giorgio Bartocci dal canto suo torna a proporre le sue peculiari ombre danzanti, qui in un numero incredibile, con le quali alimenta la personale ricerca sulle differenti sfaccettature dell’animo umano, last but not least UfoCinque che sceglie di trasformare lo spazio a disposizione in una grande forma che simula gli effetti dei suoi peculiari lavori con la carta.
Non vi facciamo mancare nulla, video recap, con la regia di Tommaso Matteocci per Icaro Platform e soundtrack realizzata da Asso Spades, Outemat Music e Jazzatron, con il quale abbiamo modo di vedere da vicino tutti gli artisti coinvolti durante le fasi di lavoro, alcuni scatti dei work in progress, risultato finale e dettagli di ogni singola pittura realizzata, è tutto vostro, dateci un occhiata.

Work in progress Pics by Marco Schiavone