fbpx
GORGO

Nuria Mora at Winterlong Galerie (Recap)

Uno sguardo approfondito a “Object in the Mirror are Closer than They appears”, prima personale in assoluto della grande artista Spagnola Nuria Mora.
Con alle spalle qualcosa come 17 anni di lavoro in strada, Nuria Mora porta avanti un personalissima percorso estetico in cui, elementi, textures e forme astratte di tipo geometrico, vanno a plasmare, in totale simbiosi, lo spazio di lavoro. Si tratta di una peculiare estetica che si rifà alla vita quotidiana, rielaborandone l’aspetto attraverso astrazioni poetiche e potenti. Al tempo stesso l’interprete riflette sul suo stesso operato artistico, con particolare attenzione alla posizione dell’artista nei confronti dell’ambiente di lavoro, e quello dello spettatore di fronte alla creazione.
Parte del collettivo Equipo Plástico, insieme ad Eltono, Nano4814 e Sixeart, l’autrice apre all’interno degli spazi de Le Pilori, la sua prima esibizione personale. Lo show è pensato e realizzato interamente per gli spazi di questa splendida costruzione del XVI Secolo a Niort ed al tempo stesso, rappresenta l’opportunità per un approfondimento cosciente all’interno delle differenti influenze dell’autrice.
L’allestimento presentato per questa sua prima mostra è caratterizzato da una grande installazione e da una serie di lavori personali. Le sculture “Buoys” sono una peculiare metafora sul ruolo dell’arte come ancora di salvezza per ciascuno di noi. Una sorta di linfa vitale con la quale è possibile interagire da differenti punti di vista, con l’idea quindi che lo spettatore, in base alla sua posizione, tragga spunti personali ed introspettivi differenti.
Come spesso accade per ciascuno dei suoi progetti, fortemente legati alle esperienze ed alle impressione dei luoghi di lavoro in cui prendono vita, anche qui c’è la volontà dell’artista di farci immergere in questa articolata visione. La serie infatti, presentata in Messico e sviluppata a Madrid, vede Nuria Mora riflettere sul senso dell’arte come personale forma di terapia introspettiva.
Ad accompagnare il nostro testo una bella e ricca serie di scatti con tutti i dettagli di questa bella esibizione, c’è tempo fino al 4 di Giungo per andare a darci un occhiata di persona, nel frattempo scrollate giù per tutti i dettagli del caso.

Winterlong Galerie c/o Le Pilori
Place du Pilori
79000 Niort, Francia

Thanks to The Gallery for The Pics
Pics by Alex Giraud

Nuria Mora at Winterlong Galerie (Recap)

Uno sguardo approfondito a “Object in the Mirror are Closer than They appears”, prima personale in assoluto della grande artista Spagnola Nuria Mora.
Con alle spalle qualcosa come 17 anni di lavoro in strada, Nuria Mora porta avanti un personalissima percorso estetico in cui, elementi, textures e forme astratte di tipo geometrico, vanno a plasmare, in totale simbiosi, lo spazio di lavoro. Si tratta di una peculiare estetica che si rifà alla vita quotidiana, rielaborandone l’aspetto attraverso astrazioni poetiche e potenti. Al tempo stesso l’interprete riflette sul suo stesso operato artistico, con particolare attenzione alla posizione dell’artista nei confronti dell’ambiente di lavoro, e quello dello spettatore di fronte alla creazione.
Parte del collettivo Equipo Plástico, insieme ad Eltono, Nano4814 e Sixeart, l’autrice apre all’interno degli spazi de Le Pilori, la sua prima esibizione personale. Lo show è pensato e realizzato interamente per gli spazi di questa splendida costruzione del XVI Secolo a Niort ed al tempo stesso, rappresenta l’opportunità per un approfondimento cosciente all’interno delle differenti influenze dell’autrice.
L’allestimento presentato per questa sua prima mostra è caratterizzato da una grande installazione e da una serie di lavori personali. Le sculture “Buoys” sono una peculiare metafora sul ruolo dell’arte come ancora di salvezza per ciascuno di noi. Una sorta di linfa vitale con la quale è possibile interagire da differenti punti di vista, con l’idea quindi che lo spettatore, in base alla sua posizione, tragga spunti personali ed introspettivi differenti.
Come spesso accade per ciascuno dei suoi progetti, fortemente legati alle esperienze ed alle impressione dei luoghi di lavoro in cui prendono vita, anche qui c’è la volontà dell’artista di farci immergere in questa articolata visione. La serie infatti, presentata in Messico e sviluppata a Madrid, vede Nuria Mora riflettere sul senso dell’arte come personale forma di terapia introspettiva.
Ad accompagnare il nostro testo una bella e ricca serie di scatti con tutti i dettagli di questa bella esibizione, c’è tempo fino al 4 di Giungo per andare a darci un occhiata di persona, nel frattempo scrollate giù per tutti i dettagli del caso.

Winterlong Galerie c/o Le Pilori
Place du Pilori
79000 Niort, Francia

Thanks to The Gallery for The Pics
Pics by Alex Giraud