fbpx
GORGO

No Curves – New Piece at Tribeca Factory

A distanza di tempo torniamo a parlarvi del lavoro di No Curves, l’artista ha da poco terminato un nuovo intervento all’interno della Tribeca Factory di Prato, miscelando ai suoi canonici lavori con il nastro adesivo anche una serie di strutture in legno.
Come abbiamo avuto modo di vedere il lavoro di No Curves poggia le sue basi sull’utilizzo del nastro adesivo come strumento e materiale di lavoro, un medium particolare che viene sviscerato dall’artista attraverso una serie di linee piatte e segmentate atte nella loro molteplicità ed intelaiatura a far emergere tutta la complessità di un volto umano, dei suoi tratti, passando per lo sguardo e la particolare e personale conformazione fisionomica. Il risultato finale è un lavoro assolutamente vivo che riflette tutta la pazienza e la precisione dell’artista di dialogare con un medium così insolito e che l’interprete veicola attraverso l’utilizzo di più livelli di elaborazione, attraverso gli stessi No Curves riesce ad imprimere profondità e soprattutto a regalare un fortissimo senso di dettaglio alimentato dalle differenti strutture e grandezze che compongono la soluzione finale. Come in una novella alchimia quindi l’artista esercita la propria visione servendosi di rette, segmenti e semi rette, intersecandole tra loro, muovendone la grandezza e la lunghezza fino a definire la forma finale desiderata che richiama fortemente uno stile visivo dell’era a 16bit con colori acidi, saturi e belli accesi.
In quest’ultimo intervento No Curves esplora quindi un ambiente nuovo, anzitutto non realizza un volto ma piuttosto concentra la propria idea su di una scritta, a colpire maggiormente però è l’efficacissima interazione con il legno che permette all’interprete di sviluppare anzitutto una certa tridimensionalità al lavoro, l’artista si dimostra assolutamente a proprio agio con questo nuovo medium intersecando alle grandi forme in legno minuscole linee di giunzione elaborate attraverso la consueta tecnica. Un lavoro che ci ha incuriosito e che siamo certi troverà seguito nelle prossime produzioni targate dall’italiano, non vi resta che dare un occhiata alla serie di scatti, qui invece trovate il bel time-lapse video con tutte le fasi di realizzazione del bel pezzo, enjoy it.

Thanks to The Artist for The Pics
Pics by Jody Mattioli

No Curves – New Piece at Tribeca Factory

A distanza di tempo torniamo a parlarvi del lavoro di No Curves, l’artista ha da poco terminato un nuovo intervento all’interno della Tribeca Factory di Prato, miscelando ai suoi canonici lavori con il nastro adesivo anche una serie di strutture in legno.
Come abbiamo avuto modo di vedere il lavoro di No Curves poggia le sue basi sull’utilizzo del nastro adesivo come strumento e materiale di lavoro, un medium particolare che viene sviscerato dall’artista attraverso una serie di linee piatte e segmentate atte nella loro molteplicità ed intelaiatura a far emergere tutta la complessità di un volto umano, dei suoi tratti, passando per lo sguardo e la particolare e personale conformazione fisionomica. Il risultato finale è un lavoro assolutamente vivo che riflette tutta la pazienza e la precisione dell’artista di dialogare con un medium così insolito e che l’interprete veicola attraverso l’utilizzo di più livelli di elaborazione, attraverso gli stessi No Curves riesce ad imprimere profondità e soprattutto a regalare un fortissimo senso di dettaglio alimentato dalle differenti strutture e grandezze che compongono la soluzione finale. Come in una novella alchimia quindi l’artista esercita la propria visione servendosi di rette, segmenti e semi rette, intersecandole tra loro, muovendone la grandezza e la lunghezza fino a definire la forma finale desiderata che richiama fortemente uno stile visivo dell’era a 16bit con colori acidi, saturi e belli accesi.
In quest’ultimo intervento No Curves esplora quindi un ambiente nuovo, anzitutto non realizza un volto ma piuttosto concentra la propria idea su di una scritta, a colpire maggiormente però è l’efficacissima interazione con il legno che permette all’interprete di sviluppare anzitutto una certa tridimensionalità al lavoro, l’artista si dimostra assolutamente a proprio agio con questo nuovo medium intersecando alle grandi forme in legno minuscole linee di giunzione elaborate attraverso la consueta tecnica. Un lavoro che ci ha incuriosito e che siamo certi troverà seguito nelle prossime produzioni targate dall’italiano, non vi resta che dare un occhiata alla serie di scatti, qui invece trovate il bel time-lapse video con tutte le fasi di realizzazione del bel pezzo, enjoy it.

Thanks to The Artist for The Pics
Pics by Jody Mattioli