fbpx
GORGO

Nemo’s – New Mural in Messina

[:en]

The return in the streets by Nemo’s is one of those powerful, the Italian artist has just finished to create this intense work in Messina, a piece devoted to Saamiya Yusuf Omar and all those thousands of people drowned crossing the Mediterranean Sea.
Nemo’s stings, stings and makes us reflect through a painting never dull, always linked to relevant topics through which the artist reflects the current times, society and man. The story of Samia Yusuf Omar is a story like many others, a story of hope for redemption but also a tragic death. The Somali woman, who in 2007 took part in the Beijing Olympics, in an attempt to find freedom from the oppression of fundamentalism, tried to reach the shores of Italy. She tried.
Entitled “Without Name” this last effort by Nemo’s faces different themes, from the thousands of people who die trying to cross the sea that separates them from freedom, but also about the way in which these deaths are faced by the media and by ordinary people, with indifference, hatred, selfishness.
How to put wet cloths to dry, wet and not drowning, the same are deaths in this story, cold and apparently linked to appearance that often deceives. Word.

Pics via Bsa

[:it]

Il ritorno in strada di Nemo’s è di quelli potenti, l’artista italiano ha da poco terminato di realizzare questa intensa opera a Messina, un intervento dedicato a Saamiya Yusuf Omar e tutte quelle migliaia di persone morte annegate attraversando il mare Mediterraneo.
Punge Nemo’s, punge e fa riflettere attraverso una pittura mai banale, sempre legata a temi rilevanti attraverso i quali l’artista riflette sui tempi attuali, sulla società e sull’uomo. La vicenda di Samia Yusuf Omar è una storia come tante, di speranza di riscatto ma soprattutto di una tragica morte. La donna somala, che nel 2007 aveva partecipato alle Olimpiadi di Pechino, nel tentativo di trovare la libertà dall’oppressione dell’integralismo, ha cercato di raggiungere le coste dell’Italia. Ha cercato.
Dal titolo “Without Name” quest’ultima fatica di Nemo’s affronta temi differenti, dalle migliaia di persone che muoiono cercando di attraversare il mare che li divide dalla libertà, ma soprattutto il modo in cui queste morti vengono affrontate dai mass media e dalla gente comune, con disinteresse, odio, egoismo.
Come panni bagnati messi ad asciugare, bagnati e non affogati, lo stesso sono in morti di questa vicenda, freddi e legati all’apparenza che spesso inganna. Word.

Pics via Bsa

[:]

Nemo’s – New Mural in Messina

[:en]

The return in the streets by Nemo’s is one of those powerful, the Italian artist has just finished to create this intense work in Messina, a piece devoted to Saamiya Yusuf Omar and all those thousands of people drowned crossing the Mediterranean Sea.
Nemo’s stings, stings and makes us reflect through a painting never dull, always linked to relevant topics through which the artist reflects the current times, society and man. The story of Samia Yusuf Omar is a story like many others, a story of hope for redemption but also a tragic death. The Somali woman, who in 2007 took part in the Beijing Olympics, in an attempt to find freedom from the oppression of fundamentalism, tried to reach the shores of Italy. She tried.
Entitled “Without Name” this last effort by Nemo’s faces different themes, from the thousands of people who die trying to cross the sea that separates them from freedom, but also about the way in which these deaths are faced by the media and by ordinary people, with indifference, hatred, selfishness.
How to put wet cloths to dry, wet and not drowning, the same are deaths in this story, cold and apparently linked to appearance that often deceives. Word.

Pics via Bsa

[:it]

Il ritorno in strada di Nemo’s è di quelli potenti, l’artista italiano ha da poco terminato di realizzare questa intensa opera a Messina, un intervento dedicato a Saamiya Yusuf Omar e tutte quelle migliaia di persone morte annegate attraversando il mare Mediterraneo.
Punge Nemo’s, punge e fa riflettere attraverso una pittura mai banale, sempre legata a temi rilevanti attraverso i quali l’artista riflette sui tempi attuali, sulla società e sull’uomo. La vicenda di Samia Yusuf Omar è una storia come tante, di speranza di riscatto ma soprattutto di una tragica morte. La donna somala, che nel 2007 aveva partecipato alle Olimpiadi di Pechino, nel tentativo di trovare la libertà dall’oppressione dell’integralismo, ha cercato di raggiungere le coste dell’Italia. Ha cercato.
Dal titolo “Without Name” quest’ultima fatica di Nemo’s affronta temi differenti, dalle migliaia di persone che muoiono cercando di attraversare il mare che li divide dalla libertà, ma soprattutto il modo in cui queste morti vengono affrontate dai mass media e dalla gente comune, con disinteresse, odio, egoismo.
Come panni bagnati messi ad asciugare, bagnati e non affogati, lo stesso sono in morti di questa vicenda, freddi e legati all’apparenza che spesso inganna. Word.

Pics via Bsa

[:]