fbpx
GORGO

Mundane: Axel Void in mostra da Delimbo Gallery

L’elemento distintivo della pittura di Axel Void è lo storytelling, l’artista attraverso il proprio immaginario si sofferma sugli aspetti culturali e sociali che regolano le interazioni e le abitudine delle persone. Attraverso la pittura, la fotografia, la scultura e l’installazione video, l’artista riflette nei suoi personaggi la condizione umana contestualizzandola attraverso l’idea di memoria collettiva.

La mostra ospitata da Delimbo Gallery prosegue lo sviluppo di questi temi, Mundane è infatti un saggio poetico e filosofico tradotto in linguaggio pittorico. Il punto di partenza della mostra è il significato distorto e l’uso dispregiativo attribuito alla parola mondano. Il corpo di lavoro, composto da una serie di dipinti su tela, animazioni e installazioni, propone infatti di esplorare questa caratterizzazione tratteggiando la vita quotidiana da una prospettiva oggettiva.
La mostra è presentata come un saggio visivo ed attraverso una divisione in sette aree tematiche basate sull’influenza metafisica e sul rapporto con i costrutti che adottiamo nel regolare le nostre vite. I sette temi sono: Conoscenza e Credo, Contesto o Natura, Dialogo / Noi, Tempo, Identità ed Ego, Costrutti sociali e Amore. La mostra sarà visibile fino al prossimo 9 di Febbraio.

Delimbo Gallery
Calle Pérez Galdós, 1
41004 Sevilla, Spagna

Photo credit: Courtesy of Delimbo

Mundane: Axel Void in mostra da Delimbo Gallery

L’elemento distintivo della pittura di Axel Void è lo storytelling, l’artista attraverso il proprio immaginario si sofferma sugli aspetti culturali e sociali che regolano le interazioni e le abitudine delle persone. Attraverso la pittura, la fotografia, la scultura e l’installazione video, l’artista riflette nei suoi personaggi la condizione umana contestualizzandola attraverso l’idea di memoria collettiva.

La mostra ospitata da Delimbo Gallery prosegue lo sviluppo di questi temi, Mundane è infatti un saggio poetico e filosofico tradotto in linguaggio pittorico. Il punto di partenza della mostra è il significato distorto e l’uso dispregiativo attribuito alla parola mondano. Il corpo di lavoro, composto da una serie di dipinti su tela, animazioni e installazioni, propone infatti di esplorare questa caratterizzazione tratteggiando la vita quotidiana da una prospettiva oggettiva.
La mostra è presentata come un saggio visivo ed attraverso una divisione in sette aree tematiche basate sull’influenza metafisica e sul rapporto con i costrutti che adottiamo nel regolare le nostre vite. I sette temi sono: Conoscenza e Credo, Contesto o Natura, Dialogo / Noi, Tempo, Identità ed Ego, Costrutti sociali e Amore. La mostra sarà visibile fino al prossimo 9 di Febbraio.

Delimbo Gallery
Calle Pérez Galdós, 1
41004 Sevilla, Spagna

Photo credit: Courtesy of Delimbo