GORGO

Moneyless “Fragmentations” at BC Gallery (Preview)

Con l’apertura prevista il prossimo 14 di Maggio, andiamo ad approfondire “Fragmentations” ultimo solo show firmato da Moneyless all’interno degli spazi della bella BC Gallery di Berlino che continua così la sua ottima programmazione.

Lo show giunge in un momento particolare del percorso del grande interprete Italiano, al lavoro per l’eccellente FORM Public Project di Perh in Australia, Moneyless ha svelato la sua nuova direzione stilistica, intraprendendo un percorso capace si, di lasciare intatto il fulcro tematico della sua ricerca, ed al tempo stesso di variare profondamente il suo aspetto finale.

Sottrarre per evolversi, ancora una volta sembra essere questo il mantra spirituale delle produzioni firmate dall’autore. La volontà di eliminare ed arrivare ad un sublimazione visiva cosciente, catartica e capace di ben raffigurare lo spettro percettivo ed emotivo della stessa esistenza umana. Il cerchio in questo senso, continua a rappresentare, per purezza e per ciclicità, l’elemento cardine. Non viene più tratteggiato come forma totale, quanto piuttosto accennato, spezzato nella sua stessa forma, in balia dell’immaginario di chi osserva, costretto a ricomporre i vari segmenti fino a formare le immagini e le direzioni delle figure ripetute. Sottrarre dicevamo, al tempo stesso l’artista, proprio con la splendida composizione realizzata per il progetto Australiano, veicola un nuovo impulso, scinde lo spazio, distrugge la linearità della superfice, ricomponendo un puzzle del tutto nuovo. C’è una sorta di tensione emotiva, una frammentazione appunto, di stati d’animo, percezioni ed impulsi differenti. Lo spettatore viene investito, caricato ed invogliato a partecipare al processo creativo, diviene parte dello stesso con le opere capaci di scavare e di entrare sottopelle, di stimolare ed avvolgere.

In attesa di dare un occhiata approfondita alle opere che costituiranno l’allestimento dello show, vi lasciamo ad alcune immagini in preview, dateci un occhiata e restate sintonizzati e se vi trovate in zona, non mancate l’appuntamento.

The artwork of “Fragmentations” is the result of an artistic journey that led to the deconstruction and transformation of the most important aspect of Moneyless’ work, which is the circle, into a dimension of pure movement by depriving it of its perfect form and replacing it with a more human and fleeting tension.The fragments have become the foundation of a new piece of art that animates and invites the spectator’s eye to be part of the creative process. The movement and the strain of the motion thrust were previously represented by a string of static circumferences. Now, the lines suggest a finiteness that the eye can subconsciously recreate, giving the painting a sense of ephemeral completeness.Movement is thus being released beyond the painting and into the surrounding space

BC Gallery
Libauer Str. 14
10245 Berlin

Moneyless “Fragmentations” at BC Gallery (Preview)

Con l’apertura prevista il prossimo 14 di Maggio, andiamo ad approfondire “Fragmentations” ultimo solo show firmato da Moneyless all’interno degli spazi della bella BC Gallery di Berlino che continua così la sua ottima programmazione.

Lo show giunge in un momento particolare del percorso del grande interprete Italiano, al lavoro per l’eccellente FORM Public Project di Perh in Australia, Moneyless ha svelato la sua nuova direzione stilistica, intraprendendo un percorso capace si, di lasciare intatto il fulcro tematico della sua ricerca, ed al tempo stesso di variare profondamente il suo aspetto finale.

Sottrarre per evolversi, ancora una volta sembra essere questo il mantra spirituale delle produzioni firmate dall’autore. La volontà di eliminare ed arrivare ad un sublimazione visiva cosciente, catartica e capace di ben raffigurare lo spettro percettivo ed emotivo della stessa esistenza umana. Il cerchio in questo senso, continua a rappresentare, per purezza e per ciclicità, l’elemento cardine. Non viene più tratteggiato come forma totale, quanto piuttosto accennato, spezzato nella sua stessa forma, in balia dell’immaginario di chi osserva, costretto a ricomporre i vari segmenti fino a formare le immagini e le direzioni delle figure ripetute. Sottrarre dicevamo, al tempo stesso l’artista, proprio con la splendida composizione realizzata per il progetto Australiano, veicola un nuovo impulso, scinde lo spazio, distrugge la linearità della superfice, ricomponendo un puzzle del tutto nuovo. C’è una sorta di tensione emotiva, una frammentazione appunto, di stati d’animo, percezioni ed impulsi differenti. Lo spettatore viene investito, caricato ed invogliato a partecipare al processo creativo, diviene parte dello stesso con le opere capaci di scavare e di entrare sottopelle, di stimolare ed avvolgere.

In attesa di dare un occhiata approfondita alle opere che costituiranno l’allestimento dello show, vi lasciamo ad alcune immagini in preview, dateci un occhiata e restate sintonizzati e se vi trovate in zona, non mancate l’appuntamento.

The artwork of “Fragmentations” is the result of an artistic journey that led to the deconstruction and transformation of the most important aspect of Moneyless’ work, which is the circle, into a dimension of pure movement by depriving it of its perfect form and replacing it with a more human and fleeting tension.The fragments have become the foundation of a new piece of art that animates and invites the spectator’s eye to be part of the creative process. The movement and the strain of the motion thrust were previously represented by a string of static circumferences. Now, the lines suggest a finiteness that the eye can subconsciously recreate, giving the painting a sense of ephemeral completeness.Movement is thus being released beyond the painting and into the surrounding space

BC Gallery
Libauer Str. 14
10245 Berlin